HOT INTERVIEWS

Dagli esordi ai nuovi progetti – Intervista a Gustavo Voz Perdida

Posted on 1 agosto 2019Rispondi

Ho intervistato Gustavo Voz Perdida, cantante Hip Hop/Reggaeton della scena italiana e non solo. Il suo primo esordio discografico avvenne nel 2017 insieme al duo Smoothies con il brano “Como fue” incluso in “Mamacita compilation Vol.2”, susseguito dall’uscita di altri singoli. Lo scorso Maggio ai Latin Music Awards di Milano ha ricevuto il premio come migliore artista Pop Latino 2018  e qualche giorno fa ho scambiato con lui quattro chiacchiere in merito al suo percorso artistico ricco di musica.

Buona lettura!

 

 

Dalla hit “Ponteme” al nuovo singolo “Touch My Body” – Intervista a Jenn Morel

Sono molto felice di aver intervistato la cantante Jenn Morel, attrice e ballerina nata e cresciuta nelle montagne della Repubblica Dominicana.
Tra le varie curiosità, Jenn all’età di sei anni si trasferisce negli Stati Uniti e il suo approccio con il mondo dello spettacolo avviene nelle vesti di Go – Go dancer e cubista a New York, in discoteche leggendarie come il Pacha, entrando successivamente  anche nel corpo di ballo di artisti come LMFAO e Ne-Yo per citarne alcuni.
In seguito all’enorme successo di “Ponteme”disco di platino in Italia nel 2017 con oltre 35 milioni di visualizzazioni e 11 milioni di plays su Spotify, Jenn Morel dopo aver rilasciato altri brani durante gli anni, ha pubblicato il nuovo singolo “Touch My Body” sull’etichetta italiana EGO, in collaborazione con Joelii ed HJM.

Buona lettura!

Ciao Jenn! Nasci come attrice e negli scorsi anni sei stata anche ballerina per artisti del calibro di LMFAO, Ne-Yo e sei apparsa in video musicali di Drake, Nicki Minaj e Trey Songz. 
Prima di parlare del tuo scoppiettante presente, non posso non chiederti quando hai avuto l’approccio con l’Hip Hop e il Reggaeton?

Il mio approccio alla cultura Hip Hop / Reggueton è avvenuto ballando nei night club di New York, come cubista/ballerina. Lì ho incontrato un agente di casting per video musicali, che mi ha preso in simpatia e mi ha scelto per molti video di Urban American Music, dandomi la possibilità di costruire rapidamente un progetto come modella Urban a New York.

ENG My introduction to the hip hop/ Reggueton culture came through me dancing in NYC night clubs, as a GoGo dancer (cubista). There I met a casting agent for music videos, who took a liking to me and casted me for many Urban American Music videos. Which quickly helped me build a name for myself as an Urban model in NYC.

Nel 2017 hai conquistato l’Italia con il singolo “Ponteme”, una vera HIT con cui hai scalato tutte le classifiche musicali. Com’è nata? Ti aspettavi  tutto questo riscontro?
Ho GRANDI SOGNI e mi piace lavorare sodo per realizzarli!
Sentivo nel profondo del mio cuore che sarebbe diventata una grande canzone, ma non avevo idea di quanto grandi sarebbero stati i risultati. Sono ancora stupita! Sembra ancora tutto surreale! Sono grata all’Italia per come ha percepito la mia musica e per l’amore che il suo pubblico mi dimostra giornalmente. Tutto ha avuto inizio con i miei video su Instagram da 1 minuto chiamati #flowfriday.

ENG I have BIG DREAMS, and I love to work hard for them! I had a great feeling deep down in my gut that it was going to be a BIG song. But I truly had no idea of how big the song was going to be. Im still in awe. It still feels surreal. I am overwhelmed with gratitude how Italy received my song and the love they show me. And to think, it all started from my 1 minute Instagram flows called #flowfriday. 


In seguito a questo brano, hai rilasciato  altri successi tra cui “Peligrosa” con Kronik & Krunk e Martina La Peligrosa, “1990”, “Licky” in collaborazione con Claydee, “Buscando” (feat. GTA) , “Kumbara”, arrivando all’uscita di “Tra” e dell’ultimo singolo “Touch My Body” (feat. HJM e Joelii) rilasciato su EGO. 
Quali sono i tre aggettivi che rappresentano al meglio la tua musica?

Energica, colorata/vivace e intensa!

ENG Energy, colorful, powerful.

Spesso sei in tour nei club e festival italiani. 
Com’è il pubblico italiano? Questa estate verrai a trovarci?

Il pubblico italiano è davvero INCREDIBILE !! Mi sono innamorata di loro!!
E sì!! Tornerò in tour quest’estate!!

ENG The Italian crowd is AMAZING!! I fell in Love with them!!
And YES!! I’ll be coming back on tour this summer!!

Prossimi progetti ? E’ uscito anche il video ufficiale di “Touch My Body”?
Il mio prossimo obbiettivo è di continuare a lavorare al mio album!
Non vedo l’ora che sentiate quello che ho in serbo per voi.
Si! Si! Il video di “Touch My Body” che ho girato a Milano è online su YouTube!

ENG My next move is to keep working on my album!
I can’t wait for you guys to hear what I have in store for you!
And yes yes yes! The video shot in Milan is online on YouTube!

Segui Jenn Morel
facebook.com/JenifferMorel
instagram.com/jennmorel

twitter.com/JennMorelFlow
youtube.com/user/JennMorel
www.jennmorel.com

 

Determinata, ambiziosa e in tour nel mondo – Intervista a Georgia Mos

Ho avuto il piacere di intervistare GEORGIA MOS, dj/producer italiana costantemente in tour nel mondo ed  è una delle TOP 10 DJ donne per il Magazine DJaneMag!
Ricordiamo il suo esordio grazie alla partecipazione al programma televisivo di Italia 1, TOP DJ nel 2016, ma da quella esperienza, il suo è stato un percorso esclusivamente in ascesa a livello internazionale e che le ha permesso di suonare nei club più importanti d’Italia, Francia, Albania, Spagna e non solo.
Georgia Mos nel 2017 e 2018 raggiunge anche l’India, Nepal e Cina con un tour di 20 date e viene premiata come “Best New Comer Djane” nella classifica di Djane Mag mondiale.
Nel Marzo 2018 esce la sua prima  release “Tan Bueno” su Sosumi Record presentata direttamente a Miami durante la Winter Music Conference, mentre nel 2019 pubblica “See the light” (Sirup Music Record) e “Maya” su Total Freedom Recordings, tracce  che le permettono di esibirsi in nuovi paesi come l’Indonesia, Croazia, Scozia e China.

Buona lettura!

Il canto e la danza classica/moderna tra le tue passioni sin da piccolissima.
Quando e cosa ti ha spinto ad approcciarti al mondo della notte e del djing?
Si esatto ho iniziato a studiare canto e musica in dall’eta di 6 anni. Tra le mie passioni c’era anche la danza . La mia giornata “tipo” era : scuola, corso di canto, danza e la sera fare i compiti!
Il mondo del djing è arrivato un po’ dopo, circa 6 anni fa mi sono trasferita a Londra e proprio in questa città mi sono appassionata di musica elettronica e di djing .
Ho iniziato quindi a studiare produzione musicale e fare dei corsi. Poco dopo ho iniziato ad esibirmi come resident in alcuni club, non è stato facile ma sono stata completamente rapita da questo mondo.

Ricordi com’è andata la prima volta che hai suonato in un club?
La primissima volta ero molto emozionata ( ovviamente cantando da anni e avendo partecipato a diversi spettacoli ero abituata a stare di fronte ad un pubblico) però l’emozione e l’adrenalina non passa mai ed è una sensazione meravigliosa che ti tiene costantemente viva!

Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni ottenute dal 2015 ad oggi?
Sicuramente aver suonato in posti  e Paesi incredibili dove non avrei nemmeno immaginato di arrivare come la Cina, l’indonesia, U.s.a,  l’India o il Nepal.

Hai suonato in America, in Cina, in India, in Spagna e in altre meravigliose città del mondo.
Quali sono generalmente le reazioni da parte del pubblico? E le tue emozioni?
Soprattutto in questi posti appena citati le reazioni sono meravigliose, loro amano il mondo occidentale, adorano la nostra musica e tutto ciò che per loro è considerato “nuovo”. Soprattutto in Cina hanno un’accoglienza estasiante, più volte mi hanno aspettata nei club con dei cartonati con il mio nome o con delle mie fotografie. Amano molto divertirsi ed “evadere” quindi sono sempre super scatenati quando si tratta di fare festa.

Sei appena stata a Miami, in Indonesia e in China! Com’è  andata!?
Prossime tappe? Programmi per questa estate?
Si, sono state tre bellissime esperienze. La Miami music week ormai è un appuntamento fisso dove mi capita ogni anno di andare e suonare in diversi party organizzati all’interno della città. Mentre in Indonesia è stata la prima volta quindi ho conosciuto un paese  e un pubblico nuovo, molto gentile e disponibile. Vedere il mio nome su un mega schermo in questi paesi e anche in China,  è sempre una emozione incredibile. Dopo alle data in Scozia, Cina, Nepal e in India,  suonerò quasi prevalentemente in Italia durante l’estate (ci sarà una sorpresa musicale per tutti voi in proprio in lingua italiana). Rimanete collegati sui mie social per essere aggiornati su tutte le date, voglio incontrarvi tutti!

Come si presenta un tuo dj set live ? Nei tuoi show ti capita anche di cantare?
Per il momento è un dj set quasi prettamente “suonato” dove a seconda del club o della situazione in cui mi trovo inserisco qualche vocal o parte cantata. Non ho una scaletta prefissata quindi mi piace “cucire l’abito” in base alla serata, alle persone in pista o alle emozioni di quel momento.

Lo scorso Gennaio è uscito il tuo singolo “MAYA” in collaborazione con Suray, sull’etichetta italiana Total Freedom, incluso nella MIAMI 2019 Compilation selezionata da Shorty e RION, che ha raggiunto in pochissime ore la prima posizione su iTunes. Com’è andata questa release? Com’è nata la tua collaborazione con Suray?
SI è stata una bellissima soddisfazione  ed eravamo super contenti. Suray è un talento straordinario, ci siamo conosciuti tanto tempo fa e collaborare insieme per “Maya” è stato davvero super interessante! Come anche la penultima uscita con “See the light” in collaborazione con un altro talento italiano Alex Pizzuti.

Domanda al di fuori della musica. Che rapporto hai con i social e con i tuoi followers?
I social li seguo personalmente il più possibile , soprattutto Instagram. Cerco di rispondere ai messaggi e a tutte le domande che mi vengono fatte, mi piace avere un rapporto diretto e vero con le persone che mi seguono, senza filtri.

Segui GEORGIA MOS
facebook.com/GeorgiaMosofficial
instagram.com/georgia.mos
www.georgiamos.com

%MCEPASTEBIN%

 

Imprevedibili e con un’unica passione – Intervista al duo Massive Project

Due talenti italiani, con la stessa passione e un unico obbiettivo: far divertire! 
Qualche giorno fa ho intervistato il duo Edm Massive Project, in occasione dell’uscita del nuovo singolo “IDENTITY” (in collaborazione con il producer Dharyo) e ho avuto modo di scoprire molti aspetti del loro passato e presente artistico.

Buona lettura!

Ciao ragazzi!
In che modo vi siete avvicinati singolarmente al mondo della notte, alla consolle e al genere che trattate?
A: mi sono avvicinato al mondo della notte e alla consolle all’ età di 14 anni, principalmente perchè amo la musica; ho iniziato ascoltando musica dance ed elettronica grazie alle sonorità di Gigi D’ Agostino e Mauro Picotto. Sono stato sempre attratto dalle tecniche di mixaggio perchè ti danno modo di poter manipolare la musica facendo muovere la gente in pista e trasmettendo le proprie emozioni.

D: ricordo di aver detto  “da grande voglio diventare dj/producer” anche io all’ età di 14 anni, in un locale dove mi trovavo in vacanza, ascoltando un dj del posto, da quel momento ho iniziato ad ascoltare, principalmente, house music dei grandissimi Little Louie Vega, Tedd Patterson e Frankie Knuckles, successivamente mi sono avvicinato alle sonorità di Don Diablo, Tiesto e di tanti altri fino a raggiungere l’ EDM.

FB_IMG_1520042545031_crop_640x631

Quando avete deciso di formare il vostro duo? Cosa vi ha spinto ad intraprendere questo progetto?
Il nostro duo è nato nel 2013. Ad intraprendere questo progetto ci ha spinto la voglia di divertirci insieme, la passione per la musica e raggiungere gli obiettivi prefissati.

Quali sono le caratteristiche artistiche che vi hanno sempre unito?
Breve curiosità: com’è nato il vostro nome d’arte “Massive Project”?

La verità è che siamo due menti con un unico pensiero:
far scatenare e divertire la gente in pista.
Il nostro nome d’ arte? Devi sapere che il primo Vst che abbiamo usato per produrre la nostra prima traccia Edm, si chiama “Massive” e da li ci venne la brillante idea di creare il nostro nome d’arte Massive Project.

Domanda di rito: Tre aggettivi per descrivere al meglio il vostro duo? 
Oltre ad essere bello (ahahah!):
Pazzo“: perchè in consolle amiamo far casino!
Deciso: perchè abbiamo sempre le idee chiare su tutto ció che vogliamo fare e su quello che desidera il pubblico.
Imprevedibili: perchè non diamo mai nulla per scontato.

Quali sono gli artisti italiani e internazionali che vi hanno influenzato maggiormente per quanto riguarda il lato legato alla produzione? Con chi vi piacerebbe collaborare?
Gli artisti che ci hanno influenzato maggiormente sono: Swedish House Mafia, Avicii, Don Diablo, Lost Frequencies, Paul Kalkbrenner, Tiesto, Benny Benassi e Gigi D’Agostino.
Tra i tanti,
ci piacerebbe collaborare con gli Swedish House Mafia e Don Diablo.

FB_IMG_1492857003326

Come si presenta un vostro dj set live? Qual è il vostro parere in merito alla scena EDM italiana?
Siamo sempre alla ricerca di nuove sonorità, per questo i nostri dj set non sono sempre gli stessi, ma restiamo sempre fedeli all’ Edm e all’ elettronica.

L’ Edm in italia? Sinceramente in questo paese non puoi far grandi cose perchè non è un genere molto compreso come all’estero e questo aspetto penalizza molti dj e produttori italiani.

Il giorno 4 Marzo sull’etichetta Harmor Records è uscito il vostro nuovo brano dal titolo “IDENTITY”, in collaborazione con il dj/producer Dharyo e disponibile su tutti i digital store. 
Presentate il vostro singolo e raccontate com’è nata la collaborazione con Dharyo.
La collaborazione con il dj/producer Dharyo è nata semplicemente grazie alla nostra amicizia e alla voglia di crescere insieme, mescolando le nostre idee quando siamo in studio e creando sempre qualcosa di unico.
Identiy è proprio la traccia che rispecchia i nostri generi musicali! 

Cosa bolle in pentola per il duo Massive Project nei prossimi mesi? Qualche anticipazione esclusiva?
Dopo l’uscita di Identity abbiamo già due inediti in programma.
Uno house e uno future house. Poi… chissà!
A breve ci sarà anche un Free Download.

Segui Massive Project
FACEBOOK
INSTAGRAM
YOUTUBE
DEMODROP
SPOTIFY
SOUNDCLOUD

Determinazione, talento e follia – 

Intervista a Jarrow

 

In seguito all’uscita del suo nuovo singolo “Any Care” , ho avuto il piacere di intervistare Jarrow, dj/producer italiano che giorno dopo giorno si sta facendo spazio nella scena.

Buona lettura!

Chi è Jarrow? Quando ti sei approcciato per la prima volta alla consolle?
Il progetto iniziale nasce circa quattro anni fa come duo assieme ad un altro Dj, ci chiamavamo ‘’Jawell & Jarrow’’  e per una serie di motivi legati a scelte e idee musicali diverse, decidemmo di dividere le strade.
Ricordo ancora la prima volta in consolle quando suonavo ad eventi privati o durante l’apertura di piccoli locali.. Inizialmente nessuno credeva in me, mai avrei pensato di poter fare un Tour in giro per l’Italia e finire addirittura come HeadLiner ad un festival durante l’Ultra Europe in Croazia.

Domanda di rito: Tre aggettivi per descrivere il tuo progetto artistico?
‘’Folle’’ per una serie di decisioni prese durante il mio percorso che tutt’ora sono contento di aver intrapreso.

‘’Determinato’’ perchè mi sveglio ogni giorno con la determinazione di voler crescere in questo settore.
‘’Impegnativo’’ in quanto dietro ogni cosa fatta bene, c’è sempre del duro lavoro.

IMG-20190222-WA0103.jpg

 Quali sono gli aspetti che ti hanno spinto ad avvicinarti al mondo della notte?
Direi in primis la musica in generale, che ascolto dalla mattina alla sera. 
Quindi mi piacerebbe trovarmi a contatto con essa H 24,questo è il motivo principale per cui ho deciso di intraprendere questa carriera.
La voglia di far conoscere a tutti le mie produzioni e credo non abbia prezzo sentire la gente urlare il tuo nome o cantare\ballare qualcosa che hai composto tu.

Le esperienze più significative che hanno caratterizzato il tuo percorso fino ad oggi?
Senza dubbi la mia prima serata fuori dalla Campania (Regione in cui sono nato).
Precisamente il 16 Aprile 2016 all’Alcatraz di Milano.
Ancora ricordo le gambe tremanti, l’ansia da prestazione e la splendida serata che ho passato lì in consolle.
Il mio primo festival in Italia a Rimini nello stesso anno, in uno degli stage principali della ‘’Molo Street Parade’’ che ha contato complessivamente 200.000 presenze.
Sono tutte esperienze che ti segnano positivamente e che porterò con me per sempre!

Come si presenta un tuo dj set? Cosa ci si deve aspettare ad un party con ospite JARROW?
Nei miei set bisogna aspettarsi di tutto, poichè mi piace variare di genere e sorprendere la gente passando dei brani  che solitamente  vengono ‘’scartate’’, ovviamente rielaborate a modo mio.
Non sono il classico dj che segue gli schemi presentando un set ‘’comune’’.

image00007.jpeg

 Il 15 Febbraio è uscito “ANY CARE”, il tuo nuovo singolo feat. Roxanne con video ufficiale!
Presenta il tuo ultimo brano e racconta com’è nata la collaborazione con Roxanne.
Come sta andando la release?
Si esatto! Sono molto contento dell’uscita, sta girando varie parti del mondo e sto ricevendo molti feedback positivi da diversi paesi.
Roxanne è una mia amica, la collaborazione è nata quasi per ‘’gioco’’ e abbiamo deciso di  fare una ‘’collaborazione a distanza’’ ( lei vive alle Canarie).
Non è stata una vera e propria è passeggiata, ma alla fine sono molto contento del risultato ottenuto e credo sia lo stesso per lei.

Altre novità in arrivo? Cosa bolle in pentola per i prossimi mesi?
Sicuramente un sacco di licenze per “Any Care” da parte di varie label in tutto il mondo.
A breve rilascerò altri brani, per il momento posso dirvi solo questo.
Vi consiglio di restare aggiornati sui miei canali per scoprire tutte le news!

 

Segui JARROW
www.jarrowdj.com
Instagram
 Facebook
SoundCloud
Spotify 

You Tube

Dall’RDS Stadium con Giorgio Moroder, all’uscita del nuovo singolo – Intervista a Pakkio Sans

50233363_2168059436587143_3713507437987233792_n

 Ci sono altri singoli in vista?
In realtà ce ne sono tanti altri. Non vedo l’ora di farli ascoltare, il 2019 sarà un anno ricco di musica per me, penso di aver trovato la mia giusta dimensione musicale in questo momento, sono molto creativo.

“I NEED YOU CHART” di Pakkio Sans è disponibile su Beatport:
https://www.beatport.com/chart/i-need-you-chart/54973146474517_2086510424742045_7928248056317739008_n.jpg

Segui Pakkio Sans
facebook.com/PakkioSansOfficial
instagram.com/pakkiosans
soundcloud.com/pakkiosan

 

Gian Nobilee – Intervista: dalle origini del progetto, al suo tour in Asia

 

Ho intervistato Gian Nobilee, dj/produttore italiano della scena internazionale che con la sua energia e talento, fa ballare la nostra penisola e non solo. 
Si è esibito nelle principali capitali del mondo: Ibiza, Rio de Janeiro, Sharm el Sheikh, Roma, Bangkok, Nuova Delhi, Perth, Umago.
Ha realizzato remix ufficiali per artisti del calibro di Angemi, Shanguy, Federico Scavo, Faydee, Jude e Frank, le sue produzioni hanno raggiunto le posizioni più alte per quanto riguarda le vendite e ha pubblicato release per importanti etichette, tra cui SMASH THE HOUSE, ARMADA, EGO, D-Vision, Bonerizing, Ensis e tante altre.

Buona lettura!

Partendo dal passato, com’è nata la tua passione per la console?
E’ nata in Australia, lavoravo come Barman in una delle migliori discoteche del Paese, il figlio del proprietario era uno dei dj, e a fine lavoro mi mettevo sempre in console a guardarlo fino a che un giorno mi ha chiesto se volevo imparare, e da quel giorno non ho mai più smesso!

Tre aggettivi per descrivere la tua musica?
Lascio carta bianca ai lettori e alle persone che mi seguono!
 Posso?! (ride)

96 - GIAN NOBILEE - 27.06 (4).pngCosa ascolta Gian Nobilee durante le sue giornate?
Nella mia quotidianità ascolto tanto Jazz, ma anche swing , rock e tutto quello che mi sento di ascoltare. Dipende dal mood!

Quali sono gli artisti che ti influenzano maggiormente per quanto riguarda le tue produzioni?
Futur Class, Mojjo, Alok, e ultimamente Ftampa su tutti!

Oltre che nella nostra penisola, hai portato il tuo sound ad Ibiza, Rio de Janeiro, Sharm el Sheikh, New Delhi, Perth, Umag e a Bangkok. Inoltre sei tornato da poco dal tuo tour in Asia!
Com’è andato? Che tipo di accoglienza hai ricevuto da parte del pubblico?
In Asia è andata alla grande, sono innamorato di quella parte di mondo, in India ora mai sono di casa, con cinque tour all’ attivo.
Riguardo il pubblico.. che dire, uno dei più caldi del mondo, sono persone che ti emanano la giusta energia che ormai, purtroppo, in Italia manca da parecchio.

IMG_0172.jpg

Ti saresti mai aspettato di raggiungere questi importanti traguardi? Qual è il tuo consiglio per coloro che voglio intraprendere questa strada?
I traguardi che voglio raggiungere sono ancora molto lontani, ma sono molto contento della strada che ho percorso ad oggi, raggiungendo luoghi che in pochi producers italiani hanno raggiunto fino ad ora.
Il consiglio che vorrei dare è’ il solito che danno tutti i miei colleghi..
Lavorare con costanza, senza arrendersi e credendo sempre in ciò che si sta facendo.

Io mi sento di  aggiungere un lato molto importante che è quello che manca alle nuove generazioni, ovvero la PASSIONE.

Purtroppo questo lavoro, negli ultimi anni, viene quasi fatto per il motivo relativo all’essere “fighi”,  esclusivamente per un vanto personale o per moda.
Spesso mi ritrovo a parlare con ragazzi che mi chiedono consigli, mostrano le loro foto nei locali, i loro video con tanta gente che si diverte.. Ma quando inizi a parlare di Musica, vi garantisco che sono tutto tranne che dei “fighi”.

A settembre è uscito il brano “FLOW”, in collaborazione con Gaba Kamer e Pøp Cultur sulla label del producer brasiliano Alok.
Gran pezzo, complimenti!
Nuove release in vista? Puoi anticipare qualcosa?
Grazie molto gentile! Siamo molto soddisfatti del singolo “FLOW”

In classifica beatport top 100 futur house per 40 giorni e con un picco alla posizione #11.
Ho tante nuove release in lavorazione, ma non posso anticiparvi nulla al momento.
L’unica che posso annunciare è il mio remix di “BLOW IT” per il carissimo amico FEDERICO SCAVO, che apprezzo e stimo moltissimo.
Per il resto vedrete tutto molto presto!

Come si presenta un tuo dj set? Cosa ci si deve aspettare ad una serata con ospite Gian Nobilee?
Ci si deve aspettare uno stile legato al Brazlian Bass e G- House, con sfaccettature di Hard style ed Edm.
Tutto dipende da quanta voglia abbia di divertirsi il pubblico!
Ed ultimamente devo ammettere che non mi hanno mai deluso!
Non ci si deve aspettare “REGUETTON”. (ride)

IMG_5460

Dove avremo il piacere di venire ad ascoltarti nelle prossime settimane? 
Bella Domanda!
Al momento dovreste prendere un Aereo per l’Asia visto che a breve partirò!
Stiamo lavorando anche per le date italiane. Vi aggiornerò!

 

Segui GIAN NOBILEE
www.instagram.com/giannobilee

www.facebook.com/giannobilee
www.soundcloud.com/giannobileeofficial

Alessandro Fontana – Intervista in vista del nuovo singolo “Love Bites”

 

Ho avuto il piacere di fare qualche domanda al dj/producer italiano Alessandro Fontana, in vista del suo nuovo singolo “Love Bites”, in uscita il 28 Settembre con il supporto di Reload Music & Sony Music Italy.

Buona lettura!

Chi è Alessandro Fontana?
Presentati ai lettori di andre1blog!
Ciao a tutti ! Alessandro  è un ragazzo di ventidue anni, studente al conservatorio di Avellino nell’indirizzo di musica elettronica, che produce musica e ha la fortuna di suonare in diversi club italiani.

Quando ti sei approcciato al mondo del djing e della produzione?
Sin da piccolino mi divertivo a realizzare dei podcast nelle “cassetine” con un piccolo stereo con cui avevo la possibilità di parlare anche sopra come “speaker”.

Nel 2009/2010  ho iniziato ad approcciarmi verso il mondo della musica elettronica e del djing.
Piano piano, con anche dei sacrifici economici, sono riuscito a comprarmi ciò di cui avevo bisogno e ho iniziato a sperimentare .
Al mondo della produzione mi ci sono approcciato in maniera naturale, perché volevo  far conoscere la MIA musica. Con i primi software ho iniziato ad arrangiare qualcosa;
Circa quattro anni fa iniziai a ricevere alcuni feedback positivi da parte di alcuni artisti importanti e che mi hanno dato un motivo in più nel continuare, migliorando giorno dopo giorno. 

DSC_2086.JPG

Quali sono state fino ad ora le tue soddisfazioni più grandi in ambito artistico?
Se possiamo fare una classifica al primo posto direi che la più grossa soddisfazione si è presentata questa estate al Parco Archeologico di Selinunte in Sicilia, dove insieme ad un caro amico Fabio De Vivo, ho avuto l’onore di aprire il concerto di Martin Garrix & Sean Paul! Emozione unica!

Sempre quest’anno ho avuto la possibilità di fare la mia prima data estera, nella città di Lodz in Polonia.
Non dimentico  il djset al Piper Club di Roma e al Mates Festival di Napoli nel second stage che ha visto come ospiti AXWELL & INGROSSO.

Soddisfazioni a livello discografico nell’ultimo periodo sono state la possibilità di uscire con un singolo ufficiale ed essere remixato da un artista che è arrivato a suonare al TOMORROWLAND ovvero il mio amicone JAMIS, ricevere supporti da parte di artisti che seguo da sempre quali Rudeejay, Provenzano, DJS FROM MARS e tanti altri.

41697189_2015862395156796_5168857290920427520_n.jpg

Come si presenta un tuo dj set?
Spesso quando sono in studio  vado a cercare dei discorsi di pochi secondi che mi piacciono e che mi provochino emozioni.

Ad ogni inizio di un mio dj set cerco di proporre questi intro con la speranza che il pubblico ascolti attentamente prima di iniziare a Saltare!

Quali sono gli artisti che ti hanno influenzato maggiormente durante il tuo percorso?
Sembra banale… ma il mio idolo sin dall’inizio è AVICII.
Credo sia uno dei pochi che è stato in grado di farsi riconoscere con un sound personale. Seguo molto EDX, Paul Kalkbrenner, Nora en Pure, CAZZETTE, Nicky Romero, Daddy’s Groove; mi piace ascoltare vari generi in modo tale da poter prendere spunto da ognuno di loro.

 Il 28 Settembre uscirà il tuo singolo “Love Bites” con il supporto di Reload Music & Sony Music Italy, disponibile su tutti i digital store e Spotify.
Cosa ci si deve aspettare da questo brano? Quali emozioni vuoi trasmettere agli ascoltatori?
Qualche anteprima esclusiva in merito alle sonorità e al sound?
Ho cercato di creare qualcosa sia da radio ma allo stesso tempo da club.

Love Bites è nato dalla voglia di fare un disco con una sola voce femminile, e ci tengo a ringraziare la cantante SARA ( del duo THE HOOPA ). E’ un disco caratterizzato da alcune sonorità semplici come un piano, ma allo stesso tempo sonorità elaborate tramite qualche synth.
Il lavoro si è concluso in pochi giorni, dato che ogni volta che ci lavoravo ero contento di ciò che stavo realizzando. Devo ringraziare soprattutto il mio caro amico DAVOL dello studio MasteringService, che ha portato il disco ad un livello maggiore.

41151297_2011597852249917_4003319826687721472_n.jpg

In seguito a questa nuova release, cosa bolle in pentola? Dobbiamo prepararci ad altre novità scoppiettanti?
Ci sono tante novità in arrivo! Stay tuned! 🙂

Dove avremo il piacere di venire ad ascoltarti live prossimamente?
Da ottobre sarà in giro per l’italia tra Roma, Pisa, Napoli, Asti etc etc..

Le date le troverete tutte sui miei social. Vi aspetto!

DSC_2092.JPG

Segui ALESSANDRO FONTANA
Facebook
Instagram
Twitter
SoundCloud

 

Intervista ai Djs From Mars: Il duo in continua evoluzione e in tour nel mondo

Ho  intervistato i  Djs From Mars, il duo electro che non ha bisogno di molte presentazioni,  che negli ultimi sei anni è in tour senza sosta in tutto il mondo.
USA, Canada, Brasile, Cina, India, Australia, Giappone, Messico, Indonesia sono nella lista, oltre aver fatto ballare ogni stato in Europa.
Con almeno 120 show all’anno, sono tra i djs più richiesti nell’intero panorama mondiale.
Moltissime sono le curiosità emerse nella nostra chiacchierata.

Buona lettura!

Due aggettivi per descrivere i Djs From Mars nel 2018?
FRIZZANTI perché ci sono parecchi progetti che stanno scoppiettando e sono pronti a esplodere!

DISSETANTI perché con questo caldo c’è bisogno di cose dissetanti e noi cerchiamo di sopperire ai bisogni dell’umanità 😊

3 djs from mars.jpg

Tornando verso i primi anni del 2000…
Com’è nata l’idea di chiamare il vostro duo “Djs From Mars”?
L’idea è nata perché volevamo essere qualcosa di nuovo, diverso, estraneo, alieno appunto.

Avevamo pensato a Djs From Jupiter, ma era troppo lontano andare e tornare ogni volta, Mars era perfetto, un bel pianeta non troppo distante dalla terra, comodo e ben collegato per venire da voi a fare le serate nei club terrestri, quindi dopo queste valutazioni abbiamo deciso di optare per questo nome!

L’utilizzo delle scatole per nascondere i vostri volti ha contraddistinto il progetto fin dall’inizio?
In realtà no, i primi progetti usciti con questo nome risalgono al 2003 e in effetti non apparivamo neanche, erano “one shot” con un nome artista e un titolo brano, come si usava (purtroppo) all’epoca.
Quando abbiamo iniziato a concentrarci sul progetto a tempo pieno però abbiamo deciso che oltre al nome doveva esserci un’idea anche visiva, e questa delle scatole ci è piaciuta molto, così abbiamo iniziato a usarle, all’incirca nel 2009.

oD2q8HAQ.jpeg.jpg

Considerate la vostra musica “Bastard Pop” e “Alien Electro”.
Che altri di tipi di generi ascoltate durante le vostre giornate?
Di tutto: Rap, Rock, Reggae, ultimamente ci piace molto l’ondata di rapper italiani che si sono messi a fare una sorta di indie-hop, poi d’estate sempre molto reggae, d’inverno invece essendo presi male dal freddo ascoltiamo molto metal per sfogare l’incazzatura. Musica classica quando vengono a trovarci i genitori a cena per darci un’aria sera da persone colte. E techno quando siamo ubriachi.

Praticamente ascoltiamo tutta la musica, ogni genere ha un suo utilizzo e una sua occasione perfetta per essere ascoltato!

Le vostre produzioni hanno attirato l’attenzione di importanti etichette e avete realizzato lavori ufficiali per Sean Paul, Pitbull, Dirty Vegas, Fragma, Ciara e tanti altri.
Siete supportati da top dj come Tiesto, David Guetta, Carl  Cox, Oliver Heldens, Lost Frequencies, Ummet Ozcan, Laidback Luke, Paul Van Dyk, Bob Sinclar, Vinai e tanti altri. Nel 2013 siete stati riconosciuti ufficialmente tra le stelle del panorama mondiale del djing, entrando nella prestigiosa classifica dei TOP 100 DJ di DJ MAG.
E queste sono soltanto alcune tra le grandi soddisfazioni.
Vi aspettavate tutto questo nei lontani anni 2000?
Qual è l’ingrediente fondamentale per raggiungere questi livelli?
Risposta 100% onesta: no.
Non ci aspettavamo niente perché la musica è imprevedibile.
In più stavamo lavorando nell’ambiente da parecchio tempo ormai, con risultati il più delle volte fallimentari, e qualche piccolo successo one shot.
Quindi ormai vicini ai 30 anni eravamo quasi sul punto di mandare il curriculum al fast food…quando iniziano a destare attenzione i primi mashup che caricavamo su YouTube! Poi le prime richieste di remix, poi le prime richieste di serate, e piano piano si è innescata tutta questa faccenda che ci ha portato fino alla Top100 Dj Mag!
Inaspettato è dire poco, quello che possiamo dire è che abbiamo sempre lavorato tanto in studio (nei termini delle 10-12 ore al giorno, tutti i giorni, sabati e domeniche comprese) e abbiamo sempre cercato di fare qualcosa che ci piacesse veramente, senza cercare il successo commerciale o economico, ma facendo cose che poi ci riascoltavamo anche la sera in autoradio, ecco, secondo noi queste due cose sono due ingredienti molto importanti per raggiungere dei risultati: lavorare tantissimo e non fare cose che non ti piacciono.

H8rS9Ssw.jpeg.jpg

“Somewhere Above The Clouds” è il singolo che caratterizza la vostra estate, uscito su Ego lo scorso Maggio.
Cosa rappresenta per voi questo brano?
Siete soddisfatti dei risultati di questa release?
Questo brano è in cantiere da tantissimo tempo in realtà, ma non era mai il momento di uscire con una cosa così “radiofonica” secondo noi.

Invece oggi dopo un paio di buoni esperimenti con Ego, abbiamo pensato di pubblicarlo, a sorpresa.
Tanti fan dei Djs From Mars si sono lamentati per il pezzo un po’ diverso dal nostro solito stile, ma tanti altri hanno apprezzato questa evoluzione.
Anche noi onestamente eravamo stanchi di un sound che era diventato una specie di “formula” sempre molto simile.
Cambiare è il carburante per tenere acceso l’entusiasmo quindi siamo contenti di provare sempre a evolvere il nostro suono.
I risultati fino ad ora sono eccellenti, siamo saliti molto in alto nella Deejay Parade su Radio Deejay, siamo stati supportati da parecchi nomi importanti della scena, e la scorsa settimana siamo entrati su Billboard USA, appena dietro Drake!
Quindi aspettiamo fiduciosi le prossime settimane 😊

Dopo aver pubblicato il singolo “Somewhere Above The Clouds” e il vostro “BOOTZILLA VOL 4″, ora siete in Tour in Italia e all’estero.
Dove andrete a suonare nelle prossime settimane?
Quali sono le città estere che non avete ancora raggiunto e che vorreste inserire nella lista?
Ora siamo in aeroporto in partenza per la Serbia, e visto che lo scalo è lunghissimo rispondiamo all’intervista!

Torniamo in Calabria, prossima settimana Germania e Sicilia, Agosto in giro per Croazia, Italia, Spagna, Svizzera, e a settembre torniamo in Asia e America. Diciamo che non c’è tempo per  annoiarsi!
Se dovessimo scegliere delle città dove ancora non abbiamo suonato, forse sceglieremmo l’Islanda perché è un’isola dall’atmosfera unica al mondo, quasi sembra di essere sulla Luna….una serata dei Djs From Mars lì, sarebbe proprio perfetta!


Prossimi progetti in serbo?
TOP SECRET ma tante belle news sono in arrivo!

Segui Djs From Mars
http://www.djsfrommars.com

http://www.facebook.com/djsfrommars
http://www.instagram.com/djsfrommarsofficial
http://www.twitter.com/djsfrommars
http://www.youtube.com/djsfrommarschannel
http://www.youtube.com/alieninvasiontv

 

Intervista a Jamis – In viaggio verso il Tomorrowland 2018

 

Ho intervistato il dj/producer italiano Jamis, in vista della sua partenza verso il festival più importante della musica elettronica.
Il 29 Luglio farà ballare il pubblico del Tomorrowland con la sua musica energica e il suo set unico.

Buona lettura!

Tre aggettivi per descrivere Jamis.
Paulo Coelho diceva:

” Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni.”
Questa frase penso racchiuda un po’ tutto il mio amore verso la musica e al mio progetto. 

Quando ti sei avvicinato al djing e alla produzione?
Sono sempre stato un amante della musica da discoteca e a quindici anni ho avuto la fortuna di poter iniziare a lavorare in una delle discoteche della mia zone in Toscana, mentre l’amore per il lato della produzione è sbocciato verso i 21/22 anni.

103 - JAMIS 14.08 (1).jpg

Nel tuo percorso hai vissuto importanti avventure.
Quali sono le più grandi soddisfazioni della tua carriera?
Ma più che avventure, sono gli avvenimenti che hanno segnato il mio percorso, ricordo sempre con tanta emozione tutti gli step che ho fatto in questi tredici anni.

Partendo da un locale “dove tutt’ora suono” il PALAGIO CLUB, fino ad arrivare al Tour in America o al Tomorrowland il 29 Luglio 2018. 

Hai collaborato con rilevanti etichette come “Smash the House”, “Panda Funk”, “Area 94”, “D:vision” e sei supportato da artisti del calibro di Armin Van Buuren, Axwell & Ingrosso, David Guetta, Dimitri Vegas & Like Mike, Martin Garrix, Nervo, Bob Sinclar, Fatboy Slim, Gregor Salto DVBBS, W&W, Nicky Romero, Afrojack, Fedde Le Grand, Benny Benassi e molti altri.
Come ci si sente ad avere il sostegno da parte di questi artisti della scena internazionale?
Incredulo, ma consapevole che è stato il frutto di tutto lo sforzo, l’impegno e il tempo trascorso in studio a produrre.

xe9AhmRA.jpeg.jpg 

Come si presenta un tuo dj set?
Quali sono gli artisti che non devono mai mancare nella tua tracklist?
Sono del pensiero che un set deve saper emozionare e divertire, cerco sempre di stare su delle sonorità che rispecchino il mio mood nelle produzioni.

Gli artisti invece sono: Dimitri Vegas & Like Mike, Garmiani, Sunnery James & Ryan Marciano

A Giugno 2017 è uscita “Renegade Master”, la tua prima traccia su Smash The House, che ha ricevuto oltre 1.5 milioni di play web ed è stato uno dei dischi più suonati ai festival Tomorrowland e Ultra Europe.
Il 29 Luglio 2018
sarai tu a suonare al festival più importante della musica elettronica.
In che modo ti stai preparando al Tomorrowland 2018?
Cerco di non pensarci troppo (ride), anche se adesso avvicinandosi al giorno,  l’emozione e la tensione iniziano a salire. 

33403330_1335510146593791_6483287999856508928_n.jpg

Qual è stata la tua reazione di fronte alla grandissima notizia?
Ero in studio, stavo lavorando a delle nuove track per Smash The House, mi arrivò questo messaggio e credo che la mia faccia cambiò diverse espressioni nel giro di pochi minuti.
 Poi chiamai subito il mio manager e gli comunicai subito la notizia!
Ero felicissimo!

Segui Jamis
https://www.facebook.com/jamis16/
https://soundcloud.com/jamis16
https://twitter.com/Jamisdj88
https://www.instagram.com/jamismusic/

 

Intervista a Janelle: un mix di energia, fascino e talento.

 

Ho avuto il piacere di intervistare Janelle, giovane e talentuosa dj/producer, sulla scena da circa dieci anni e in continua ricerca di nuove sonorità da produrre.
Lo scorso  Dicembre ha pubblicato il video ufficiale del  singolo “Illuminate” per l’etichetta Blanco y Negro Music con i remix di EvangelistiJamis e Álvaro Malvar, ed è spesso tra le resident Week su radio m2o nel programma Music Zone di Provenzano DJ e Don Cash.

Tante le novità in vista..  Buona lettura!

Chi è Janelle?
Quando ti sei avvicinata alla console e al mondo della notte?
Ciao Andrea, ti ringrazio per questa piacevole intervista.

Il primo incontro con la consolle l’ho avuto circa dieci anni fa, nel 2008, anno in cui ho provato per la prima volta quel brivido sulla pelle che solo l’amore per la  musica avrebbe potuto darmi e per questa ragione ringrazierò sempre mio padre, fautore della mia carriera da dj, che purtroppo non c’è più.

Quali sono le esperienze più importanti che hanno caratterizzato il tuo passato artistico?
Non c’è un’esperienza così importante, poichè ogni piccolo passo avanti che faccio lo aggiungo a quelli fatti nel passato e lo reputo importante per la mia crescita artistica.

Non bisogna mai sentirsi arrivati in questo lavoro, bensì bisogna sempre considerare il punto di arrivo come un punto di partenza nuovo e come un nuovo stimolo.

Quali sono gli artisti che ti influenzano a livello di sound?
Con chi ti piacerebbe collaborare?
Il sound oggi come oggi è una scommessa: può accadere che un periodo vada un genere come un periodo ne vada un altro, per cui mi affido di più al carisma di un artista, alla personalità ed alla sua espressività musicale ma anche fisica.

Detta questa premessa mi piacciono e amerò per sempre gli SHM, ma apprezzo molto anche Don Diablo, Valentino Khan, Dj Snake.

23622142_1573364129396345_6293260626830107654_n.jpg

Dove avremo il piacere di incontrarti prossimamente?
Cosa ci si deve aspettare ad un party con ospite Janelle?
Prossimamente ci saranno delle belle sorprese, tra cui una verso la fine di Agosto ma non posso svelare ancora nulla.

 Per cui seguitemi e lo scoprirete 🙂
Sicuramente durante una mia serata potrete vedermi esibire e capire i miei gusti musicali, ed apprezzare (o meno) il mio stile.
Non mi piace essere volgare: un dj, soprattutto se è donna, deve essere COOL.

Lo scorso Maggio è uscito “Illuminate”, il tuo primo brano per Blanco y Negro Music , disponibile su tutti i digital store, Spotify e video ufficiale su Youtube.
Com’è nato questo singolo?
ILLUMINATE” è stata una grande scommessa con me stessa.

Volevo esprimere qualcosa di profondo, volevo riuscire a comunicare emozioni a chi l’avesse poi ascoltata.
Mi interessava lasciare un particolare di me, senza prendere spunto da nulla, solamente dalle sensazioni che mi suscitavano le note e la musica.

 Evangelisti, Jamis e Álvaro Malvar sono i protagonisti di “Illuminate Remixes”.
Com’è nata la collaborazione con loro?
I remix devono essere pensati sulla base dell’original mix, per cui ho deciso di fare questa scelta per gusto personale riguardo il genere che proponevano i remixer.

Secondo me, ma anche secondo la reazione dei miei followers, queste versioni sono state molto azzeccate e apprezzate.
Per cui la collaborazione con loro è stata un incontro di sonorità ed uno scambio anche di forti emozioni.

 Prossimi progetti? Qualche news in anteprima?
Come dicevo prima ci sarà una grande novità a fine agosto e poi sì, ci sono due progetti in realizzazione.

Ne vedrete e ne sentirete delle belle, ragazzi!!!

janelle site.jpg

Segui Janelle
www.janelledj.com
instagram.com/janelle_music
twitter.com/janelledjmusic
facebook.com/janellemusic

 

INTERVISTA ai FAINEST: “Fare L’Artista” è il nuovo singolo del duo

Chi sono i FAINEST?
I Fainest, Fabio Nocella e Mario Di Lorenzo, sono prima di tutto due grandi amici, due ragazzi che si sono conosciuti alle scuole superiori e che si sono uniti grazie ad una passione infinita che hanno in comune, quella del rap e della musica.

pic4.jpg

Quando avete intrapreso il vostro percorso nella scena rap e com’è nato il duo?
Blade inizia il suo percorso musicale qualche anno prima di Dily, formando insieme ai suoi amici fraterni, Andrea Campanino in arte “Dj Ombra aka Homie” e Fabio Stabile aka “Kat”, il collettivo underground “ADP” (Anime Del Ponte)” che si fa conoscere nella scena milanese collaborando con alcuni dei rapper più influenti dell’epoca.

Dily invece scrive molto fin dalle scuole medie, ma si decide a pubblicare qualcosa solo dopo l’incontro con quello che poi diventerà il suo mentore in questo ambiente, Blade stesso.
Insieme agli amici Andrea Galizia aka “Gallo” e Fabrizio Cipriani aka “DJ C-Zeta” forma il collettivo Milano Minaccia che si farà conoscere nei locali della scena milanese in un periodo in cui la scintilla del rap italiano si riaccende e in cui nessuno poteva immaginare l’incendio che tutt’oggi continua a divampare.
Proprio in questo periodo Blade e Dily collaborano la prima volta all’interno di un brano che viene inserito nell’Ep “Profezie” di Milano Minaccia dal titolo “Riflessioni”.

Il confronto artistico che nasce da questo brano porta i due giovani rapper a sviluppare un rapporto di reciproca stima artistica che li porterà a collaborare in diversi brani tra cui spiccano “La mia Coca” nel primo album da solista di Dily, “Senza Parole” ,“Figli della Merda”, un bangerz all’interno del primo disco da solista ufficiale di Bleezy, “Just Blade” ma soprattutto “A Manetta” una vera e propria underground hit inserita all’interno dell’Ep di Dily “Spacco le Finestre”.

La combinazione della tecnica di Dily e dell’attitudine di Blade è una miscela esplosiva che deflagra sul beat ogni qual volta i due decidono di collaborare.
Da questa consapevolezza e dalla voglia di dimostrare di poter essere una realtà importante all’interno della scena hip hop, ma soprattutto dall’irrefrenabile voglia di realizzare un sogno, nel Novembre del 2012 nascono i Fainest.

“Tequila”, “#mettisuGigiDag”, “Combattere”, “MaccioCapatonda” (feat Spyne e Palmieri) e”Non Sono Studiato”, sono alcuni tra i brani che avete pubblicato. Quali sono le tematiche che vi caratterizzano?
Il nostro approccio con le tematiche da affrontare in un brano è qualcosa di molto istintivo, qualcosa che nasce quasi inconsciamente.

Un pezzo come #mettisugigidag può essere preso come esempio della versatilità con cui affrontiamo la tematica dell’amore ad esempio. I versi sono molto poetici ma inseriti all’interno di una produzione fresca che rivisita la hit di Gigi Dag “L’amour Toujour” in chiave Trap. Un pezzo come “Non sono studiato” invece tira fuori il nostro lato più ironico e divertente su una produzione che si ispira al leggendario Ryan Lewis e all’atmosfera irriverente di “Thirft Shop”.

 Non ci poniamo mail limiti, sia nelle tematiche che nella produzione, la musica è tutto quello che siamo e quello che vogliamo esprimere, questo è il nostro approccio che ci piace definire a 360°.

Tre aggettivi per descrivere al meglio la vostra musica?
Divertente, emozionante, appassionante.

 L’11 Maggio è uscito il vostro nuovo singolo con video ufficiale, supportato da diverse radio tra cui 105 nel programma “Lo Zoo di 105”.
“Fare L’Artista” è il titolo del brano, realizzato in collaborazione con Katerfrancers, la quota rosa dei Power Francers.
Presentate al pubblico il brano. Com’è nata questa collaborazione?

La collaborazione con Katerfrancers nasce da un incontro casuale avvenuto in un locale in cui Kater si stava esibendo dal vivo, un paio di anni fa.
Ovviamente conoscevamo i Power Francers e abbiamo molta stima per il lavoro che hanno fatto in passato portando una ventata di freschezza con il loro talento e le loro produzioni super cool.
Quando abbiamo concluso la produzione di “Fare l’artista” abbiamo immediatamente capito che la voce sexy e inconfondibile di Katerfrancers sarebbe stata perfetta per lanciare quel tipo di Drop, così l’abbiamo contattata ed è nata la collaborazione.

 FAINEST nel 2012 – FAINEST nel 2018 Quali sono stati i rilevanti cambiamenti nell’arco di questi anni e quali le più grandi soddisfazioni?
Nell’arco di questi anni da Fainest ci siamo tolti tante piccole soddisfazioni ma soprattutto abbiamo lavorato fianco a fianco, condividendo tanti momenti difficili e crescendo moltissimo dal punto di vista artistico. Collaborare con artisti incredibili e affermati, sia in campo musicale che nel campo dello spettacolo e della radio, senza dubbio ci ha regalato una gioia immensa e abbiamo potuto apprezzare e imparare metodi di lavoro che cerchiamo di riportare nel nostro quotidiano. La prima volta che il nostro brano “Combattere” fu trasmesso su Radio 105 di sicuro rimane un ricordo incredibile e indelebilmente scolpito nel nostro cuore.

Ma non siamo ragazzi che si accontentano, sappiamo che la strada è lunga e vogliamo far ancora molto, sempre insieme, quindi le soddisfazioni più belle sono quelle che dobbiamo ancora toglierci!

 Ci sono nuovi progetti in serbo? Avete qualche news esclusiva da annunciare a chi vi segue?
Il terzo album è pronto e uscirà sicuramente nel 2018.

Prima di Luglio arriverà un altro singolo e stiamo lavorando ad una collaborazione incredibile per dopo l’estate… restate con noi!!

pic3

Segui FAINEST
Facebook: https://www.facebook.com/fainestmilano/
Instagram: https://www.instagram.com/therealfain…
Twitter: https://twitter.com/therealfainest
Spotify: https://spoti.fi/2IsXTTM

Intervista al provocatore italiano dell’Edm : EDMMARO

 

Ho avuto il grande piacere di intervistare EDMMARO, artista originale e fenomeno inevitabile della scena italiana.
Settimana prossima sarà ospite al Nameless Music Festival a Lecco e vi aspetta in giro per l’Italia con i suoi show energici e imprevedibili.

“Perché indossa la maschera di Hardwell? Come mai è imprevedibile? .. “

A voi l’intervista! 

Presenta al pubblico il fenomeno EDMMARO.
EDMMARO
è il killer italiano dell’Edm, che fonde i sound più attuali della musica bass e elettronica con fenomeni trash, meme e classici della musica internazionale e italiana senza distinzione di generi.

SJF_9290.jpg

Tre aggettivi per descrivere il tuo progetto?
Bello, brutto, provocatorio.

Quando hai deciso di presentare al pubblico la tua originalità e unicità?
Non è stata una scelta volontaria, il tutto è nato partecipando al dj contest del Nameless Music Festival nel 2016, con un mixato divertente e senza regole, che ha catturato l’attenzione facendo divertire e diventando virale nella community Edm italiana subito dopo l’upload.

Inaspettatamente sono stato il vincitore del contest e mi sono ritrovato automaticamente nel personaggio.

Come mai la scelta di questo nome d’arte e di non mostrare il tuo volto, nascosto da una maschera con il viso di Hardwell?
È sempre legato alla casualità con cui è nato questo progetto, ho iniziato in modo anonimo, come immagine utilizzavo una foto di un giovane Hardwell, dal mio punto di vista stereotipo perfetto della musica Edm e facile bersaglio, quindi mi sembrava divertente continuare semplicemente come Edmmaro, nascondendomi dietro una sua foto di cartone.

Pensi che in Italia ci siano altri artisti che propongono al pubblico uno show alternativo come il tuo? Qual è la caratteristica principale che ti rende così autentico?
Credo di essere l’unico sulla scena anche internazionale ad avere un sound e un approccio social media in questo stile, reso autentico dal mio modo di creare contenuti senza tenere conto di regole, in un mondo musicale ormai troppo schematico e poco originale, in particolar modo nel genere Edm e nell’ambiente festival.

L’unico filo conduttore è cercare di unire o remixare brani totalmente opposti tra di loro, cercando un risultato che non passi mai inosservato.

Da Malgioglio a Tiziano Ferro, da Raffaella Carrà alla sigla di Uomini & Donne, per citarne alcuni. Una fusione tra veri cult, electro e altri generi musicali.
Con quale criterio selezioni i singoli da remixare e soprattutto come si presenta un tuo dj – set?
Trovo impressionante il potenziale di alcuni brani, italiani e non, del passato e del presente, come gli esempi che hai citato nella domanda.

Quindi ora che è sempre più difficile distinguersi o emozionare un ascoltatore cerco di rendere quello che nessuno si immaginerebbe di proporre in un club o ad un festival di sonorità adatte a eventi di certa portata.
E parlo veramente di ogni tipo di sonorità e genere musicale, dalla bachata alla psytrance o da Pupo agli Swedish House Mafia, per me è davvero un attimo, cerco di annullare ogni distanza. Di certo durante un mio dj set non ci si annoia!

Quali sono gli artisti italiani e internazionali che ammiri maggiormente? Con chi avresti il piacere di collaborare?
Mi sono avvicinato all’Edm grazie a tanti italiani come Benny Benassi, Bloody Beetroots, Crookers, alla dance con Gigi D’agostino, Prezioso.

L’Italia è sempre stata al primo posto come proposta e qualità soprattutto negli anni 90. Amo la canzone italiana da sempre, Celentano, Raffaella Carrà, Tiziano Ferro.  Ma anche Bello Figo.
Parlando del periodo attuale sicuramente in italia apprezzo Sunstars, Merk&Kremont, Kharfi, SDJM.
Noi italiani spacchiamo. Sull’internazionale Skrillex è quello che non mi ha mai deluso.
E gli Swedish House Mafia ho avuto il piacere di ascoltarli a Miami durante UMF.

I tuoi show sono unici, divertenti e soprattutto carichi di energia. Complimenti!
Preferisci suonare ad un festival o all’interno di un club? Com’è il rapporto con il tuo pubblico?
Grazie! Sono i miei obbiettivi principali in uno show, in particolare l’energia. Per questo preferisco esibirmi ad un grande festival perché sento di non avere nessun limite alla mia musica. È il terzo anno infatti che non aspetto altro che suonare a Nameless, ma amo anche adattarmi ai club, conoscerlo e proporre una selezione più controllata, pur restando nel mio stile. Sembrerebbe normale per un personaggio come il mio avere tanti haters, ma ho degli ascoltatori e followers sempre partecipi, anche oltre le mie aspettative, che capiscono al 100% il mio personaggio e non potrebbe essere meglio di così.

Dove avremo il piacere di ascoltarti prossimamente?
Hai qualche news esclusiva, in merito ai prossimi progetti, da annunciare ai tuoi fan?
Sto lavorando molto per il Nameless, forse ci sarà una comparsa durante il mio set di un artista di cui sono grande fan, vedremo.

“HO FATTO QUESTO MIX NELL’ULTIMA SETTIMANA COME TRIBUTO AL NAMELESS MUSIC CONTEST CHE MI HA DATO VITA, ADDIO, SE NE VA PER SEMPRE UNA PARTE DI ME :(“

 Tra le prossime date, in continuo aggiornamento:
2/06 Nameless Music Festival – Barzio
8/06 Boscaccio Beach – Pavia
7/06 – 16/06 – 23/06-  30/06 – 14/07 EDMMARO residency
@Juice, JuniorClub – Rastignano

Segui EDMMARO
Facebook
Instagram
SoundCloud

 

Intervista al duo NO FOCUS – Immersi tra il mistero, news e prossime release

 

Quali sono i progetti in serbo per i prossimi mesi? Qualche anticipazione in esclusiva?
Non possiamo esporci più di tanto da questo punto di vista,  ma abbiamo il piacere di anticipare in esclusiva che ci sarà una collaborazione con artista di grande importanza nella scena internazionale e  con un’etichetta Major.

Segui NO FOCUS
Facebook: https://www.facebook.com/NoFocusMusic/
Soundcloud: https://soundcloud.com/user-152946452

Instagram: https://www.instagram.com/nofocus_music/

 

Intervista al vocalist Michele Zanardi: “E’ in arrivo un’estate di fuoco”

 

Chi è Michele Zanardi?
Sono un vocalist di musica House, commerciale, Edm, Reggaeton, nato a Perugia il 24 settembre del 1992, ex cantante ed attore performer.

 interview 3.jpg

Nasci come cantante e dopo diversi anni intraprendi anche la strada del clubbing. Quando ti sei avvicinato al mondo della notte in quanto noto Vocalist del centro Italia e non solo?
Mi sono avvicinato casualmente al mondo del clubbing dopo che un mio amico mi chiese, dopo aver assistito a una performance live  con la mia band, di fare da vocalist alla festa di ingegneria di Perugia nel giugno 2017. Considerata la mia passione per l’intrattenimento e l’animazione, accettai di buon grado, e da li venni contattato da due dj notti nel panorama perugino che mi scelsero per accompagnarli durante il loro tour estivo, avendomi notato proprio a quella festa.

A dicembre ho esordito nel primo club, lo zero7cinque di Perugia, che mi ha permesso di ottenere i successivi lavori.

Cos’è per te la musica e quali sono i generi che ti permettono di dare il meglio nel tuo lavoro?
La musica è semplicemente un modo che mi permette di entrare a contatto con quella che è anima delle persone. È una forza straordinariamente unificatrice, e in tal senso ho deciso di dedicargli la mia via. Per questo mi trovo bene a performare su qualsiasi genere musicale, anche se nasco come vocalist Edm e progressive House, generi che mi sono rimasti tremendamente congeniali. Anche se devo molto alla mia formazione rock, che mi ha cresciuto e formato come frontman.

 interview 2.jpg

Qual è il momento che ti emoziona maggiormente ad un evento/party?
Che tipo di  “risposte” ottieni dal pubblico?

Sicuramente il momento in cui il cosiddetto “drop” sta per proporsi all’interno di una canzone. Ecco perchè prediligo i generi prima citati. In quel momento la mia carica emotiva raggiunge l’ apice, fomentandomi a tal punto da trasmettere questa grande carica emotiva al pubblico.
Tendenzialmente le risposte che ottengo dalla gente rimandano alla carica riscontrabile a un concerto rock, in cui si stimolano le persone a ballare con energia e in modo frenato, e a cantare a voce alta sfogando tutte le proprie energie sulla e per la musica.

Quali sono i progetti  in vista per l’estate 2018? Il pubblico dove avrà il piacere di trovarti a far saltare i dance floor?
In estate presterò la voce tutti i weekend al Papaya beach, a marina di Pisa, e a Riccione , dove performerò in alcune feste esclusive a bordo di bellissime imbarcazioni e in alcuni club durante gli eventi gestiti da Friends Eventi e dai ragazzi del flamingo Beach.

In Umbria prenderò parte a numerosi festival estivi.
Inoltre il 7 lugli sarò il vocalist dell’evento benefico sostenuto da m2o “We Love Amatrice”, ideato da Prestige Planning, con alcuni top dj d’Italia che prenderanno parte alla kermesse. Infine il 2 agosto mi troverete a Spello, in Umbria, insieme alla Nazionale Italiana Dj.
E’ in arrivo un’estate di fuoco!

 Segui Michele Zanardi
instagram > michele.zanardi

 

“g o l d š t e i n” è il nuovo format 34 anni dopo le telecamere di Orwell

Intervista al duo NO FOCUS – Immersi tra il mistero, news e prossime release

NO FOCUS
Tre aggettivi per descrivere il vostro progetto.
Misterioso, insolito e contemporaneo.

01.jpg

Dopo il bootleg del brano di Elettra Lamborghini – “PEM PEM“, è uscito anche il remix realizzato in collaborazione con Jarrow, della HIT “Shape Of You” di Ed Sheeran.
Quali sono stati i riscontri? Come mai la scelta di remixare questi brani?
I riscontri dei nostri due bootleg sono stati davvero sorprendenti, quasi inaspettati, a dimostrare ciò è stata la scalata continua di posizioni nella top 100 reggaeton,  su  una piattaforma musicale associata a SoundCloud, e soprattutto le reazioni e i messaggi ricevuti dagli amanti di  questo genere musicale.
La scelta di questi brani non è stata casuale poiché entrambi appartengono alla tendenza del momento e quindi non poteva mancare la nostra versione.

I generi che vi caratterizzano solo la Moombahton, Tribal, Trap ed Electro House. Cosa ci si deve aspettare dalle prossime uscite per quanto riguarda le sonorità? Possiamo solo dire che abbiamo  già in cantiere  sonorità nuove e fresche, che oscillano tra la tribal house ed electro house.

02.jpg

 Recentemente avete suonato in uno tra i locali più belli di Napoli, il DUel Beat.  Come si presenta un vostro dj set? Quali sono i brani e gli artisti che non devono mai mancare nella vostra tracklist?
Si, DUel Beat è un locale fantastico, prossimamente potrebbe esserci una nuova serata.
I nostri Dj set sono sempre realizzati in modo diverso e molto articolati e non devono mai mancare brani di artisti come Major Lazer, Sean Paul, J Balvin e altri.

Quali sono i progetti in serbo per i prossimi mesi? Qualche anticipazione in esclusiva?
Non possiamo esporci più di tanto da questo punto di vista,  ma abbiamo il piacere di anticipare in esclusiva che ci sarà una collaborazione con artista di grande importanza nella scena internazionale e  con un’etichetta Major.

Segui NO FOCUS
Facebook: https://www.facebook.com/NoFocusMusic/
Soundcloud: https://soundcloud.com/user-152946452

Instagram: https://www.instagram.com/nofocus_music/

Qualche giorno fa ho avuto il piacere di intervistare Stefano Gelmi, ideatore del nuovo format “g o l d š t e i n”,  che accosta le sessioni di musica dal vivo al videomaking.
La data zero si è svolta in una ricevitoria/tabaccheria a Varese e ha visto come protagonista Samuele De Santis, mentre Venerdì 11 Maggio l’ospite sarà Birø .

Ciao Stefano! Presenta ai lettori il nuovo format: “g o l d š t e i n
Goldštein è un concept audiovisivo che mira a coniugare performances musicali al videomaking.

L’intento del progetto è quello di mettere al centro della scena l’artista e la sua libertà di espressione: proprio per questo i dj set ed i live musicali vengono proposti in locations inconsuete, per far girare tutto intorno alla musica, per avvicinare chi suona a chi ascolta e viceversa.

goldstein_logo_web.png

g o l d š t e i n è ispirato Emmanuel Goldstein, il protagonista di “1984” di George Orwell, che si oppose al Big Brother. Com’è nata questa idea?
Orwell è probabilmente il mio autore preferito, di sicuro uno tra quelli che mi hanno influenzato di più. La prima volta che ho letto “1984” era il 2008 ed ai tempi organizzavo serate in una discoteca nella provincia di Varese.

Ho sempre pensato che sarebbe stato quantomeno divertente, se non interessante, dare vita ad un format che permettesse di vivere l’esperienza musicale a 360°, guardandola e gustandola da ogni inquadratura, come in una sorta di Grande Fratello.
Ecco perchè mi sono venute in mente le telecamere.
Tante telecamere che inquadrano chi suona come se fossero le telecamere del Big Brother di Orwell, che quotidianamente spiavano Emmanuel Goldstein (da qui nasce il nome). Ho così unito un gruppo di amici, professionisti della filiera musicale e grandi appassionati.

Ci ho impiegato un po’ a convincerli, a darmi fiducia e a credere nel progetto, ma funziona.

Funziona alla grande!

Permettimi di nominarli e ringraziarli uno per uno: ci sono Federico, Michele e Nicolò che mi aiutano nella “propaganda”, giusto per restare in tema Orwelliano. Con Tommaso, Samuele e Cek curo la direzione artistica del format. E poi ci sono Teti, che si occupa delle questioni grafiche e Samuele che cura la parte video e della comunicazione.

Ultimo ma non ultimo Den di Save The Tape con cui abbiamo iniziato una media partnership.

Siamo tutte persone che si sono sempre date da fare per la movida della provincia lombarda e che finalmente si sono unite.

 Quali sono i riscontri che hai ottenuto in seguito al primo evento?
La prima data di goldštein è stata pensata come “data zero” nel vero senso della parola: voleva e doveva essere una serata super intima, tant’è che abbiamo svelato la location mezz’ora prima dell’inizio del dj set. Devo dire che è andato tutto proprio come speravo andasse.

La strategia di comunicazione, seppur confinata alla città di Varese, mi sembra essere ben riuscita. L’indomani abbiamo ricevuto molti messaggi da amici, addetti ai lavori e da tante persone incuriosite e ci fa ovviamente piacere che l’interesse creato attorno al progetto sia così grande.

Purtroppo proporre questo concept a Varese ha i suoi limiti.
Il varesino medio si sente al 90% milanese, quindi o lo coccoli e gli offri una realtà dove sia figo fare le storie per instagram oppure ai tuoi eventi non ci viene nemmeno se gli paghi il taxi a/r.
O lo coccoli o ti snobba insomma. Ma noi non vogliamo coccolare il pubblico, vogliamo coccolare l’artista. Paradossalmente goldštein funziona anche senza pubblico.

Per noi è meglio un pubblico poco numeroso ma davvero interessato a quello che sta ascoltando.

Chi è l’artista che ha inaugurato il format?
Il primo dj set è stato proposto in una ricevitoria/tabaccheria a Varese ed ha visto come protagonista Samuele De Santis. Abbiamo deciso di giocare in casa chiamando Samuele che, oltre che essere un grande amico, è anche uno dei più attivi dj nell’ambiente underground in città: fresco di successo con “Garbatella” (Neo Violence Rec.) è resident di This Is Not, un’istituzione per quanto riguarda la club culture varesina, una delle mie feste preferite….

Iniziare con un dj set che ha spaziato dal funk all’acid house, dall’italo disco al soul è stato davvero divertente.

 Cosa ci si deve aspettare dai prossimi “g o l d š t e i n“?
Ci sono delle novità che puoi anticipare in esclusiva?
Abbiamo un calendario ricco di guest interessanti e tante sorprese, a partire dal prossimo dj set di Birø (che l’anno scorso si è esibito al Mi Ami Festival), passando per Nafsi (che farà il suo debutto proprio alla nostra serata) fino ad arrivare ad And.rea (YAY Rec).

Le locations e gli altri ospiti li teniamo ancora nascosti, ma sarà un’estate caldissima.

Abbiamo tantissima voglia di continuare a proporre qualcosa di nuovo.

Per partecipare all’evento di Venerdì 11 Maggio
g o l d š t e i n #01 » Birø dj set
> https://www.facebook.com/events/275009173041120/

Intervista al dj/producer DEASI: “Sunrise è il mio nuovo singolo”

Chi è Cristian De Iasi in arte DEASI? Quando ti sei avvicinato al mondo del djiing e della produzione?
Sono dj/producer di 21 anni e mi sono presentato sulla scena con il mio progetto a cui tengo davvero tanto.

Mi sono approcciato al mondo della notte molto presto, avevo circa tredici anni quando ho iniziato a suonare nei piccoli club della mia città e pensa che non arrivavo neanche alla console per quanto ero basso (ride).
Sono un amante della vera progressive house e grazie a questo favoloso genere e al mio caro amico e mentore David De Rossi , mi sono avvicinato pian piano al mondo della produzione, frequentando i primi corsi nel suo studio e seguendo i suoi importantissimi consigli.

 Quali sono gli artisti della scena italiana e internazionale che ti hanno influenzato maggiormente? Con chi avresti il piacere di collaborare?
Gli artisti che maggiormente mi hanno influenzato, soprattutto agli inizi sono stati: Armin Van Buuren, Eric Prydz e gli Swedish House Mafia.
Per quanto riguarda artisti italiani che apprezzo e che in un certo senso mi hanno influenzato e che seguo costantemente sono Giuseppe Ottaviani , Congorock, il mitico Benny Benassi e Merk & Kremont, che nel panorama internazionale si stanno facendo apprezzare moltissimo.
Non nego che un giorno mi piacerebbe collaborare con Armin van Buuren (è un dio per me), ma attualmente sto seguendo molto Shapov, sta andando forte e si sta facendo apprezzare nel mondo. Il suo stile si avvicina molto al mio, chissà…

Sei un artista supportato da diversi produttori tra cui  FTampa, DADDY’S GROOVE, DJ’s FROM MARS, Luca Testa, Lumberjack e altri. Come ci si sente avere il sostegno di artisti di questo calibro?
Apprezzo molto che artisti di questo calibro abbiano supportato i miei lavori nei loro set o nei loro radioshow, è un piccolo traguardo per me e rappresenta una grande soddisfazione per tutto il lavoro fatto in studio.

Molti sono davvero umili, mi danno consigli e continuano a darmeli.
L’umiltà è un fattore importante in questo campo, non tutti sono così.

Come si presenta un dj set di DEASI? Quali sono i brani che non mancano mai all’interno di un tuo set?
[
Ascolta il suo episodio di Wiki Mix > https://goo.gl/vKfh7R ]

Il set di DEASI è un set puramente energico da inizio a fine, con accenni progressive, groovy e tribal.
Amo vedere il pubblico scatenarsi e godersi la serata con la mia musica, lo vedo doveroso perché non posso deludere.
I brani che suono sempre nei miei set sono un mio re-edit di Spacemen a cui tengo molto in quanto è stato uno dei miei primi lavori, poi ho la mie “due chicche”..io le definisco così, e sono un mio bootleg di Leave the world behind degli SHM ed un mashup di Pjanoo.
Per le chiusure scelgo sempre dei brani che creino delle emozioni particolari in me e soprattutto nella folla, di solito mi piace chiudere un mio set con Opus di Eric Prydz (un viaggio amici miei).

30728055_995364493944367_6112415987873242591_n

Qual è il tuo parere in merito alla scena electro italiana? Cambieresti qualcosa?
Gran bella domanda Andre! A parer mio la scena Electro italiana ancora non riesce ad emergere come potrebbe e come dovrebbe.
Abbiamo tanti talenti , nulla da invidiare alla scuola olandese.
Ci sono tanti artisti italiani molto apprezzati all’estero, ma poco considerati qui in Italia.  Non so quale sia il problema di fondo reale, ma quello che posso dire è che c’è poco dialogo, tanta competizione e poca collaborazione tra emergenti, cosa del tutto diversa in Olanda per esempio. In realtà cambierei poco, c’è poco da cambiare, ricordiamoci che negli anni ’90 la scuola italiana era la regina della musica elettronica e non era di certo un caso.

Dopo “SO LOUD”, “TELEPORT”, “DAM” e “VOICES”, ieri è uscito “SUNRISE”, il tuo nuovo singolo in collaborazione con EMME, per Black Bird Recordings. Com’è nata questa collaborazione? Qual è la tua alba ideale?
La collaborazione con Emme è nata per gioco diversi mesi fa. Era da tempo che programmavo una collaborazione con lei, poi una sera ci siamo incontrati nella mia città (Viterbo) e tra una birra e un’ altra ecco l’ispirazione.. il giorno dopo eravamo in studio a lavorare. Oltre che un’amica, la reputo una grande professionista.

E’ un piacere presentare oggi questo nostro lavoro.
L’alba per me rappresenta un qualcosa di magico, l’inizio di un nuovo giorno o semplicemente la fine di una nottata da ricordare.. sta a noi ad interpretarla! 

COVER SUNRISE.jpeg

Segui DEASI
https://www.facebook.com/deasidj
https://twitter.com/iam_deasi
https://www.instagram.com/iam_deasi
https://soundcloud.com/iamdeasi

VIDEOINTERVISTA alla cantante Manu LJ & al dj/producer BESFORD

Ascolta e scarica “Another World” 
iTunes: https://apple.co/2Cl3kwX
Apple Music: https://apple.co/2Cl3kwX
Spotify: http://spoti.fi/2EG8qZH
Amazon: http://amzn.to/2HpGVlX
Google Play: http://bit.ly/2FdlWBQ
Beatport: http://bit.ly/2GgOKsF

Intervista agli Equo di Doner Music: “Un mix tra indie, pop ed elettronica”.

 Ho intervistato gli Equo, un duo giovanissimo e sono la nuova grande scommessa  dell’etichetta Doner Music e di Big Fish.
A marzo è uscito “Non So” ( leggi l’articolo > https://goo.gl/ydkdyz ), singolo prodotto dal cantautore e producer Matisse, che fa il suo debutto, e Gabriel, che col suo progetto solista Kende ha già pubblicato diverse release su label come Dim Mak e Fool’s Gold, remix ufficiali per artisti come A-Trak, Quavo, Lil Yachty.

Chi sono gli Equo? Presentatevi al pubblico.
Gli Equo sono un duo che vuol fondere l’elettronica con l’indie italiana. Gli Equo siamo noi, Matisse & Kende, entrambi musicisti.

Il 19 Marzo è uscito il video ufficiale del vostro primo singolo “Non So”.
Com’è nato questo brano? Cosa volete trasmettere all’ascoltatore?
Matisse:
“Questo brano è nato negli studi di Doner Music: avevo già scritto il testo tempo fa, e grazie a Kende siamo riusciti a dare nuova linfa vitale al brano, ottenendo un sound allegro e radiofonico, piuttosto ricercato.
Avevo scritto i versi durante il periodo post-maturità, e cercavo di capire perchè il mondo fosse in continuo cambiamento e nel mentre io rimanevo immobile.
Non So” parla di quella sensazione contradditoria che si prova nel vivere, del non sapere come andrà avanti il mondo, del fatto che alla fine tutto ciò che abbiamo di veramente importante siamo noi, il nostro nome.
Abbiamo quindi voluto enfatizzare questo concetto di contraddizione, sovrapponendo un testo malinconico ad un beat estremamente allegro.”

Qual è stata la vostra reazione ascoltando il brano su Radio Deejay?
La nostra reazione è stata senza dubbio positiva perché sappiamo bene che non è da tutti finire nella playlist di una radio così seguita in Italia, e dunque questo è un grande traguardo per noi.

Il vostro duo è nato negli studi di Doner Music.
Quali sono i prossimi progetti in serbo?
Sì, esatto, ci siamo incontrati negli studi di Doner Music, dove siamo riusciti sin da subito a capirci nonostante i gusti musicali differenti, ma siamo anche riusciti a stabilire degli obiettivi da raggiungere e questo ci aiuta a percorrere la stessa “strada”.

Equo 1.jpg
Avete qualche news da anticipare in esclusiva a chi vi segue?
Certo, come avrai notato alla fine del video abbiamo anticipato uno snippet del nostro prossimo singolo di cui non sveliamo ancora il titolo, e oltre a quello ci sono altri singoli già pronti che aspettano solo di essere pubblicati, e magari qualche featuring importante?

In bocca al lupo!


Segui Equo

http://instagram.com/matisse_equo
https://www.instagram.com/kendemusic
http://spoti.fi/2phHcQl
https://www.facebook.com/equoequo

Intervista al duo PANDASS – “Pronti per il nuovo singolo?”

Ho intervistato il duo electro italiano PANDASS, molto particolare ed originale, che ha preferito far emergere la sua musica, senza svelare i  volti  che hanno dato vita al progetto.
La maschera che caratterizza il duo ha le sembianze di un Panda, animale conosciuto per la sua tenerezza… ma non è proprio questo il caso!
Di fatti, come i panda, i due Dj vivono principalmente di notte, sempre pronti in console per travolgere il pubblico con il loro sound, energia e unicità.


Buona lettura!

Domanda di rito! Tre aggettivi per descrivere al meglio PANDASS?
Determinati, perché sappiamo che bisogna esserlo per vivere in questo mondo. “Casinisti”, in tutti i sensi, chi ci conosce potrà sicuramente confermartelo.

“Cazzuti”, questa te la spieghiamo dopo.

Quali sono le origini del vostro duo e del nome d’arte? Quando avete intrapreso questo progetto insieme?
Suoniamo da tanti anni nella nostra città, ci siamo ritrovati a dover spesso condividere la consolle per i vari eventi organizzati nella nostra Livorno.

Con il passare del tempo si è instaurato così un rapporto di grande amicizia, che è il motore che ancora ci tiene legati, più della musica.
Dopo varie idee ci siamo detti: “cambiamo tutto per ripartire da zero!”.
Volevamo ricominciare in tutti i sensi, cercavamo qualcosa di impatto e la scelta è ricaduta sulla maschera del panda.
Ad ottobre 2016 è nato quindi, dalla fusione tra “panda” e “badass” termine inglese che sta per “cazzuto, figo”, il progetto “PANDASS” che si presenta sul palco per la prima volta proprio nella notte di Halloween 2016 a Livorno.

..PANDASS.jpg

Prosegue il tour per tutta Italia. Come si presenta un vostro set? Che rapporto avete con il pubblico?
Il nostro personaggio mira ad interagire con il pubblico facendolo divertire il più possibile…cerchiamo di coinvolgere le persone durante tutto il set e riscontri sono ottimi!

Per quanto concerne la musica abbiamo un set che varia tanti stili e generi musicali, siamo legati in particolar modo all’edm/commerciale o alla bounce, ma, pur avendo un set inquadrato, non ci poniamo limiti, il vero protagonista è il pubblico e la nostra priorità è quella di esprimere sempre noi stessi e metterci del nostro, ma il pubblico deve divertirsi, sempre!

PANDASS.jpg

 Quali sono gli artisti che vi influenzano maggiormente nelle vostre produzioni e quelli che non mancano mai nella vostra tracklist?
La lista sarebbe troppo lunga per elencarli tutti! Diciamo che abbiamo influenze sia a livello internazionale che nazionale, ci piace mettere pezzi conosciuti ma anche qualcosa di più ricercato. Solitamente (per quanto riguarda artisti nazionali) non manca mai qualche lavoro del nostro amico Rudeejay e Jack Mazzoni, sono due artisti che svolgono al top il loro lavoro. Abbiamo sicuramente un debole per Timmy Trumpet o Tujamo, ma soprattutto non può mancare qualcosa di nostro! Ad esempio Sax tape, il nostro ultimo singolo, ormai è obbligatorio, tra l’altro dobbiamo riconoscere che al pubblico piace davvero tanto e di questo ne siamo molto orgogliosi.

Il 2018 è un anno ricco di novità per il duo PANDASS. Avete qualche news da anticipare in esclusiva per i vostri fan?
Hai detto proprio bene Andrea, novità c’è ne sono e arriveranno prestissimo!

Qualche anticipazione la diamo ragazzi, che dite?
Siamo fieri di annunciarvi che stiamo ultimando un nuovo singolo e un nuovo video, la nostra idea è farlo uscire nel giro di un paio di mesi. Secondo noi spaccherà, è un pezzo su cui puntiamo tutto! Oltre a tutto ciò dovrebbero arrivare presto nuove date con Musiche Metropolitane, che ci teniamo a ringraziare per tutto il lavoro che sta facendo con noi, in attesa dell’estate 2018.

Dove avremo il piacere di incontrarvi nelle prossime settimane?
Il 23 marzo saremo a Pistoia all’ “H2NO”, poi avremo un paio di date in quel di Livorno e ad aprile saremo a Siena, ma per rimanere aggiornati potete seguirci su Facebook o Instagram.

Segui PANDASS
https://www.facebook.com/pandassdj/
https://www.instagram.com/pandassdj/
https://twitter.com/PANDASSDJ
https://soundcloud.com/pandassdj
https://demodrop.com/PANDASS
https://www.beatport.com/artist/pandass/625494
https://itunes.apple.com/it/artist/pandass/1248488563
https://open.spotify.com/artist/4rDZgcYGp59qS5gYNwHlrf

Intervista al dj/producer Joe C: “La mia musica non ha limiti”

Com’è stato il tuo scorso anno?
Il più bello di sempre. E stato un anno fantastico, durante le mie serate, i miei viaggi ho avuto modo di conoscere un sacco di persone positive, un sacco di persone che mi hanno lasciato tanto ,gente da tutto il mondo.

La mia musica ho capito che non ha limiti, questa per me e una grande soddisfazione. Tutto questo mi da la voglia, la forza di andare avanti e di fare sempre nuove cose. 

Cosa bolle in pentola nel 2018? Hai qualche news da comunicare in esclusiva a chi ti segue? Dove avremo il piacere di ascoltarti nelle prossime settimane?
Sto lavorando al mio primo disco che penso sarà pronto prima dell’estate ma non posso dirvi ancora nulla.

Per quanto riguarda il tour invernale, Venerdi 12 sarò al Touch Club di Sassari in Sardegna e  Sabato 13 al Piper Club di Roma.

joe c 1.jpg

Segui Joe C
FB : https://it-it.facebook.com/joec.official/
IG: https://www.instagram.com/joec.official/
YOUTUBE: https://www.youtube.com/channel/UCmESdo_ZziZ6LJ83jyuULGg

Grazie Joe C per questa chiacchierata!
In bocca al lupo.

 

Intervista al duo FPB: “Vi sveliamo il titolo del prossimo singolo”

Ho intervistato il duo electro italiano FPB, in vista dei prossimi progetti e del nuovo singolo, di cui ha anticipato il titolo in esclusiva nella nostra chiacchierata.

Buona lettura!

Tre aggettivi per descrivere al meglio il vostro duo?
Siamo ambiziosi perchè ogni giorno lavoriamo sodo per raggiungere grandi obiettivi.
Estroversi considerando il nostro carattere aperto e solare che ci aiuta a “rompere il ghiaccio” con il pubblico.
Determinati, nonostante tutte le difficoltà che un settore come la musica possa avere, ci svegliamo ogni mattina sempre più carichi e intraprendenti, per compiere dei passi decisi per raggiungere l’apice.

fpbb.jpg

Quando avete deciso di intraprendere questo percorso insieme? In che modo vi siete avvicinati alla consolle?
La nostra è un amicizia di lunga data, che grazie alla passione per la musica, le stesse idee e obiettivi, a fine 2015 hanno dato vita al nostro progetto “FPB”.

Nel 2016 avete pubblicato “Love My Love” ft. Paul Pedana ed a Maggio 2017 il singolo “Never Back Down”, in collaborazione con il duo Da Brozz per Ego Italy. Come sono nate queste collaborazioni? Siete soddisfatti dei risultati ottenuti con queste release?
La nostra prima traccia pubblicata da indipendenti è stata “Love my love” in collaborazione con Paul Pedana, un artista che ci ha trasmesso molto, di fatti siamo soddisfatti del lavoro svolto, nonostante ci siano state alcune “pecche”.

Never Back Down” è sicuramente il singolo migliore parlando di qualità e grazie anche alla collaborazione con i Da Brozz, ha raggiunto ottimi riscontri. E’ stata rilasciata da EGO Italy e per noi è stata una grande soddisfazione, considerando che il nostro percorso è agli inizi.

Qual è il vostro pensiero in merito alla scena electro italiana? Con chi avreste il piacere di collaborare?
La scena Electro italiana attualmente la vediamo un po’ indietro rispetto ad altri paesi, anche se ci sono molti artisti italiani validi di cui andar fieri! I nostri elogi vanno anche al Nameless, un festival 100% italiano di altissimo livello.

Attualmente se dobbiamo parlare di collaborazioni, visto il genere musicale che tratteremo nel 2018, direi Dj Snake, Skrillex, Dillon Francis e Yellow claw.

Come si presenta il vostro dj set? Che rapporto avete con il pubblico?
Nei nostri Dj set ci piace cercare di trasmettere la nostra energia e carica cercando di suonare sempre la traccia che possa far esaltare il dancefloor. Il nostro obbiettivo è conquistare il pubblico grazie ai nostri dj set e non è molto semplice.

.FPB..jpg

Qual è il vostro “Stile di Vita”?
Il nostro “Stiledivita” è indirizzato verso la positività e la prospettiva migliore di ogni nostra situazione. Non ci poniamo dei limiti, perchè siamo del parere che grazie al duro lavoro e molta pazienza, si raggiungono alti livelli.

Quali sono i progetti in serbo per il 2018? Volete anticipare qualcosa ai vostri fan?
Il nostro principale obiettivo per il 2018 è quello di rilasciare nuove produzioni con più continuità, abbiamo diverse ID pronte da far ascoltare! E non vediamo l’ora.

“LOUD” è il titolo del prossimo singolo!

Questo è ciò che possiamo anticiparvi in esclusiva, per ora.
Lasceremo parlare la musica!

fpb9.jpg

Segui FPB
Facebook: https://www.facebook.com/FPBofficial/ Instagram: https://www.instagram.com/wearefpb/ Spotify: https://open.spotify.com/user/wearefpb 

Ringrazio il duo per l’intervista!
In bocca al lupo per questo 2018.

Intervista alla dj Greta Tedeschi – “Al lavoro per il mio 2018”

Greta Tedeschi è la dj italiana che fa divertire la maggior parte dei club più importanti d’Italia e del Vecchio Continente.
E’ giovanissima, sexy, intelligente e molto dinamica.
E’ stata ospite alla discoteca Colossos di Lloret de Mar in Spagna e al Tropic Club di Spalato in Croazia.
Playboy Italia l’ha definita “deejay di talento che porta una ventata di fresca giovinezza nel panorama musicale italiano“, è la 115 esima Dj al mondo secondo Djane Mag  ed è  stata la più richiesta nell’ estate 2017.

Greta Tedeschi è piemontese e da piccola sognava di diventare giudice, ma dopo aver conseguito la maturità classica , ha poi abbandonato i progetti forensi per inseguire il suo grande sogno nel mondo musicale.
 E’ molto amata su Facebook e Instagram dai suoi fan che ammirano molto il suo talento e seguono tutti i suoi progetti.
In seguito all’uscita di “Apologize For My Pizza” in collaborazione con The Jagg, Greta è al lavoro per l’uscita del suo primo singolo e di altri progetti in serbo per il 2018.

Buona lettura!


Tre sostantivi che rappresentano al meglio il tuo progetto?
Mondo, musica, viaggiare.

“ Non voglio diventare ricca, voglio suonare in tutto il mondo”.
E’ il mio motto da un bel po’ di anni.

Quando ti sei avvicinata alla musica e in particolar modo all’Edm?
Ho iniziato ad avvicinarmi al mondo del djing a 17 anni.

A 18 ho fatto il mio primo tour italiano.
Sono stata abbastanza precoce ahaha
Adoro la musica, in particolar modo ciò che volgarmente chiamiamo “Edm”; sopratutto la progressive house.

Come si presenta un tuo set? Cosa ci si deve aspettare ad un party con ospite Greta Tedeschi?
I miei set sono dei veri e propri piccoli “ show”.

Studio tutto, dall’ intro alla scenografia.
Di solito le mie intro creano suspense, sono un po’ magiche o fanno riflettere.
E’ molto evidente il cambio di Dj in console.
Durante i miei Dj set uso il microfono, interagisco molto con il pubblico. 

Sei la 115 esima Dj al mondo secondo Djane Mag e sei stata la più richiesta soprattutto nell’ estate 2016. Complimenti! In che modo hai vissuto tutte queste emozioni? Che rapporto hai con il tuo pubblico?
Sono molto felice di essere nel rank mondiale.

Adoro il pubblico e per me la musica è un modo per far sognare le persone. Anche se solo per una sera. 

foto jaguar.jpg

 Playboy Italia, ti ha definita “deejay di talento che porta una ventata di fresca giovinezza nel panorama musicale italiano“. Ti aspettavi un riscontro del genere? Quanto è importante per te lo stile?
Sono contenta per il redazionale che mi è stato dedicato su Playboy Italia ma preferisco e leggo riveste di altro tipo. Ad esempio Dj Mag o Rolling Stone.

Recentemente sui social ti abbiamo vista in studio. Parlando delle tue produzioni, come nasce un tuo singolo? Qual è l’artista che ti influenza maggiormente nella scena italiana e internazionale?
Per quanto riguarda un mio singolo ci sto lavorando.

Per il momento ho una collaborazione in porto con un mio caro amico The Jagg e con un duo i Firedubs.
A livello Italiano, come artisti, mi piacciono: Angemi, Bottai, i Dj From Mars e Merk & Kremont.
Esteri:  Nervo, Dimitri Vegas & Like Mike, Axwell, Tiesto, Tony Junior, Will Sparks. 

Qual è il tuo pensiero in merito alla scena Edm italiana? Con chi avresti il piacere di collaborare?
Penso che in Italia, l’ edm funzioni ancora e funziona in tutto il mondo.

Il mio primo disco sarà senza dubbio Progressive House.
Collaborerei volentieri con i Marnik e Merk & Kremont.

Riassumi il tuo 2017 con due aggettivi.
Due aggettivi per riassumere il mio 2017?

Costruttivo; ho imparato veramente molto.
Avventuroso. Ho viaggiato tanto, conosciuto una marea di persone; alcune di esse molto positive, altre negative.
Esperienze belle e brutte che mi hanno formata.

_DSC1422.jpg

Quali sono i progetti che hai in serbo per il nuovo anno? Hai delle news da annunciare in esclusiva al tuo pubblico? Dove avremo il piacere di incontrarti nelle prossime settimane?
Per il prossimo anno ho delle collaborazioni in cantiere.

Le mie prossime date sono:
31\12\17 Sine
05\01\18 Sassari
06\01\18 Siena
12\01\18 Ragusa
13\01\18 Taormina

 Segui Greta Tedeschi
facebook.com/gretatedeschiofficial
instagram.com/gretatedeschiofficial
soundcloud.com/greta_tedeschi

 Grazie per l’ intervista

Un saluto!

Un grandissimo in bocca al lupo a Greta Tedeschi per il suo futuro artistico!

Intervista a Zighi: “dalla radio, ai club, al nuovo singolo Luna Park con il duo Alien Cut”

Ho intervistato Zighi, speaker, vocalist, scrittore e cantante, che ha da poco pubblicato in collaborazione con il duo italiano Alien Cut, il singolo “Luna Park“, che si sta rivelando un vero e proprio successo.

Buona lettura!

Ciao Zighi! E’ un piacere scambiare quattro chiacchiere insieme, in occasione dell’uscita del singolo “Luna Park”, pubblicato lo scorso 8 Novembre su tutti i digital store.
Quando ti sei avvicinato al mondo del clubbing come vocalist?
Com’è nata la tua passione per la radio?
Prima di tutto ti ringrazio Andre per questa intervista, è un piacere rispondere alle tue domande.

Ho iniziato a fare il vocalist sette anni fa, in una discoteca della mia Città.
La passione è nata grazie al bellissimo format “Diabolika” infatti chi mi ha sentito live spesso nota questa influenza nella mia voce. Ovviamente ho creato un mio stile nel tempo, ed ora è una delle professioni che svolgo.
Grazie all’esser vocalist ho avuto la possibilità di essere intervistato dal mio mentore Deejay Koma, nel programma Ok Poco Strano.
A quel tempo era da poco nato il format Ops, Koma ha notato qualcosa in me, mi ha proposto di collaborare con lui, non nego che l’idea di diventare uno speaker radiofonico era uno sogno nel cassetto, è ho colto la palla al balzo e da quel momento è nato il tutto.

zighi 3.jpg

Tre sostantivi per descrivere il programma “Ok Poco Strano” che va in onda dal lunedì al venerdì dalle 22 su Radio VivaFM?
Che cos’è un sostantivo? ahahahah scherzi a parte, Ok Poco Strano è Energia, Unione e Passione. Energia per la carica del format, unione sia per il gruppo, abbiamo un team fantastico, sia perchè cerca di unire tutti i producers italiani, per supportarli senza giudicare nessuno. Infine passione, va beh che ve lo dico a fà! La musica, la radio, potrei stare qui ore a dare motivazioni del significato passione, ma penso abbiate capito benissimo che intendo.

 Raccontaci del nuovo singolo “Luna Park” realizzato insieme al duo dance italiano Alien Cut. Il video ufficiale ha superato duecento mila views!
Ti saresti aspettato un risultato del genere? Qual è l’origine della vostra collaborazione?
Ringrazio il duo Alien Cut che ha creduto fortemente nella mia voce.

Poi come sempre ringrazio Deejay Koma che ha lavorato ad essa. Tutto è iniziato con un video freestyle caricato in rete, dal quale gli Alien hanno notato in me un potenziale che li ha portati a contattarmi. Abbiamo creato Luna Park provando questo esperimento, unire un vocal trap alla vecchia cassa dritta e basso in levare, onestamente non ci aspettavamo tutto quello che state vedendo anche voi, ma preferisco non esprimermi sul risultato raggiunto fin ora, ma rimarrò spettatore meravigliato di una creatura che cresce, cresce e cresce!

In seguito all’uscita di questa release cosa in bolle in pentola nel progetto “Zighi”? Hai qualche data importante da annunciare a chi ti segue?
Arriveranno nuove collaborazioni con gli Alien Cut, che tendono a quanto sentito sin ora, perchè la TrapDance ci piace!

Uscirò anche con nuovi singoli, insieme a Deejay Koma ed altri cantanti della scena Rap/Trap.
Non ho date in particolare da segnalarvi  perchè ogni settimana si aggiornano, qualora vi facesse piacere seguirmi, potete rimanere aggiornati sui miei profili Instagram e FacebookZighi_Official e Zighi.

Ci tengo a ricordare che mi troverete On Air dal lunedì al venerdì su Radio Viva Fm dalle 22:00 alle 23:00 con Ok Poco Strano, mentre nel weekend dalle 14:00 alle 15:00 con la classifica del meglio di Ops, con Ok Più o Meno strano su VivaFm.

Per gli amanti della trap mi troverete On Air su CiaoComo Radio il lunedì dalle 21:00 alle 22:00 con HipOPS per chi non fosse della provincia di Como su www.ciaocomo.it/radio

zighi,.jpg

Ringrazio Andrea Scirè e gli amici di andreONEblog per l’intervista, a presto!
Zighi ❤

 

Intervista al trio Roofioklan : “Siamo al lavoro per farvi ballare insieme a noi”

Segui Roofioklan
Facebook: https://www.facebook.com/roofiomusic/

Soundcloud: https://soundcloud.com/roofioklan
Instagram: https://www.instagram.com/roofioklan 

Intervista al rapper Devid : “vi presento il mio mondo”.

 Chi è Devid? Com’è nato il tuo progetto e quando ti sei avvicinato al rap?

Davide Calandra aka Devid è semplicemente un ragazzo di 23 anni che vive in una piccola provincia di Pistoia,  un ragazzo che fa musica divertendosi ma con un approccio molto serio e professionale.

Tutto è cominciato all’incirca all’età di sei/sette anni per gioco, cantai ad un pianobar di un matrimonio e piacqui al cantante che intratteneva la festa, tanto che mi prese con lui negli anni successivi.
Crescendo cominciai a far serate pianobar, karaoke in matrimoni, battesimi, feste private e nel mentre studiavo musica e chitarra.
La passione per il rap e la black music mi piace pensare che sia nata da quando ero in grembo di mia madre che era in America all’epoca proprio nella culla della black music si spostava da NewYork, Miami ecc .. (dicono che le esperienze fatte in grembo ti segnino la vita, io ci credo).
All’eta di dodici/tredici anni cominciai a comporre le prime basi, parallelamente cominciai a scrivere e in terza media mi esibii per la prima volta con un mio brano.
Da li in poi non ho mai abbandonato la composizione musicale e la scrittura imparando da autodidatta a suonare la tastiera, percussioni e tutti i vari strumenti oltre alla chitarra che già suonavo.
La passione per il rap penso di averla da sempre ma in particolare mi pace parlare più di una passione o amore viscerale per la musica in generale.
Tutto il resto è noia! 

In seguito all’uscita del tuo primo album “Effetto Placebo” e del singolo “Buio” con i quali hai ottenuto molte soddisfazioni, sei tornato con il video ufficiale del singolo “Timbuctù”, contenuto nell’album.  I temi che hai trattato in questo brano e il tuo modo di comunicare mi ha colpito molto! Qual è il messaggio principale che vuoi trasmettere al pubblico?
Quando scrissi e composi questo brano avevo in mente di creare qualcosa di innovativo come se io dicessi Timbuctù per dire appunto che arrivo da un luogo lontano, come fossi un alieno, ma non io ma bensì il mio sound, il mio concept, il mio mood.

I temi che ho trattato ovviamente spaziano molto, dal parlare dell’amicizia a parlare di chi critica, degli schemi, dell’introspezione e dall’isolamento che a volte la musica può portare nella tua vita quando comincia ad essere quasi un lavoro per te.
Il mio modo di comunicare è naturale, non sono uno che calcola molto e crea strategie ma faccio tutto in modo molto spontaneo, così come mi viene, cogliendo le vibes e magari anche sbagliando.
Con il brano Timbuctù, il mio messaggio è far capire che non voglio essere paragonato a nessuno perché con il passare degli anni, ho cercato di crearmi un mio mondo.

DEVID RAP.png

Con il video di “Timbuctù” ci troviamo di fronte a scenari naturali e scene “animalesche” mozzafiato con un utilizzo smodato di atmosfere tropicali, palme ed elementi tipicamente “africani” che rappresentano il concept dato dal nome del singolo “Timbuctù”, nota e antica città del Mali. Un video particolare e parecchio originale! Complimenti. Qual è l’origine della tua passione per questa città?
In realtà non ho una vera e propria passione verso questa città.

Semplicemente mi riecheggia nella testa da quando sono bambino questo nome per via degli Aristogatti (rido).
Avevo un audio cassetta che non so per quale motivo ascoltavo di continuo e mi ricordo molto bene impresso nella testa “TIMBUCTU’”.
Quando iniziai a comporre il brano mi serviva sul ritornello una parola secca e che definisse il mio essere diverso.
“TIMBUCTU’ TIMBUCTU’” e fu subito amore.
Spacca come parola a livello fonetico, secondo me.


Sei soddisfatto dei risultati e feedback che stai ricevendo in seguito all’uscita?Molto.

Ogni volta mi stupisco. Mi scrive un sacco di gente per farmi i complimenti e sinceramente da un brano non troppo commerciale come TIMBUCTU’ non me lo sarei mai aspettato.
Ringrazio sempre chi mi sostiene e chi ogni giorno mi scrive.

Quali sono i progetti che hai in serbo? Qualche novità da anticipare a chi ti segue?Vorrei concludere il ciclo Effetto Placebo pubblicando un altro video del disco.
In serbo ho tante cose, molte collaborazioni, canzoni di altri artisti che usciranno su basi prodotte da me.
Da Gennaio comincerà un nuovo capitolo musicale, molte sorprese, nuovi brani con un sound molto più specifico e univoco rispetto a questo album.
Stay Tuned!

Segui Devid
Facebook: https://www.facebook.com/therealdevid
Instagram: https://www.instagram.com/therealdevid
Spotify: http://spoti.fi/2meV9ds
YouTube: http://bit.ly/2sbQX5l
Soundcloud: http://bit.ly/2fVYij0
www.devidmusic.it

 DEVID music

Ringrazio Devid per questa chiacchierata ricca di molte curiosità.
In bocca al lupo!

“NUH FEAR” è il nuovo singolo di TY1 X SMOOTHIES feat. RICHIE LOOP

 

Il 18 Ottobre è uscito “NUH FEAR”, il nuovo singolo realizzato da TY1 con il duo Smoothies feat. Richie Loop.

Una traccia caratterizzata dal sound dominante e coinvolgente, accompagnata dalla voce energica del Jamaicano Richie Loop, adatta per farvi gasare in tutte le situazioni.

“Nuh Fear” è disponibile su Flex Up Crew Records, su tutti i digital stores e in poche ore ha scalato la classifica italiana Reggae su iTunes, posizionandosi alla prima posizione.

Segui TY1
VEVO: www.youtube.com/user/TY1VEVO
YOUTUBE: www.youtube.com/ty1official
FACEBOOK: www.facebook.com/ty1official
TWITTER: twitter.com/ty1official
INSTAGRAM: www.instagram.com/djty1/
SOUNDCLOUD: @ty1official
MIXCLOUD: www.mixcloud.com/ty1

Segui SMOOTHIES
SOUNDCLOUD: @smoothies-official
FACEBOOK: www.facebook.com/smoothiesofficial
INSTAGRAM: www.instagram.com/smoothiesofficial/
TWITTER: twitter.com/smoothiesmusic

Segui FLEX UP CREW
Subscribe: tinyurl.com/flexupsub
www.flexupcrew.com

@flexupcrew
www.facebook.com/flexupcrew

 

Aquadrop pubblica “Ghetto Youth” per Mad Decent, la label di Diplo.

Aquadrop  pubblica il suo nuovo singolo Ghetto Youth” e settima release dal 2013 ad oggi su Mad Decent, la label di Diplo dei Major Lazer, per i quali ha realizzato anche un remix ufficiale nel 2016.

22405615_1970966406300195_7740980391128295704_n.jpg

La traccia è interamente prodotta, scritta, cantata da lui e include influenze da diversi mondi musicali, dal reggae alla twerk, dal rock alla dubstep, come descritto dallo stesso

Aquadrop:

“Ho cercato di inserire di tutto in questa traccia, ci sono così tanti elementi e suoni che potrei costruirci un album intero. Penso che la musica dance/edm di oggi sia un calderone dove tutto suona molto simile, dove si inseguono gli standard stilistici dei pezzi che hanno successo a discapito della personalità artistica. Come risposta a questo trend, in “Ghetto Youth” ho provato ad essere più originale possibile. Per il ritornello, scritto e cantato da me, ho preso ispirazione da “Pass The Dutchie” dei Musical Youth, uno dei primi vinili che ho acquistato.”

Aquadrop è da anni un punto di riferimento della scena bass/trap italiana grazie a release, oltre che su Mad Decent, anche su label come la Dim Mak di Steve Aoki, Ultra Music, Armada, Buygore e al supporto di artisti del calibro di Major Lazer, Diplo, Skrillex, Baauer, Dillon Francis.

Un curriculum che gli ha permesso di lavorare in Italia per Jovanotti (a cui ha aperto un concerto allo stadio di San Siro nel 2015) e alcuni dei principali artisti della scena hip hop tra cui Fabri Fibra, Emis Killa, Club Dogo, Gemitaiz e Madman.

 
aqua drop doner muic
 
“Ghetto Youth”  è disponibile sui digital stores per Mad Decent:
 
 
 

                                                                   Segui Aquadrop

 
 

Il trio Kalibandulu presenta il remix ufficiale di Major Lazer “Buscando Huellas” ft. Sean Paul & J. Balvin

Un nuovo e importante  traguardo è stato raggiunto dai Kalibandulu che insieme a Pink Panda djs, presentano il remix ufficiale di “Buscando Huellas” cantata da
Sean Paul
e J Balvin, un singolo che fa parte dell’ultimo lavoro  di Major Lazer dal titolo “Know no Better”.

major lazer - flex up

 Diplo e Walshy Fire hanno selezionato le hit da inserire nell’EP “Know no Better remixes” prodotta dall’etichetta internazionale Flex Up e il remix del trio realizzato in collaborazione con Pink Panda è piaciuto moltissimo.

L’impegno mostrato in tutte le dancefloors non solo Europee, gli anni in tour con Walshy Fire e le ore di sperimentazioni in studio, hanno permesso ai Kalibandulu di collaborare  a questo progetto, confermando il loro sound come uno dei più produttivi della penisola!

La crew salentino-milanese è pronta per una nuova stagione nei club italiani.
L’EP è in Free Download e si trova sulle pagine ufficiali di Major Lazer, Kalibandulu e Flex Up Crew.

Download Link  
majorlazer.fm/KNBFullFlexRemixesDL
www.flexupcrew.com
www.kalibandulu.com

 

 

 

Intervista a TAMI: la new entry nel roster di Doner Music

Ho avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Tami, dj/producer della Doner Music, label di Big Fish.
Il 9 giugno 2017 ha pubblicato il suo primo brano contenuto  nella nuova compilation dell’etichetta “Doner Bombers Vol. 5“. che racchiude brani inediti degli artisti del roster
come Big Fish, Kharfi, Aquadrop e Retrohandz.

Tami Doner Music.jpg

Buona lettura!

Chi è Tami? Tre sostantivi per descrivere il tuo progetto? 
Sono una ragazza di 24 anni, di origine moldava/vietnamita ma vivo in Italia da ben 16 anni. 
Il mio progetto sicuramente è qualcosa di nuovo nell’ambito delle djs/producers italiane, è “sincero” e mira ad avere un taglio musicale ricercato.

Cosa ti ha spinto a voler intraprendere questo percorso?
Ho sempre avuto un debole per la musica.
Fa parte di me sin da piccola, mi ricordo che a cinque anni mia nonna mi aveva comprato una piccola pianola e da quel momento ho capito che la musica avrebbe avuto un ruolo fondamentale nella mia vita.

Qual è il tuo pensiero in merito alla scena djing femminile italiana? Collaborazione  o “rivalità” tra voi colleghe?
Penso che la scena del delle dj donne in Italia sia abbastanza piatta, a parte rare eccezioni, parliamo di ragazze immagine che mettono dischi e in cui l’aspetto fisico ha una rilevanza nettamente dominante sulla musica.
Di Alison Wonderland o Anna Lunoe ancora non c’è ne sono qui da noi, per intenderci. 

Come si presenta un tuo set? Quali sono i generi che caratterizzano la tua identità artistica?
Nei miei dj set suono prevalentemente rap, trap e afrobeat.
Per chi volesse farsi un’idea più concreta, può venirmi a sentire al Party Junbo, tutti i sabati al Tube di Milano.

22007725_152054078721612_2436642814621755959_n.jpg

Quali sono i tuoi principali obiettivi? In che modo è nata la tua collaborazione con Doner Music?
È nata per caso (e per fortuna direi :)), ci siamo conosciuti a marzo/aprile dell’anno in corso e avendo idee simili sulla musica abbiamo intrapreso questa collaborazione. 

Cosa bolle in pentola nel tuo futuro? Hai qualche news o data da annunciare a chi sta seguendo il tuo progetto?
 A breve uscirà il mio primo singolo ufficiale, che sarà accompagnato da un video e pubblicato da una delle label più importanti nel mercato discografico. Di più per ora non posso svelare 🙂

Segui TAMI:
Fb: https://www.facebook.com/tatamiofficial
IG: instagram.com/tatamigram

Ringrazio Tami per questa piacevole chiacchierata!

“IDEA” è  l’album psichedelico/elettronico di debutto di Gassman

Agli inizi di Giugno è uscito il primo album ufficiale solista dell’artista veronese Gianmaria Gobbetti aka Gassman.

L’album si chiama “Idea”  ed è stato pubblicato per l’etichetta Vibe Records,
capitanata da Cosmic Falls (Alberto Melloni).

Idea Artwoek.jpg

Tracklist:
1 – The Photographer

2 – Cold State
3 – Sneeze
4- American Spiller
5 – Albania
6 – Saacher
7 – Discover
8 – A Runner’s Dream

“Idea” è una composizione che ha saputo amalgamare al meglio le sfumature musicali che più rappresentano l’artista: l’elettronica e la psichedelia con qualche pizzico di dream-pop.
Un simposio di voci e beat elettronici uniti a suoni eterei, senza dimenticare il suo background da “scena club”, con il trasferimento a Berlino che ne è la dimostrazione.


Ascolta l’album “Idea”:

Spotify
Amazon
Google Play
Deezer

Gianmaria (2 von 4).jpg

Segui Gassman:
Facebook: https://www.facebook.com/Gassmanofficial/ Soundcloud: https://soundcloud.com/cow-cow-4

 

Ultra Europe 2017: i Retrohandz rappresentano la scena Edm italiana!

 Tra i brand internazionali più in vista per la musica elettronica c’è senza dubbio Ultra Music Festival, la cui edizione europea Ultra Europe si tiene quest’estate a Spalato (Croazia) dal 14 al 16 luglio 2017.
Un palco in cui si esibisce l’élite della scena dance mondiale, un vero e proprio sogno per qualsiasi dj.
Un sogno che si realizza quest’anno per la prima volta per i Retrohandz, duo brindisino che quest’anno rappresenta la scena Edm italiana al festival esibendosi al fianco di dj del calibro di David Guetta, Tiesto, Martin Garrix, Hardwell, Dj Snake oltre ai connazionali Marco Carola e Joseph Capriati, questi ultimi portavoce della scena techno nostrana.
La data e l’orario del loro dj set verrà comunicato nelle prossime settimane.
 

19060157_1515906911763113_9101973679634746847_n.jpg

Per i Retrohandz è un risultato importante che arriva dopo aver suonato su palchi di club internazionali come il Pacha di Ibiza e il Bootshaus di Colonia, tappa di un percorso che nel corso degli ultimi anni li ha portati a pubblicare la loro musica su label come Dim Mak e Wall Recordings, etichette rispettivamente di Steve Aoki e Afrojack ed entrambi presenti come headliner a Ultra Europe 2017.

I Retrohandz fanno parte di Doner Music, label e management italiana fondata da
Big Fish punto di riferimento per l’elettronica bass in Italia, che lo scorso 9 giugno ha pubblicato l’album “Doner Bombers Vol. 5” contenente nuovi singoli di artisti del roster. Tra questi anche “Get Away“, nuovo brano inedito dei Retrohandz.

 
 
 
 
 
 
 

Un trio ricco di progetti internazionali – Intervista ai The Dreamers

Ho avuto il gran piacere di intervistare i The Dreamers, trio di djs/producers di Enna, in occasione dell’uscita di BE DA ONE
[https://andre1blog.wordpress.com/2017/05/05/manu-lj-pubblica-be-da-one-in-collaborazione-con-i-the-dreamers/], il singolo realizzato con Manu LJ e disponibile su tutti i digital stores.
BE DA ONE ha superato le 50K visualizzazioni in pochissimi giorni e ha incuriosito anche gli ascoltatori negli U.S.A.
Scopriamo insieme qualche curiosità in merito a questo trio molto interessante.

Chi sono i The Dreamers? Presentate il vostro trio elettronico.
THE DREAMERS
è un gruppo di djs-producers nato 4 anni fa in seguito a varie esperienze individuali nel campo di serate, eventi nazionali, internazionali e con capacità musicali diverse tra di noi. Siamo in 3 e singolarmente rispecchiamo un ruolo ben definito, c’è chi conosce programmi di musica e chi ha studiato musica.

Basandoci sulla sinergia e profonda amicizia è nato il gruppo che ad oggi inizia a guardare in campo internazionale, grazie alla collaborazione di artisti e cantanti di spicco.

The Dreamers 1.jpg

Dal 2013 avete raggiunto diverse soddisfazioni e traguardi importanti. Quali tra questi vi hanno spinto maggiormente a proseguire con il vostro progetto da djs/producers ?
Tanti sono stati i progetti che ci hanno visti in quasi tutte le compilation grazie al supporto della SAIFAM RECORDS, nel 2014 con “WHY MOURN” e nel 2015 con “SHAKI SHAKI”.

La voglia e l’entusiasmo di proseguire proviene dall’umiltà, la voglia di crederci, valorizzare il territorio e andare più avanti possibile facendo conoscere la nostra musica in campo mondiale.

BE DA ONE è il nuovo lavoro realizzato in collaborazione con la cantante Manu LJ per l’etichetta Purple Music Switzerland. Una produzione fresca  ed estiva, con la voce magnifica e coinvolgente di Manu LJ. Com’è nata la vostra collaborazione? Siete soddisfatti dei risultati ottenuti fino ad ora con questa nuova release?
Siamo molto soddisfatti e non credevamo che prendesse quota in così poco tempo, dato che ad oggi supera le 50000 visualizzazioni su youtube e continua a crescere grazie a tutte le persone che ci seguono e credono in noi compresa l’etichetta che tengo a precisare è una delle più longevi in Europa.

La collaborazione con Manu LJ nasce tramite Adam Clay che ci ha fatto conoscere questa persona meravigliosa e con questa splendida voce. Sin da subito abbiamo creduto in questo progetto perché la sua voce si presta bene con il nostro sound, ed ecco che dopo pochi tentativi siamo arrivati a creare un EP di tre versioni della stessa canzone.

In passato avete collaborato con diversi artisti  e pubblicato molti remix di svariati singoli. Quali sono gli artisti italiani e internazionali che vi influenzano maggiormente? Con chi avreste il piacere di poter collaborare prossimamente?
Si abbiamo collaborato con tanti artisti italiani, gli artisti che ci influenzano sono gli SWEDISH HOUSE MAFIA composti da AXWELL, INGROSSO e STEVE ANGELLO, che adesso non sono più uniti ma cerchiamo di rispecchiarci in loro e di conseguenza metterci del nostro sfruttando uno stile progressive-trance oppure progressive-house, il genere del momento.

The Dreamers (2).jpg

Cosa bolle in pentola nel futuro dei The Dreamers? Avete qualche anticipazione esclusiva da comunicare a chi vi segue costantemente?
Abbiamo molti progetti in fase di lavorazione, molto belli, nazionali ed internazionali, ma per ora possiamo soltanto dire che stiamo collaborando con Giampaolo de Cesare in arte  DJ Jump, affermato dj/producer italiano dance nazionale ed internazionale che ha prodotto successi come Andy – “Forever With U”, Double J – “Ecoute Moi”, J-An Project – “Falling in Love” e molti altri tra cui il suo singolo “Sikania“ft. GRETHA ELLIS
& THE BLEACH .

Segui i THE DREAMERS:
YOUTUBE – https://www.youtube.com/channel/UC-G8pUiuI2tY86VJGCZ9aFQ FACEBOOK  – https://www.facebook.com/thedreamers2k13.it
TWITTER  –
https://twitter.com/thedreamers2k13
SOUNCLOUD – 
https://soundcloud.com/the-dreamers-2k13
WEB SITE – 
http://djsonic87.wixsite.com/thedreamers2k13
EMAIL – 
thedreamers2k13@gmail.com

 

Manu LJ pubblica BE DA ONE in collaborazione con i The Dreamers

Manu LJ continua a farci ballare e pubblica dischi per il panorama internazionale!

E’ uscito da poco il suo nuovo singolo intitolato BE DA ONE, per l’etichetta
Purple Music Switzerland e in collaborazione con il trio di djs/producers
The Dreamers.

L’artista spiega come questo singolo rappresenti per lei il definitivo passo verso un progetto sempre più capillare, fatto di nuove collaborazioni, esperimenti e cambiamenti. 
“Non si può stare fermi, bisogna avere il coraggio di mettersi in gioco.
Ho scritto questa melodia e l’ho inviata ad almeno dieci produttori con cui sono in contatto ma solo questi ragazzi hanno saputo stupirmi.
Per questo ho scelto i
The Dreamers, anche correndo il rischio di sbagliare.
Loro sono di Enna, sono bravi ed appassionati” –
 dice Manu LJ.

Manu LJ - Be Da One (1)
Il brano è stato presentato in anteprima da Radio Bruno negli scorsi giorni all’interno della trasmissione del mattino Gettonatevi ed è inutile dire che con BE DA ONE è subito estate 2017!

Nel frattempo Manu LJ è impegnata nella conclusione di un nuovo disco che uscirà per la Dance and Love di Gabry Ponte il prossimo autunno.

Il video ufficiale è disponibile su Youtube!

->iTunes
->Spotify
->Traxsource

Complimenti Manu LJ e The Dreamers!

10/04/17: Intervista a Luca Rezza: “il mio primo Ep è in fase di realizzazione”

Cos’hai in serbo per il tuo futuro musicale? Hai qualche news da anticipare in esclusiva per chi ti segue costantemente?
Ho un paio di remix davvero interessanti e qualche collaborazione importante.
Non posso sbilanciarmi molto, l’unica cosa che posso confermare per chi mi segue è di tenersi pronti per il mio primo EP, perché è quasi finito!!!

Contatti:
Soundcloud: https://soundcloud.com/luca-rezza
Facebook: https://www.facebook.com/LucaRezzaMusic/
Twitter: https://twitter.com/LucaRezzaMusic
Instagram: https://www.instagram.com/lucarezzamusic/
LucaRezzaMusic: Spotify

Ringrazio Luca Rezza per l’intervista.
In bocca al lupo!

Andre1blog

Intervista a Luca Rezza: “il mio primo Ep è in fase di realizzazione”



Cos’hai in serbo per il tuo futuro musicale? Hai qualche news da anticipare in esclusiva per chi ti segue costantemente?
Ho un paio di remix davvero interessanti e qualche collaborazione importante.
Non posso sbilanciarmi molto, l’unica cosa che posso confermare per chi mi segue è di tenersi pronti per il mio primo EP, perché è quasi finito!!!

Contatti:
Soundcloud: https://soundcloud.com/luca-rezza
Facebook: https://www.facebook.com/LucaRezzaMusic/
Twitter: https://twitter.com/LucaRezzaMusic
Instagram: https://www.instagram.com/lucarezzamusic/
LucaRezzaMusic: Spotify

Ringrazio Luca Rezza per l’intervista.
In bocca al lupo!

Andre1blog

31/03/17: Big Fish pubblica il remix ufficiale di “Run Up”, il nuovo singolo dei Major Lazer con Partynextdoor & Nicki Minaj.

MAJOR LAZER
“Run Up” (feat. Partynextdoor & Nicki Minaj)
BIG FISH REMIX

untitled

Big Fish pubblica il suo remix ufficiale di “Run Up (feat. Partynextdoor & Nicki Minaj)”,
il nuovo singolo dei Major Lazer.
Il remix nasce dopo anni di collaborazioni tra Big Fish e Diplo, produttore di riferimento per la scena dance che ha dato vita al progetto Major Lazer e che si cela dietro a successi di popstar come Justin Bieber, Madonna e Katy Perry.
Nel 2015, dopo 20 anni da protagonista nella scena hip hop/urban, Big Fish decide di lanciarsi nel mercato internazionale della musica elettronica bass e pubblica l’EP “Midnight Express” su Mad Decent, la label di Diplo.
“Don’t You Say You Love Me”
uno tra i singoli dell’Ep, realizzato insieme ad Aquadrop, venne selezionata dallo stesso Diplo come una delle tracce più belle del 2015.
Dopo “Midnight Express” escono su Mad Decent altri due progetti: il remix ufficiale del singolo “Be Right There” di Diplo & Sleepy Tom e l’EP “Manifesto” nel 2016. Il remix di “Run Up” arriva dopo un’altra prestigiosa release che ha aperto il 2017 di Big Fish:
il singolo “Lose My Mind (feat. David Blank)”, in collaborazione con Kende e pubblicato su Dim Mak, label di Steve Aoki.

Da oggi sui digital store e in radio:
http://spoti.fi/2nRN4Qz

 

20/03/17: Kharfi pubblica “More Than I Can Give”

 Kharfi il 17 Marzo ha pubblicato “More Than I Can Give”, la sua nuova release disponibile su tutti i digital stores e in  FREE DOWNLOAD limitato sul suo canale Soundcloud.

Immagine.png

Il singolo è stato concepito lo scorso Ottobre e il sound richiama la sua prima uscita ufficiale “Hei Bae” , con cui il giovane artista ha ottenuto ottimi riscontri nella scena electro.
Il testo del brano è scritto e cantato da David Blank, che ha già all’attivo diverse collaborazione in casa Doner Music con Big Fish.

kharfi

“More Than I Can Give”, è la seconda di tre uscite che per Kharfi arrivano nel giro di poche settimane: dopo “To Be Honest” , brano in free download in occasione del suo ventesimo compleanno, e prima di un nuovo singolo che rimescolerà le carte del suo sound.

Spotify: goo.gl/NI8wxR
Free Download: goo.gl/5kul7d

Insomma, restate sintonizzati per scoprire le prossime novità del grande Kharfi!

Andre1blog

 

Besford pubblica “I WANT YOU NOW” feat. Clèment Bindzi

Besford – I Want You Now ft. Clément Bindzi Music

iTunes ▶ http://apple.co/2m2KkhT

Spotify ▶ http://spoti.fi/2mAvpNt
Beatport ▶ http://btprt.dj/2lBFMeW

16/02/17: Big Fish pubblica”Lose My Mind” su Dim Mak, la label di Steve Aoki.

BIG FISH & KENDE“Lose My Mind” (feat. David Blank) 

Visualizzazione di NewNoise.BigFish.LoseMyMindftDavidBlank_800px.jpg
Spotify:
http://open.spotify.com/track/5nyCquViYpWb4opPJiJifc

 

 “Lose My Mind” è il nuovo singolo di Big Fish, realizzato insieme a Kende, produttore del roster della sua label Doner Music, e al cantante/songwriter David Blank, con cui è attivo ormai da un anno uno stretto rapporto di collaborazione.

Dopo diverse release negli ultimi due anni su Mad Decent, la label di Diplo, Big Fish approda su un’altra etichetta di riferimento per il panorama dance internazionale: Dim Mak, la label di Steve Aoki.
Per Kende è invece il primo singolo ufficiale su una grande etichetta, che segue due remix ufficiali pubblicati a fine 2016 per Sony Uk e Fool’s Gold, la label di A-Trak.

“Lose My Mind” esce dagli schemi e dai trend della musica elettronica / bass attuale, con forti influenze disco / funk che hanno contraddistinto il sound degli anni ’80 e l’utilizzo del talkbox, per cui Big Fish si è avvalso della collaborazione di Andrea Piraz.

 
 
 
 
 
 

 12/09/16: Waxlife – Da TOP DJ agli MTV Digital Days [INTERVISTA]

Ho avuto il piacere di intervistare Waxlife, Dj/Producer secondo classificato, direttamente dalla terza edizione di TOP DJ e “fresco fresco” dagli Mtv Digital Days 2016.

Un tuffo nel suo passato e caldissime novità attuali in merito al suo progetto!

Una figata!

Buona lettura!

13240714_1137869536233163_3500184768488108635_n.png

Tornando velocemente al tuo passato, all’origine del tuo progetto musicale. In che modo ti sei avvicinato alla consolle e quando hai deciso ufficialmente di intraprendere la professione di Dj e Produttore?

12193562_1026710540682397_7046442868234519476_n.jpg

Ero piccolissimo, in quarta elementare già avevo lo stesso sogno che ho oggi, quello di fare il dj ed il produttore musicale. Naturalmente ai tempi avevo ambizioni ed obiettivi differenti, che sono cambiati con il tempo.

Non mi sento mai arrivato e nemmeno soddisfatto completamente, tendo sempre a migliorarmi e migliorare ciò che faccio, credo sia parte della natura stessa degli artisti, ma se mi guardo indietro, molti traguardi che mi ero posto li ho raggiunti e questo mi rende davvero felice.

Per quanto riguarda il “modo” con cui ho iniziato: da bambino ero amico di Samuele, un ragazzo più esperto di me nelle cose pratiche, che mi ha fatto vedere come si potevano sovrascrivere le audiocassette applicando il pongo sulle fessure in alto. Quella è stata la svolta, ho registrato di tutto, ho provato a mixare dai nastri con lo stereo di casa. Poi la paura di mia madre che non voleva comprarmi un motorino a 14 anni ha fatto il resto: ho comprato un mixer, poi i giradischi, i cdj ed invece che andare in giro a fare le impennate, ho imparato a fare il dj.

 

Arriviamo a  fine Maggio, in cui hai ottenuto l’accesso per partecipare alla terza edizione di Top Dj, arrivando secondo. Quanto ti è servita artisticamente parlando, l’esperienza a Top Dj?  Rifaresti questo percorso? Qual è l’emozione maggiore che hai provato in questo programma?

640x360_C_2_video_631583_videoThumbnail.jpg

TOP DJ è stata un’esperienza incredibile. In 2 mesi ho conosciuto un sacco di artisti, personaggi dello spettacolo, professionisti di ogni genere ed ho lavorato tanto quanto di solito lavoro in 4-5 mesi. In produzioni di questo livello tutto è velocissimo: le decisioni, le prove, gli impegni che riguardano la tv più che la musica (provare vestiti, trucco ecc)… Mi sono messo in gioco e non è stato semplice. Pensare di rifare lo stesso percorso mi spaventa perché è stata dura anche se dal divano di casa non si percepisce, però ne è valsa la pena e sono contento di averci provato. Perché il punto è sempre quello: provarci!

Terminato il tuo percorso a Top Dj, sicuramente il rmx ufficiale di “ISLANDA”, nuovo singolo di Syria è stata una gran bella soddisfazione. Qual è stato il tuo stato d’animo nel momento in cui ti è stato assegnato questo lavoro ufficiale da pubblicare per un’artista come Syria? Sei soddisfatto di questi risultati?

Sono contentissimo. A me Syria è sempre piaciuta ed “Islanda” è una canzone bellissima, quindi non potrei che essere soddisfatto.

Parlando dei tuoi Dj Set. Quali sono le cinque tracce che NON devono MAI mancare all’interno di un tuo show? Come si presenta un Party con ospite WAXLIFE?

Cerco sempre di non mettere troppo spesso gli stessi dischi, ogni serata è unica e non ci sono 5 dischi che hanno valore assoluto. In termini generici, io cerco sempre di rendere la serata “unica”. Di mescolare dischi vecchi e nuovi, groove e melodia, quando posso (il posto ed il pubblico me lo permettono) mischio generi diversi. Siamo nel 2016 ma legati ancora a delle categorie chiuse per cui se un dj propone “house” non può mettere dischi rap o di altro genere. E’ un discorso legato alla riconoscibilità dell’artista ma che a me sta un po’ stretto, perché basta uno smartphone per avere accesso a tutta la musica del mondo!

Tra le molteplici soddisfazioni ottenute fino ad ora nel tuo percorso artistico, non bisogna dimenticare della tua partecipazione in programma per il grande evento organizzato da Mtv, in data 10 Settembre 2016 alla Reggia di Venaria a Torino. Stiamo parlando degli Mtv Digital Days, un festival della musica, in hai avuto il piacere di condividere la consolle con artisti come Gesaffelstein, Steve Aoki, Merk & Kremont, Kharfi  e molti altri. Com’è stata questa esperienza? Commento a caldo?!

Gli MTV Digital Days sono stati una figata! Se penso che pochi anni fa li vedevo in tv ed oggi sono qui, capisco che qualcosa di buono l’ho fatto davvero! haha

Cosa c’è in serbo per il futuro di Waxlife? Nuovi singoli? Dove avremo il piacere di trovarti in consolle nelle prossime settimane? 

14264840_1209947095692073_4312716658642567346_n.jpg

Sabato 16 ho il piacere di mettere i dischi dopo i live di Chassol e Rival Consoles alThe Base a Milano per Linecheck Festival. Un altra serata super. Per quanto riguarda il mio lavoro in studio, ho appena finito la colonna sonora originale per una sfilata della New York Fashion Week, uno spot che andrà in TV e sto lavorando ad un album a nome Waxlife, che però vedrà la luce tra un po’…spero non troppo!

 

Link contatti:

@waxlifemusic su Facebook, Twitter ed Instagram

@waxlife su Soundcloud

Un ringraziamento speciale a Waxlife per aver scambiato “quattro chiacchiere”! 

E’ stato un piacere!

Un grande In Bocca Al Lupo per il suo percorso artistico!

Andre1blog

 

26/07/16: Pietro Spinelli fuori con il primo Ep omonimo – “CUCINA SONORA”

Pochissimi giorni fa è uscito il nuovo Album di Pietro Spinelli, in arte, Cucina Sonorache da anni coniuga l’elettronica con la passione per la musica classica e strumentale.

13680826_587747834730186_6048270528647209201_n.jpg

Dopo la pubblicazione di 4Seasons e Tappa, singoli usciti  a Gennaio e Maggio 2016 per Toys for Kids Records, dal 18 Luglio è  disponibile nei migliori store digitali“Cucina Sonora”, il suo primo EP, omonimo.

Pietro Spinelli, pianista di formazione classica, e tastierista nella band toscana Il Maniscalco Maldestro e Borrkia Big Band, in seguito al diploma in conservatorio, ha cercato nuove sperimentazioni sonore soprattutto nell’ ambito dell’elettronica . E questo album è il grande risultato.

13729018_582464305258539_3464534018684900223_n

Come mai CUCINA SONORA !? Scopriamolo subito!

Il suo progetto è stato impostato a tavolino, davanti a copiosi piatti di spaghetti e lunghe discussioni teoriche sulla musica. A questi discorsi è seguita la pratica, ovvero, un connubio tra classico e moderno, tra analogico e digitale, una sorta di cantautorato dove le storie raccontate dai tasti del pianoforte sono servite su un letto di elettronica che unisce classico e moderno.

Cucina-Sonora-EP-Cover-690x690.jpg

CUCINA SONORA – “TAPPA” (OFFICIAL VIDEO)

Cucina Sonora EP: http://spoti.fi/29V1U14

In bocca al lupo Pietro!

Andre1blog

09/07/16: E’ online “Denja Drum”- il nuovo Ep di Sonny Denja.

SONNY DENJA 

“DENJA DRUM”- Ep

Denjadrum Ep 800x800.jpg

“Denja Drum” è il tag con cui Sonny Denja, produttore del roster della Doner Music diBig Fish, già da tempo etichetta il suo sound in cui le percussioni giocano un ruolo da protagonista.

Proprio ieri è uscito il suo primo EP da solista, dopo diversi singoli pubblicati su Brooklyn Fire, la label di una delle colonne portanti della dance americana .

“Denja Drum” rappresenta le diverse sfumature delle sue produzioni ed è stato anticipato dal singolo “Rudebwoy”, realizzato insieme a The Golden Toyz e con la voce di KG Man.

L’EP è stato pubblicato in collaborazione con Flex Up Crew, collettivo dancehall americano di cui fa parte Walshy Fire dei Major Lazer e con cui Doner Music ha già lavorato insieme ad altri noti artisti del roster.

Il nuovo progetto, contenente ben 4 “mine” è introdotto da “Champion Weed” (feat. KG Man), che rappresenta totalmente lo stile di Sonny Denja e prosegue con altre due collaborazioni: una traccia con Gheesa che si distacca dal registro stilistico che contraddistingue la produzione di Sonny Denja, lasciando più spazio alla melodia ed a un cantato col “talkbox”, e un banger da club con i MAEKL JORDN.

Insomma! E’una bomba raga!

Che facciamo raga? Ci andiamo ad ascoltare e scaricare il nuovo lavoro di Sonny Denja?! 

Sui digital store per Doner Music:
https://itunes.apple.com/it/album/denja-drum-ep/id1131320054

Free Download esclusivo sul Soundcloud del collettivo americano Flex Up:
https://soundcloud.com/donermusic/sets/denja-drum-ep

TRACKLIST

01. Sonny Denja – Champion Weed (feat. KG Man)
02. Sonny Denja & Gheesa – F u c k w i t h y o u
03. Sonny Denja & MAEKL JORDN – Chingon
04. Sonny Denja & The Golden Toyz – Rudebwoy (feat. KG Man)

1010033_532342546828728_720124046_n.jpg

Andre1blog

 

02/07/16: “MANIFESTO Ep” è il nuovo progetto di Big Fish

BIG FISH – “MANIFESTO EP “

“Con questo progetto ho cercato di rielaborare in modo personale i sound della musica elettronica che più mi appassionano, riproponendo in chiave attuale le sonorità che hanno reso l’Italia leader nel mercato internazionale della musica dance in diversi momenti degli ultimi 20 anni.”

[Big Fish]

13510938_10154034034013113_1036070820192843150_n.jpg

“MANIFESTO EP”, è il nuovo progetto pubblicato da Big Fish,per Good Enuff (la nuova sub label di Mad Decent, l’etichetta di Diplo).

L’Ep, come avrete capito dal titolo, è la rappresentazione dell’identità artistica del produttore Italiano, ovvero, il viaggio nel mondo musicale che al momento sente più suo.

Un mix di Uk Garage e Bass House, a cavallo tra il sound inglese e quello americano, un  tocco Pop ed un mood ’90s.

Dopo “Midnight Express“, Mad Decent pubblica il singolo “Ognuno ha ciò che si merita(feat. Fabri Fibra)”, il remix ufficiale del singolo di Diplo & Sleepy Tom “Be Right There” ed infineMANIFESTO EP“, disponibile su tutti i digital store e le piattaforme streaming dal 30 Giugno.

13445399_10153998668118113_4935512732337220321_n

Tracklist Manifesto EP

1. Big Fish – Walk Away (feat. David Blank)
2.  Big Fish – By My Side (feat. ENE & Andrea Piraz)
3. Big Fish – I Can Love You (feat. Shystie & Jason Royal)
4. Big Fish & Kharfi – I Can Feel This

Acquistabile su tutti i digital store e ascoltabile sulle piattaforme streaming:
https://goodenuff.lnk.to/ManifestoAS

*Leggi la scorsa intervista a Big Fish*

https://andre1blog.wordpress.com/2015/09/29/290915-big-fish-divertitevi-e-non-siate-fan-del-successo-intervista/

Andre1blog

 

25/06/16: “PUSSY RIOT” E’ IL NUOVO EP DI AKES [INTERVISTA]


Il tuo modo di fare rap e di cantare è molto particolare, tanto quanto sono esclusive le basi elettroniche sulle quali canti. Ti senti originale per poter competere con centinaia di giovani emergenti? Qual è il tuoi parere in merito alla scena emergente attuale? Chi, secondo te, dovrebbe meritare maggiormente? Complimenti per il tuo nuovo Ep, dalle sonorità e dai testi davvero unici. In bocca al lupo!

Intanto ti ringrazio tantissimo per i complimenti!

Io non ho la pretesa di mettermi in competizione con nessuno,penso che ognuno debba fare il suo eppoi come dice un detto “i cavalli si vedono all’arrivo”.Non vorrei essere presuntuoso ma sono deluso  dalla scena emergente,vedo tutti che provano ad essere di tutto tranne che se stessi,ovviamente non sono onnisciente ed oltre agli artisti con cui ho già collaborato che stimo sono sicuro che ci siano altri emergenti nascosti che meritano molto.Tirando le somme un artista per avere il mio consenso deve essere particolare,professionale ed aperto mentalmente a sperimentare,e soprattutto deve essere spregiudicato.Fatevi avanti insomma!

AKES – PUSSY RIOT [Prod. WSHT]


Link contatti:

www.akes.it

www.facebook.com/akes.ufficiale

www.instagram.com/akes_ufficiale

www.twitter.com/akes_ufficiale

AKES3.jpg

Grazie ancora Andre per lo spazio,sei un grande e mi sono divertito a rispondere!

Bella a tutti sexy che hanno lettooo!

Andre1blog

 

20/06/16: Martin Garrix & Jay Hardway – Wizard [WSHT FLIP]

Buonasera regaz!

Siamo arrivati al quarto ed ultimo appuntamento con il nostro, orami, amico WSHT, che ha sganciato in esclusiva il suo nuovo rmx. Un’altra bomba? Beh, ditemi voi! 

Ultimo appuntamento con questo talento? Direi proprio di no.

Tenetevi pronti perchè tra un paio di settimane uscirà una nuova figata sul canale soundcloud [Andre1blog]. Avrete già capito di cosa sto parlando. 

Martin Garrix & Jay Hardway – Wizard [WSHT FLIP]

(FREE DOWNLOAD)

wizard-cover (1).jpg

“E che vuol dì “FLIP”?!”

Beh cerchiamo di capire e comprendere il tutto, ascoltando e scaricando il suo nuovo lavoro!

Questa volta si e’ differenziato totalmente pubblicando un esperimento Future Bass.
 
Il risultato e’ di una traccia melodica di semplice ascolto, molto orecchiabile, ma che risulta totalmente opposta allo stile dell’artista e soprattutto dal singolo ufficiale “WIZARD” di Martin GarrixJay Hardway  .
 
Viene da chiedersi se ci stia “trollando” o meno…
 
Staremo a vedere, o meglio, ad ascoltare!
 
 
FREE DOWNLOAD!!!
 
 
 
Seguite WSHT anche su SnapChat:
 
Qwagurstudio
 
12313713_198425880491376_417913616215975594_n.jpg
 
(Il re delle lezioni online direttamente dal suo studio).
 
 
 
Buona serata e buon ascolto a tutti!
 
 

 

16/06/16: “Something Again” e “Sleep N’ Love” sono i nuovi singoli di boNNie.

Pierpaolo Bonelli aka boNNie, ha pubblicato due nuovi singoli, su ben due etichette discografiche. 

12743853_10209171282907822_9132475102599947928_n.jpg

Somethnig Again col supporto della Kadabra Records e Sleep N’ Lovesu Dancera Records.

I singoli, disponibili ed acquistabili su iTunes, Juno e non solo,  rappresentano una grande soddisfazione a livello artistico per il Dj/Producer Romano, che sta lavorando e portando avanti altri nuovi progetti in uscita prossimamente. Vi assicuro che sto parlando di una figata veramente “grande”, perciò ci aggiorneremo tra qualche mesetto. 

Quindi?!

Io mi andrei ad ascoltare e scaricare queste due “mine”, targate bONNie!

13331143_1169106086462651_6986339657135379491_n.jpg

Something Again su Beatport:

https://www.beatport.com/release/something-again/1784222

Sleep N’ Love su Beatport:

https://www.beatport.com/release/sleep-n-love/1786812

In bocca al lupo Man!

Andre1blog

 

16/06/16: Manu Lj e Reech autori del nuovo singolo di In-Grid – “Chico Gitano”

Buon pomeriggio!

Il weekend si avvicina ed ho intenzione di farvi scaldare, facendovi ascoltare il nuovo singolo della regina della dance,la grandissima  In-Grid  con il suo nuovo singolo  “Chico Gitano“, uscito ieri su RDS Records (Etichetta Russa).

13435356_10153669027741305_880645077096670034_n.jpg

 Ricordate il tormentone dance Tu Es Foutu che ci ha fatto cantare e divertire negli anni 2000? Per non parlare dei vari dischi di platino che ha ottenuto in Australia, Messico, Grecia, Polonia, Russia ed in altri Stati.  In-Grid, in seguito ai suoi  successi, torna nella scena dopo anni di lavoro ed esperimenti musicali e non solo, tra jazz, burlesque e conduzione di un talent show in Ucraina.

13435556_10153669029576305_955786048941235121_n.jpg

La diva dance ha prodotto un disco scritto da Manuela Fiorita, in arte Manu LJ e Riccardo Marchi aka Reech in collaborazione con Off Limits Records di Reggio Emilia.

Il brano composto in Inglese ed in Spagnolo qualche hanno fa, è stato scelto da In-Grid  che ha voluto dare un tocco ancora più personale, creandone una versione in Francesce e Russo.

“Chico Gitano” dalle sonorità pop con suoni elettronici, impreziosite dal gusto esotico del violino zigano, sarà la nuova Hit internazionale di In-Grid, viste le varie lingue in cui è stato cantato e prodotto il singolo.

Facciamo un passo indietro, anche se avrete già letto le mie interviste a Manu Lj ed a Reech.

Essi hanno  già lavorato avuto l’occasione di lavorare insieme e pare che i loro stili, seppur diversi, insieme funzionino alla grande. Manu viene dal pop e inizia la sua carriera discografica nel 2008 con una colonna sonora per il cinema nel filmUn’estate al Maredei fratelli Vanzina fino ad arrivare alle collaborazioni con il dj reggianoBesford e nomi del panorama musicale come quello dei fratelli VINAI. Reech  è il produttore dei Power Francers, uno dei fenomeni Hip Hop italiani degli ultimi anni e vincitori di un disco d’oro due anni fa e che a Reggio Emilia ha calcato niente meno che il palco del Campovolo in apertura del concerto di Luciano Ligabue.

Il brano è uscito con il supporto della RDS Records (Etichetta Russa) e approderà in Europa il prossimo autunno. Le date del tour presto su www.in-grid.it.

A breve, il link per ascoltare il singolo!
 

Andre1blog

 

 

06/06/16: DRAKE – “ONE DANCE” [WSHT BRUTAL BOOTLEG]

Buon inizio settimana a tutti!

Terzo appuntamento con Wsht, produttore Romano che ha realizzato un nuovo Brutal Bootleg.

Ennesima bomba!

E’ il turno di Drake, con la sua “ONE DANCE“, remixata dal grandissimo,”cattivissimo” ed ormai amico Wsht

onedance-image.png

La traccia di Drake a mio avviso sara’ una tra le Hit dell’estate 2016 e WSHT ha realizzato un rmx da poter ascoltare ma soprattutto ballare in modo “iper violento” senza trascurare la melodia e la musicalità del pezzo originale.

Mr. WSHT declina ogni responsabilità circa la possibilità di eventuali infortuni nei dancefloor!
 

 

 
In esclusiva solo su Facebook:
 
 
 
 
 
Buon ascolto!
 

31/05/16:”PROFUMO” – è il nuovo Ep di Katerfrancers [INTERVISTA]

E’ uscito il nuovo Ep di un’amica, ma soprattutto grande artista. 

PROFUMO Ep

Katerfrancers profumo

Katerfrancers, la quota rosa dei Power Francersha realizzato e pubblicato il suo primo album da solista, contenente sette inediti, tra cui “EMA“, in collaborazione conGemitaiz.

Il suo nuovo Ep va a toccare il suo aspetto più femminile e mostra un’artista diversa da quella di “Pompo nelle casse” e di “Issima”. Katerfrancers non è solo dance e performances in discoteca (che comunque adora) ma, come tutte le donne, ha un lato più intimo e introspettivo, che ha necessità di raccontare e di condividere. In queste tracce esprime tutta sè stessa, in quanto tratta la tematica più cara alle donne: l’amore ferito.

PROFUMO OFFICIAL VIDEO:

In quale periodo è  nata l’idea di realizzare e pubblicare un tuo progetto  da solista?

L’idea è nata penso circa due anni fa, o forse c’è sempre stata. In realtà questo progetto è stato realizzato e finito diverso tempo fa, poi mi sono presa il mio tempo per fare delle esperienze, per concentrarmi sulle persone che per me sono importanti e per avere un po’ di pace. 

Ora ve lo presento perché mi sento pronta, sicuramente mesi fa non lo sarei stata perché non avrei accettato eventuali (nonché  sicure) critiche.

Mi sembra di aver capito che attraverso questo Ep, vuoi mostrare una parte di te che fino ad ora non hai trasmesso. Quali sono i temi principali e soprattutto ciò che vuoi comunicare alle persone che ti seguono e ascolteranno  questo tuo nuovo lavoro?

Kate_4

Come prima cosa, ho voluto comunicare la mia voce. Quasi sempre è mancato il mio timbro nei pezzi elettronici fatti finora e ci tenevo a CANTARE. 

Poi mi è venuto spontaneo trattare temi più femminili diciamo. L’ho scritto, assieme a diversi colleghi e amici, in un periodo meno felice di questo e ho scelto di trattare quello che avevo in mente dalle delusioni ai sentimenti. 

La mia vita, come è giusto che sia, non è solo CLUB e ci tenevo a parlare di qualcos’altro che mi rispecchiasse.

“PROFUMO” titolo e singolo contenuto nel tuo Ep, presenta 7 brani, con determinate collaborazioni, tra cui, Gemitaiz, Theo Spagna (produttore  di Spagna), Lazy Ants, Larry Pignagnoli (produttore di Benny Benassi e molti altri), Pocho (produttore di In-Grid e Ann Lee), Two Fingerz , Zef, Pacchiani, Goldentrash e Reech, produttore di noti successi ottenuti con la tua Crew Power Francers. Come sono nate queste collaborazioni? Cosa ti aspetti da questo fantastico Ep?

Sono nate da amicizie, da fiducia, da stima. Nessuna di queste la sono andata a cercare spasmodicamente o l’ho chiesta. Sono state spontanee, nate da lunghe chiacchiere, dalla vita di tutti i giorni. 

Ci tenevo che ci fossi solo io come voce perché per una volta come ho già detto volevo cantare, ma poi è venuto spontaneo che intervenisse Gemitaiz (per i motivi che poi capirete). 

 Non mi aspetto nulla, mi aspettavo da me di farlo e con me sono a posto così.

Link contatti:

Facebook.com/KATERFRANCERSwww.offlimits-production.it

PROFUMO EP.jpg

Acquista PROFUMO Ep su iTunes:

https://itunes.apple.com/us/album/profumo/id1116992342

Ringrazio Katerfrancers per questa breve chiacchierata in merito al suo nuovo lavoro, uscito proprio oggi.

In bocca al lupo!

Andre1blog

 

27/05/16: “FEMMINILL”- IN ARRIVO IL DISCO D’ESORDIO DI MC NILL [INTERVISTA]

Bentornati regazz!

Mc Nill, rapper della scena Italiana sta per pubblicare il suo Disco d’esordio!

FEMMINILL

13226944_1081475091910793_2962426740931505382_n.jpg

30.05.16

Beccatevi la sua intervista!

Cara Nill! Tornando velocemente al tuo passato. Qual è stata la “scintilla” che ti ha fatto appassionare al rap ed intraprendere il tuo progetto sin dal 2003?

Ai tempi ero piccolissima, credo che ad “attirarmi” siano stati più elementi messi insieme, dal fatto che fosse un modo diretto per comunicare, alle sonorità che mi entravano in testa e non riuscivano più a uscire. Una volta arrivato il rap nella mia esistenza non ho potuto più farne a meno, tutto quello che ne è derivato è stato un processo naturale.

Col passare degli anni hai raggiunto parecchi obbiettivi, oltre ad aver partecipato nel 2013 e nel 2014, ad un noto programma, che fu una novità a livello televisivo Italiano, MTV Spit, sei stata anche la prima donna ad essersi qualificata alla finale del Tecniche Perfette.  Cos’hai imparato grazie a queste esperienze e soprattutto qual è il tuo giudizio in merito a codeste “avventure”?  

IMG_1189 (1).jpg

Ogni esperienza, grande o piccola, per me è importantissima. Cerco sempre di trarne qualcosa da riportare a casa e in studio, ogni volta sono tornata a casa con la consapevolezza di aver imparato qualcosa, da alcune esperienze sono nate altre esperienze e così via. Credo che mettersi alla prova, sia su un palco o, se capita, anche in tv, sia fondamentale: puoi “cantartela”, come si dice dalle mie parti, quanto vuoi da sola chiusa in cameretta, ma cosa ne guadagni? Credo che il mettersi in gioco e l’autocritica siano due elementi fondamentali per crescere.

Mc Nill nel 2003 – Mc Nill 2016. Ti senti cresciuta artisticamente parlando? Quali sono stati i tuoi più grandi obbiettivi e soddisfazioni che hai raggiunto fino ad ora, oltre a quelli precedentemente citati? Ti senti realizzata totalmente?

Mi sento cresciuta ma non voglio mai smettere di farlo. Ho avuto tante soddisfazioni ma ne voglio altre ancora. Fatta una cosa penso subito a farne un’altra e così via: è una “ruota mentale” mia. Sono un’eterna insoddisfatta, in generale, alterno piccoli momenti di soddisfazione a lunghi momenti in cui mi ripeto “devi fare di più”, “devi dare di più” o “questo puoi farlo meglio”. Appena raggiunto un obbiettivo l’obbiettivo diventa raggiungerne un altro ancora, la mia testa ragiona così.

 Parlando del 2016, non possiamo evitare di parlare del tuo nuovo singolo “Cosa C’è Sotto” prodotta da James Cella,  che anticipa il  tuo primo disco d’esordio in uscita il 30 Maggio 2016. Che bomba!
13173911_1073765129348456_926017245713097145_n.jpg

Grazie mille! James Cella mi ha steso una produzione bellissima sulla quale ho scritto subito, di getto. È un brano molto personale, ci tenevo a farlo uscire, ho sentito il bisogno di mostrarmi per quella che sono, che poi è anche la base da cui parte tutto il disco.

Il messaggio fondamentale che vuoi comunicare  attraverso questo singolo è riferito a quelle persone che non vogliono ragionare sul fatto che sono loro stesse a impedirsi di portare avanti i propri sogni. “Attraverso la passione e la musica si riesce a raggiungere i vari obbiettivi“. Questo è il tuo pensiero che esprimi attraverso le varie strofe in “Cosa C’è Sotto”. Come nasce solitamente una traccia di Mc Nill? Hai una tematica “fissa” sulla quale fai riferimento, oppure varia in base a ciò che vivi quotidianamente?

A volte mi capita che sono in giro per suonare ecc. e in camera scrivo, come anche sui treni o sul bus, anche senza beat. Poi torno casa e sentendo un beat dico “Naaah, è perfetto per quella roba!”. A volte invece capita che un producer mi manda un beat che mi fa partire mille viaggi e scrivo subito. Non c’è una vera e propria tematica fissa, mi piace fondermi col beat in maniera naturale, seguirne il flusso. Naturalmente nei brani c’è parte del mio quotidiano, spesso inizio a scrivere perché qualcosa durante il giorno mi ha fatto pensare a una cosa che mi fa ha fatto pensare a una cosa che mi ha fatto pensare a una cosa e così via.

Parliamo di FEMMINILL, in uscita il 30 Maggio.

Un disco realizzato grazie anche al supporto dei tuoi fans che ti seguono costantemente e con molto affetto, che hanno contribuito e sostenuto il tuo progetto con la campagna su Musicraiser fatta nel 2015 in vista proprio della realizzazione del disco. Sei riuscita a raggiungere un altro grande traguardo! Cosa ti aspetti e sopratutto cosa dobbiamo aspettarci da questo nuovo lavoro? 

12112063_963485173709786_1536238414238871347_n.jpg

Musicraiser è stato un vero e proprio salto nel vuoto. Ho iniziato la campagna da un giorno all’altro, senza troppe anticipazioni, e vedere il supporto concreto delle persone è stato stupendo. A livello psicologico è stato tosto, sai, l’ansia del “raggiungerò l’obbiettivo? Le persone sosterranno il mio progetto?” c’è stata ed è normale sia stato così. Quando ho raggiunto l’obbiettivo sono rimasta incredula davanti al pc, tuttora non ho le parole adatte per ringraziare chi ha reso possibile la cosa. Nel fare questo disco non ho avuto paura di mettermi in gioco, ho lasciato perdere i discorsi tipo “cosa penseranno se faccio questa cosa?” e ho semplicemente fatto quello che mi faceva star bene, quello che mi andava di fare. Alla fine l’essere se stessi è alla base di questo disco, se non fossi stata me stessa nel farlo avrei tradito me, il disco e chi l’ha supportato. I producer mi hanno passato delle mine, sono davvero grata a loro per avermi dato la possibilità di scrivere su dei beat del genere. Ci sono dentro tante cose, anche diverse fra loro, come credo siano tanti e diversi i tasselli che mi compongono come persona. Anche le collaborazioni non sono state scelte per dare visibilità o per chissà quale altra ragione, le trovo molto coerenti con il mio percorso, con il mio vissuto, sono tutti artisti che stimo e che, in un modo o nell’altro, mi hanno dato qualcosa. Non so dirti cosa mi aspetto, posso dirti che non vedo l’ora di suonarlo in giro perché tengo molto alla dimensione del live, che sono curiosa e ho l’ansia, allo stesso tempo. Sicuramente posso dirti che ho imparato altro da questo disco, che continuerò a trarne qualcosa e che non sarà il primo e l’ultimo.

Oltre al 30 Maggio da segnarci sul calendario, hai altre date da annunciare? Live, piuttosto che incontri con i tuoi fans?

Certo, a Giugno sarò a Firenze, Milano, Bologna e altre date si stanno aggiungendo man mano. Sulla mia pagina si possono trovare tutte le informazioni a riguardo.

Link Contatti:
Per richiedere informazioni si può scrivere a info@nill.it
Facebook: Mc Nill
Twitter: @McNillRap
Instagram: mc_nill

Ringrazio moltissimo Mc Nill per questa bella chiacchierata, augurandole il meglio per l’uscita di FEMMINILL!

13256195_1083355505056085_4148271826904045503_n.jpg

In bocca al lupo per tutto!
Crepi il lupo!

Andre1blog

 

25/05/16: Wiki Mix #14 // DES3ETT [INTERVISTA]

Buonasera regaz!

E’ online il quattordicesimo episodio di Wiki Mix, realizzato in esclusiva dal duo electro, i DES3ETT. Beccatevi il loro mixtape, in FREE DOWNLOAD, ma sopratutto leggetevi l’intervista in merito al loro progetto che hai serbo parecchie sorprese!

yeeep!

Durante l’estate scorsa è “nato” il vostro duo. In che modo ha avuto origine questo progetto? Raccontatevi brevemente.

Il duo DES3ETT è formato da Cristian Verdes e Federico Benatti, entrambi ventenni.

Siamo amici da anni ed entrambi facevamo i dj dilettandoci a produrre mashup e bootleg singolarmente.

È nato quasi tutto come un gioco, come una sfida contro noi stessi, e dopo pomeriggi e serate intere nel garage di Cristian a provare e riprovare a creare qualcosa di ‘nostro’, abbiamo creato Invictus, la prima traccia ufficiale firmata DES3ETT.

Quella è stata la nostra partenza, avevamo entrambi un sogno che ci accomunava e che ci accomuna tutt’ora, diventare dj-produttori conosciuti a livello mondiale, riuscire a far sentire al mondo intero i nostri lavori, a raccontarci attraverso il nostro sound.

Sin da subito avete ottenuto ottimi risultati sia per il riscontro del pubblico, sia per il contratto che avete firmato con la celebre casa discografica Veronese, “The Saifam Group”, con i quali avete avuto la possibilità di remixare “Resteless”, disco d’oro di Neja. In che modo è accaduto tutto ciò in cosi breve tempo? Qual è stata la vostra reazione? 

10404148_1594088864246408_1210848714211957866_n.jpg

E’ accaduto tutto velocemente, un’uscita tirava l’altra finchè abbiamo sfornato un remix di Restless. Ci siamo sempre un po’ ispirati ai suoni dei dischi dance 80-90 e Restless era un disco che ci faceva impazzire!

Eravamo alla ricerca di una casa discografica che potesse essere interessata ai nostri lavori, e dopo svariati tentativi ci siamo messi in contatto con il team di The Saifam Group, i quali per pura casualità stavano cercando una versione 2015 del disco d’oro di Neja, e il nostro gli era piaciuto parecchio. Non ci sembrava vero, eravamo increduli mentre firmavamo il contratto per l’uscita, cioè cavolo, loro hanno sfornato artisti del calibro dei VINAI. Stava iniziando a muoversi qualcosa verso la giusta direzione.

Il genere da voi trattato va dalla progressive – house all’elettronica. Come mai la scelta di produrre singoli relativi a questo genere? E’ sempre stata una vostra passione, oppure vi siete appassionati recentemente?

E’ sempre stata una nostra passione, siamo sempre stati appassionati a brani con suoni molto melodici, ma che allo stesso tempo trasmettevano carica a noi, e alla pista.

Le vostre tracce, tra cui l’ultima uscita, “TRIANGLE”, sono supportate da artisti di nota importanza come ad esempio Sunsters, Dirty Ducks, The Cobs, Rudeejay e molti altri, piuttosto che da radio come M2o e Studio+. Come ci si sente essere supportati da essi e da queste radio  che son sempre state un punto di riferimento per gli artisti? Come si presenta il vostro rapporto con i colleghi della scena?

Fa sempre un certo effetto avere feedback positivi da artisti di un certo calibro. Iniziare ad essere presi in considerazione ci da una carica pazzesca, vedere gli artisti di cui abbiamo sempre ascoltato e suonato i propri dischi che ci fanno i complimenti, radio che ascoltavamo fin da ragazzini che suonano le nostre tracce, insomma non ci sembra vero. Il rapporto con queste persone per quanto ci riguarda è ottimo, abbiamo avuto la fortuna di conoscere molte persone competenti con la voglia di investire tempo per noi.

Quali sono gli artisti italiani o internazionali ai quali fate riferimento per le vostre produzioni? Con chi vorreste collaborare in futuro? DES3ETT #14.jpg

Facendo i dj ed essendo appassionati di questo mondo, ogni giorno siamo a contatto con un’enormità di nuova musica dalla quale siamo costantemente ispirati. Non ci riflettiamo in nessun grande artista, cerchiamo sempre di mettere qualcosa di nostro ed originale nelle nostre produzioni anche se, ciò non è per nulla facile ed anzi è molto facile venire influenzati senza neanche accorgersi.

Ci sono molti produttori sulla scena sia nazionale che internazionale con cui avremmo piacere un giorno di poter collaborare, a partire da Merk & Kremont, Marnik, Sunsters, Dirty Ducks, Lush & Simon. Ma non solo, anche con tanti giovani-produttori non ancora conosciuti a livello nazionale e mondiale che se la cavano parecchio bene.

Attualmente cosa bolle in pentola nel vostro progetto? 

Attualmente bollono in pentola parecchie cose, abbiamo due tracce pronte per uscire, e stiamo lavorando a svariati progetti sia da singoli che in collaborazione.

Non vediamo l’ora di poterli pubblicare per vedere cosa ne penserà il pubblico!

Top 5 delle tracce che NON devono MAI mancare in un vostro dj set. Cosa ci si deve aspettare ad una serata con i DES3ETT come Special Guest? Avete qualche data da annunciare?

Le tracce che sicuramente non potranno mai mancare in un nostro dj-set sono le nostre produzioni, il nostro scopo di “andare a suonare” è quello di fare sentire al pubblico cosa siamo stati capaci di fare, e modificare i nostri lavori in base alle sensazioni che riusciamo a percepire da esso.

Per il resto cerchiamo sempre di offrire un dj-set variopinto, non statico, che per noi è sintomo di noioso.

Potete venirci ad ascoltare

– il 3.06 a Levico (TN) per il Power Lake

– il 4.06 a Tione (TN) per il Level Up! Festival

– il 7.06 a Tassullo (TN) per il TheEnd Pt. II

– l’11.06 al CanevaWorld di Lazise (VR) per il WaterBomb

– il 18.06 a Trento per la Notte Bianca (Muse)

Ps: DES3ETT si legge DESBETT

Link Contatti:

Facebook       : facebook.com/DES3ETT

Twitter           : twitter.com/DES3ETT

SoundCloud  : souncloud.com/DES3ETT

Instagram      : instagram.com/DES3ETT_music

Official Site    : DES3ETT.com

Buona serata e pompatevi il Mixtape!

NUMERO-14

Andre1blog

 

23/05/16: Bring Me The Horizon – Diamonds Aren’t Forever [WSHT RMX]

Buon inizio settimana!

WSHT ha pubblicato un nuovo lavoro e siamo  già al secondo appuntamento in compagnia di ottima musica.

Direi proprio di si!

13221696_1567128366913614_1605095112465171673_n.png 

Un rmx/bootleg  caratterizzato da una violenza inaudita, tanto per cambiare!

Il producer Romano ha prodotto il rmx di Diamonds Aren’t Forever dei grandissimi

Bring Me The Horizon

Se siete fan della “violenza musicale”, non potete perdervi questa incredibile unione tra il genere Trap e Death Metal, che a  mio avviso, vi stenderà per la seconda volta!

WSHT RMX 2 IMG.jpg

FREE DOWNLOAD 

Bring Me The Horizon – Diamonds Aren’t Forever [WSHT RMX]

LINK SOCIAL

Facebook:

https://www.facebook.com/wsht.official

SoundCloud:

https://soundcloud.com/wsht

Official Site:

http://www.mduelabel.it

Buon ascolto!

Andre1blog

20/05/16: Nuovi progetti in vista per CANESCIOLTO! [INTERVISTA]

Ho avuto il grande piacere di intervistare Filippo Ruggieri aka CANESCIOLTO, rapper della scena emergente Italiana. Passato, presente e futuro in merito al suo progetto musicale.

Beccatevi l’intervista e buon fine settimana!

Ciao Filippo! Iniziamo a parlare delle origini del tuo progetto. Quando hai iniziato ad avvicinarti all’ambiente del Rap? E’ sempre stata una tua passione, oppure ci sono state delle occasioni in cui hai avuto modo di appassionarti maggiormente?

CANESCIOLTO 4.jpg

C’è stato un momento in cui non potevo non avvicinarmi al rap. Facevo le medie e girava davvero poco, era un genere di nicchia per i più “ribelli” . Un amico mi fece sentire qualche pezzo dei dogo, i grandi classici di Inoki e Joe Cassano, ma sopratutto è stato l’anno di “Tradimento”. Quando vidi “Applausi per Fibra” in televisione non potevo crederci, finalmente mi sentivo rappresentato da qualcosa, anche se non avevo ancora capito cosa, e per questo iniziai frequentare forum e a scaricare dischi su dischi di Rap italiano. Ovviamente ne è conseguito un ascolto estremo durante l’adolescenza ma solo intorno ai 18 ho avuto il coraggio di mettermi al “mic”.

Quali sono le tematiche che tratti maggiormente nei tuoi testi? Cosa vuoi comunicare alle persone che ti seguono, attraverso le tue canzoni?

La speranza. Mi piace anche il Rap di intrattenimento se fatto bene, mi piace sempre la musica se è fatta bene e non è banale, se ha qualche spicco di genialità o anche se è semplicemente orecchiabile,ma quando scrivo le cose più importanti vorrei sempre comunicare all’ascoltatore che provo emozioni come le sue e che non bisogna perdere la speranza. Comunicare questo messaggio per me è come una missione, so che al mondo c’è tanta sofferenza e voglio che i miei dischi abbiano l’effetto che hanno avuto su di me i dischi che ho ascoltato in certi momenti.

Dal 2013, hai realizzato e pubblicato diversi lavori. Da singoli, Ep, arrivando al 2015 con la pubblicazione di “Schiavo di passioni, Preda del futuro” e “Noodles”. Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni che hai raggiunto nel tuo percorso artistico? Qual è il tuo pensiero in merito alla scena rap Italiana? Quali sono gli artisti  che ti “influenzano” o meglio, che segui maggiormente nella scena Italiana ed Internazionale? Con quale artista vorresti collaborare?

CANESCIOLTO.jpg

La più grande soddisfazione artistica è stata sentirmi riconosciuto come tale da me stesso e soprattutto da mio padre. Del resto non me ne frega niente ora come ora. Faccio musica per necessità, mi esprimo perchè a un certo punto sento di farlo… Scrivo di tutto, canzoni, sceneggiature, trame, racconti, pensieri, potenziali libri, aforismi.. E con ciò che mi piace creo qualcosa. Uno che ragiona così cosa vuole pensare della scena Rap italiana di oggi? Lo ascolto pochissimo, sono orientato nell’ascolto di altri generi oggi come oggi. Ho smesso di scaricare dischi insomma, qualcosa di buono esce ogni tanto ma al Rap underground di oggi preferisco quello commerciale, per quanto mi sta sul cazzo un ambiente che si è intasato di elementi che hanno dato il loro valore alla cultura Hip-hop senza capirla davvero fino in fondo, il risultato sono cagate pazzesche, dai dischi più “old” ai delinquenti da strumentale della trap. Severa critica per i giovani ma rispetto per i big che ancora fanno scuola, il mio sogno sarebbe lavorare con Fabri Fibra ovviamente.

Il 16 Maggio è uscito il tuo nuovo singolo, “RE LEONE“. Parlaci della nascita e del contenuto che vuoi trasmettere con questa traccia, molto significativa ed a parer mio con un riferimento ben preciso.

CANESCIOLTO 5.jpg

Certo, il Re leone del pezzo non è il classico Mufasa che fa stare bene tutti,e nemmeno il Simba che dopo che è cresciuto facendo il “cazzone” torna a prendersi il trono. Metaforizzo il mio background con il regno che ha instaurato Scar nel famoso film Disney. Ho curato tutto di quel singolo, dall’audio al video, è dedicato a tutti quelli che hanno instaurato con se stessi un regno di terrore e ora stanno cercando di uscirne fuori. Ho usato la metafora di un classico che mi sta a cuore, è come un biglietto da visita per entrare nel cuore dell’ascoltatore.

Cosa c’è in serbo attualmente nel tuo progetto? Ci saranno nuovi lavori chepubblicherai a breve? Qualche anticipazione?

Chi mi segue sa già che ho sempre qualcosa in mano. Adesso mi sto formando e preparando ad uscire definitivamente dall’amatoriale. Molti lo fanno prima del tempo e si bruciano, io sono sempre stato troppo impaziente di raccontarmi per arrivarci prima d’ora e una volta acquisita la maturità giusta credo di avere i mezzi per tirare su quel disco che aspetto da una vita.

Link contatti:

Facebook : https://www.facebook.com/canescioltorn

YouTube  : https://www.youtube.com/user/TMesOneOfficial

CANESCIOLTO 2.jpg

Ne approfitto per fare gli auguri di Buon Compleanno a Mr. CaneSciolto e fargli il mio più grande in bocca al lupo per la sua carriera artistica! 

Yoooh

Andre1blog

 

14/05/16: “Inside” è il nuovo Ep di Matthew S

Buon pomeriggio!

13233111_10156912366560475_5973693637902290098_n.jpg

Sta per cominciare un nuovo weekend ed io vi consiglio di scaricare “INSIDE”, il nuovo Ep di MATTHEW S, in attesa della pubblicazione dei video ufficiali su VEVO

12728921_10156522531400475_9213000065868595360_n.jpg

Matthew S è un giovane dj/producer originario della provincia di  Vicenza.

Come già  ben sappiamo, la scelta di focalizzarsi sulla musica elettronica è data dal poter accostare ad essa qualsiasi genere musicale che possa trasportare gli ascoltatori in un “Mondo Parallelo”. 

Ha collaborato con diverse web magazines di nota importanza,
come l’Espresso e thIS, ma non solo. Dopo aver prodotto Call Me By Your Name, il suo primo album in collaborazione con Von Felthen, è stato selezionato da MTV come BEST NEW GENERATION ELECTRO 2015.

Dopo l’uscita  di  Gennaio 2016  con Maneki Nekoper INRI, oggi ha pubblicato il suo nuovo lavoro grazie al loro supporto discografico .

INSIDE Ep contenente due tracce inedite: 

INSIDE

FANTASY TUBULENCE

INSIDE è un mix tra il genere elettronico deep con sonorità più ricercate ed originali, mentre FANTASY TURBULENCE è una traccia più carica e “colorata” , grazie al mood che assume l’anima di Matthew S.

MATTHEWSINSIDECOVER (1).jpg

<< Questo EP è una possibile via di fuga dal mondo reale, è un tunnel nel quale ci si perde: per questo può essere anche definito uno stile “elettronico trip”. >>

Matthew S.

Per acquistare INSIDE EP:

Matthew S online:

Official site         : http://www.matthewess.com/

Official Fb Page : http://facebook.com/OFFICIALMATTHEWS

Twitter                 : http://twitter.com/Matthew_S_dj

Instagram           : http://.instagram.com/matthew_S_official/

Andre1blog

 

09/05/16: Rihanna feat. Drake – WORK [WSHT RMX]

Buon pomeriggio a tutti!

Iniziamo questa nuova settimana, con il primo dei quattro appuntamenti, in occasione dell’uscita del nuovo Rmx di WSHT, uno tra i produttori Italiani, con i “cosiddetti”. Tra poco capirete, ma avrete già appurato dal Rmx che realizzò in occasione dell’uscita dell’Ep Rmx “BOSSY“, di Marti Stone, una “mina”.

Oggi avrete il piacere di ascoltare il suo ultimo lavoro che ha realizzato. Un rmx direi cattivo, CATTIVISSIMO.

13062346_1556468827979568_3963172337879341267_n

Avreste mai pensato come sarebbe Rihanna in versione brutale e violenta? WSHT e’ fuori con un remix di “Work”, la Hit mondiale di Rihanna e Drake.

Lo stile dell’artista e’ caratteristico. Un unione tra elementi Trap e Death Metal, creano un mix di una potenza inaudita che vi scaraventerà dalla vostra postazione d’ascolto!!!

Quindi? Che fate? Godetevi sta bombetta in FREE DOWNLOAD e vi do appuntamento con il secondo appuntamento il 23 Maggio 2016.

Stay tuned

Andre1blog

 

07/05/16: B!TCHES RADIO TOUR w/ MARTI STONE


Ne approfitto per ringraziare per l’ospitalità e professionalità: Tano e Lamberto diStream Radio–  Milano, Mr. Tinka, Turi e Misha di Subway Web Radio – “PunchLinerz di Viterbo, tutti il team di Radio 108 Network di Roma,  Manuel diW.a.y. Radio di Cosenza, Marco direttamente da “One, Two, Three” Radio Città Del Capo (Bologna) ed infine Rossana e Gianmario del programma “Turn It On” di Radio Bocconi (Milano) con i quali ci siamo fatti mega risatoni durante l’ultima data del tour. Ovviamente un grande ringraziamento va a coloro che hanno seguito le varie interviste e showcase Live, in streaming/fm nelle varie tappe! yooh

Stay STONED regaz!

Un paio di foto per voi!

Che dire raga ?!  Non ci resta che attendere “robbba” inedita.

Nuovo singolo in arrivo? Marti pubblicherà  qualcosa di nuovo a breve?! Di una cosa ne  siamo certi. La nostra collaborazione prosegue ed alla grande. 

Restate aggiornati sulla sua pagina ufficiale di Facebook : Marti Stone.

Iscrivetevi alla sua NEWSLETTER UFFICIALE, e restate in contatto con lei ed il suo staff, per scoprire in anteprima cosa “bolle in pentola” prossimamente. 

Buon Sabato sera a tutti!

Andre1blog

 

04/04/16: L(Ass)D – il nuovo Ep degli Smoothies.

Buon pomeriggio a tutti!

Vi avevo già parlato degli Smoothies in occasione dell’uscita del RMX di “BOSSY“, singolo di Marti Stone.

Oggi è uscito “L (Ass) D” Ep, il loro nuovo lavoro in collaborazione con Mc Boogshe,Stereoliz, Rayna, Cubaki ed il cantante – autore Alma.

SMOOTHIES EP 1..jpg

 

L’Ep supportato dall’ etichetta discografica Guerilla Crew è disponibile su iTunes ed è già al terzo posto della classifica su “iTunes Italia” ed al quinto su “iTunes Olanda”.

 

Tre tracce, Tre Mine, insomma Tre Hit da ascoltare ed acquistare!!!

Itunes:  apple.co/1RHZtLy

SMOOTHIES 2

 

01. L (Ass) D – Smoothies & Boogshe

E’ la prima traccia realizzata in collaborazione con l’olandese Rachel Velberg, in arte Mc Boogshe, di grande talento e  vasta notorietà nei Paesi Bassi e nel Nord Europa.

La sue voce unita al sound degli Smoothies, ha dato vita ad una vera e propria “mina” da pompare nei club!

 

02. Queen Wolf – Smoothies & Stereoliez ft Rayna

“Queen Wolf” è la seconda “bombetta” prodotta in collaborazione con il duo Italiano Stereoliez e la Italo/Brasiliana Rayna.

Non e’ stata  la prima collaborazione per gli Smoothies e gli Stereoliez, che precedentemente sono usciti con “Get Down” per la Buygore etichetta di Los Angeles.  Rayna non è da perdere di vista, visti i suoi numerevoli progetti nei quali  è coinvolta con gli Antiplastic, gruppo dubstep/Kuduro e il duo londinese Skewiff.

 

03. Stop The Owner – Smoothies & Cubaki ft Alma

Ultima HIT dell’Ep, in collaborazione con il produttore Italiano Cubaki e il cantante Alma.
Cubaki è uno dei più giovani ed emergenti artisti della scena elettronica italiana.
Partendo dalla Moombahton oscilla dalla Twerk alla più recente Jungle Terror, sempre mantenendo sonorità tropicali derivate dall’ esperienza Reggaeton e Dutch House.

Andrea Bottino, in arte Alma, appassionato della musica reggae/dancehall sin dalla sua permanenza a Torino negli anni universitari. Cantante e autore, nella primavera del 2012 collabora con Dubgun Records con il singolo ‘Some a dem’ e nel giugno dello stesso anno inizia il lavoro di registrazione del mixtape ‘Dem a Control’.

 

Complimenti agli Smoothies per questo Ep contenente tre produzioni al quanto forti e coinvolgenti. TOP!

 

TWERK!  TWERK!  TWERK!

 

Andre1blog

 

31/03/16: “RISEN” è il nuovo singolo degli SMASH STEREO [INTERVISTA]

Buon pomeriggio amici!

Un  paio di giorni fa ho scambiato “due chiacchiere” con i tre componenti degli SMASH STEREO,trio electro in continuo sviluppo musicale. Ieri è uscito “RISEN“, il loro nuovo singolo disponibile su iTunes e Spotify. Leggetevi l’intervista per scoprire le origini del loro progetto, il loro presente musicale e molto altro.

RISEN TRACK.jpg

Segnatevi il nome perchè a Maggio potrebbe arrivare un sorpresone.

TANTA ROBA!

Emanuele, Gabriele ed Omar, uniti sin dal 2011 in un  trio musicale, gli SMASH STEREO. Com’è nato il vostro trio? Da chi è partita l’idea di fondare questa crew? SMASTRO WALL 1

Ciao Andre, è un grandissimo piacere per noi fare parte di quest’intervista, l’idea è partita circa 5 o 6 anni fa da me (Emanuele) e Omar quando scoprimmo per la prima volta la musica electro e tutte le sue varianti, a quei tempi non avevamo ben chiaro cosa volessimo fare in futuro, ma sapevamo che la musica prima o poi sarebbe stata la nostra strada. Dopo alcuni anni di prove e produzioni sperimentali per capire bene come funzionasse il tutto e ispirati da artisti del calibro di Bloody Beetroots, F.O.O.L, Neus e tanti altri, abbiamo iniziato a produrre tracce su tracce ogni giorno cercando di fare qualcosa di originale, bello e che venisse totalmente dalle nostre menti. Nel corso del tempo si è aggiunto anche Gabriele, completando così il gruppo formando un trio composto da tre modi differenti di produrre e di pensare creando un unica grande mente in una strana e quasi perfetta sintonia.

Qual è stato sin dall’inizio il vostro obbiettivo fondamentale? Ci sono state delle soddisfazioni durante gli anni, che vi hanno stimolato nel continuare con questo vostro progetto, oltre ovviamente la grande voglia e la passione che ci mettete costantemente? 

Il nostro obbiettivo fondamentale è sempre stato quello di produrre musica che piacesse prima di tutto a noi e subito dopo quello di proporla alle altre persone, non importa se un domani saremo famosi o no;certo a chi non piacerebbe essere famoso e guadagnare magari tanti soldi, ma per noi la cosa più importante è quella di fare e condividere la nostra musica proprio perchè amiamo farla. Ci sono stati alti e bassi, abbiamo conosciuto molti artisti, abbiamo ricevuto tantissimi consigli e abbiamo suonato come resident per un po’ di tempo al “DAMMIT”. Siamo sempre stati stimolati dall’entusiasmo  delle persone che ci hanno sempre seguito o che hanno semplicemente sentito una nostra canzone, per noi è un orgoglio vedere le persone stupite o soddisfatte del nostro lavoro, questo ci ha sempre stimolati nel continuare il nostro progetto.

Il vostro è un genere molto particolare, in continua ricerca ed innovazione. Un unione tra elettronica e sonorità dubstep, ma non solo. E’ sempre stata una vostra passione questo genere un pò più “CATTIVO”?

Fin dal principio abbiamo sempre cercato di creare qualcosa di potente e “cattivo” perchè per noi la musica è anche uno strumento di sfogo, abbiamo sempre cercato di fare musica che ti desse l’energia e la voglia di spaccare il mondo, di regalare emozioni forti che ti caricassero durante la giornata o in una serata.

Col passare degli anni, ci son stati molti artisti che hanno allargato la scena , soprattutto inerente alla dubstep, ma purtroppo ci si è sempre limitati a supportare artisti di una certa fama internazionale e poco i nostri che sicuramente avrebbero molto meritato. Cosa pensate della scena dubstep Italiana? A livello internazionale sembra di aver capito che  stia un po’ cambiando il mercato musicale anche in questi generi. Quali sono i vostri commenti in merito? 

Sinceramente pensiamo che in Italia ci sia davvero poco spazio per questo genere di musica, è già difficile uscirne con qualsiasi altro genere figuriamoci in questo. A livello internazionale sicuramente si ha molte più possibilità di farcela ma questo mondo viaggia alla velocità della luce ed è difficile stargli dietro. Proprio per questo spesso ce ne freghiamo di tutto e facciamo quello che abbiamo per la testa,è giusto cercare di stare al passo con i tempi ma vogliamo crearci il nostro mondo, vogliamo seguire le nostre idee e metterle in pratica anche al costo di rallentare un pochino e di uscire dai canoni, ma solo così si può sperare di creare qualcosa di davvero unico.

Avete un passato pieno di produzioni e pubblicazioni ufficiali. Quali sono i progetti che avete in serbo per i prossimi mesi? Qualche anticipazione piuttosto che qualche data da appuntarci sul calendario!?

Ora come ora siamo molto improntati sulla synthpop/synthwave/retrowave… crediamo che questo genere in futuro ci porterà ad avere molte soddisfazioni, quindi preparatevi a sentire tante tracce inerenti a questo genere, ovviamente sarà fatto a modo nostro e sarà mischiato all’electro,dubstep e vari generi elettronici. Come abbiamo già detto vogliamo creare qualcosa di veramente originale e così faremo!

Smash Stereo vi saluta!

DESTROY THE NOISE!

SMASH STEREO contatti:

Facebook: https://www.facebook.com/Smash-Stereo-Official-180563455330812

Twitter: https://twitter.com/SmashStereo

Soundcloud: https://soundcloud.com/smash-stereo-1

Youtube: https://www.youtube.com/user/smashstereo?&ab_channel=SMASHSTEREOTV

Mail: smash_stereo@hotmail.it

Ascoltate e scaricate questa traccia “fresca fresca”, uscita ieri!

SMASH STEREO – RISEN

iTunes  : https://itunes.apple.com/it/album/risen-s

Spotify:  goo.gl/UDY6Rm

Ragazzi, vi ringrazio per la disponibilità e vi faccio il mio più grande in bocca al lupo!

Andre1blog

 

29/03/16: “Brkdnc”, il nuovo singolo dei MAEKL JORDN

Buon pomeriggio a tutti!

Vi siete ripresi da queste festività o no?!

Proprio ieri è uscito il nuovo singolo dei MAEKL JORDN, “Brkdnc“.

Non ho ancora avuto  l’occasione di potervi parlare di questo nuovo progetto, molto figo.. Date un occhio!

MAEKL JORDN.jpg

MAEKL JORDN, è un duo composto da Dj/producers molto qualificati e pieni di talento. Sin dal 1992 sono stati influenzati dai Chicago Bulls, una tra le squadre di Basketball più affermate della NBA. Vi sarete chiesti il motivo di questo collegamento sportivo con la musica?! I suoni da loro prodotti, riflettono quelli reali che si possono ascoltare durante una partita di basketball, dal fischio dell’arbitro al rimbalzo della palla ad esempio, ma non solo. Il loro sound è relativo ad un genere molto particolare, per ora non classificabile, ma sicuramente molto originale ed in continua evoluzione.

Il 25 Gennaio 2016 hanno avuto il loro esordio con la pubblicazione della prima bombetta dal titolo SLAM DUNK, con il supporto della HIGH SCREAM RECORDS, ottenendo risultati molto  positivi, tra cui un’ottima posizione nella “Beatport HipHop Chart“.

Ieri hanno pubblicato il nuovo singolo, BRKDNC, un mix tra influenze Anni 90′ e Future Bass.

Ascoltatevi la nuova mina e sopratutto scaricatela!!!

Beatport: goo.gl/VMvEjq

FACEBOOK        :  https://www.facebook.com/maekljordnmusic/

SOUNDCLOUD  :  https://soundcloud.com/maekljordn

TWITTER            :  https://twitter.com/JordnMaekl

Andre1blog

 

18/03/16: “Part Four”- il nuovo Ep di Elisa Bee [INTERVISTA]

Buon pomeriggio a tutti!

Ho avuto il piacere di intervistare una grandissima Dj/Producer Sarda, protagonista dal 2007 di molti club Italiani ma non solo. Dopo aver raggiunto parecchi traguardi e soddisfazioni in ambito artistico, oggi ha pubblicato “Part Four“, il suo nuovo Ep, supportato dalla “Booty Call Records“.

Una miscela di talento e di stile!

Sto parlando di Elisa Bee

Beccatevi la mia intervista ad Elisa Bee, soprattutto ascoltate e scaricate il suo nuovo Ep!

Chi è Elisa Bee? Racconta brevemente quando ha avuto origine il tuo progetto e in particolar modo qual è stata l’occasione in cui ti sei avvicinata alla console e alla “night life”. Rimanendo fermi nel passato, ricordi ancora dove hai suonato per la prima volta e soprattutto l’emozione che hai provato? 

12645003_10153795418785638_3986339381649192387_n

La figura del DJ ha iniziato ad affascinarmi verso i vent’ anni (prima avevo occhi solo per rock’n’roll band e affini) e appena ho potuto mi sono avvicinata a questo mondo: mi trovavo ad Alghero, in Sardegna, mia città natale dove ho vissuto fino ai 23 anni. Ho iniziato lì quando avevo 21 anni e avevo appena preso la laurea in Scienze dell’Architettura; dopo aver assolto i miei “doveri” accademici mi sono dedicata a quello che davvero mi sarebbe sempre piaciuto fare, ovvero musica. La prima volta che ho suonato è stata quindi ad Alghero, in un piccolissimo locale in centro, fine 2007: ricordo di aver fatto delle prove qualche giorno prima in un posto sperduto per poter alzare il volume al massimo, avere il tempo di imparare da sola a collegare i cavi ed esercitarmi senza essere disturbata. Una volta arrivato il giorno della mia prima serata ero agitata, ma super felice perchè davvero non vedevo l’ora. Avevo tutti i miei amici lì con me ed è stato subito naturale e piacevole trovarmi in console con centinaia di Cds da mixare.

Quali sono state le più grandi esperienze che hai vissuto fino ad ora, grazie alle quali hai proseguito con la tua carriera artistica? Credi di aver raggiunto parte degli obiettivi che avevi in serbo sin da quando hai intrapreso questa strada? 522103_10153143998335638_2245851474761875487_n.jpg

Ho fatto tante cose che non avrei mai neanche potuto immaginare, dal collaborare conSir Bob Cornelius Rifo (aka The Bloody Beetroots), al condividere la console con artisti che adoro come Riton, Nic Sarno, His Majesty Andre, Bart B More, Julio Bashmore, Clap! Clap! e tantissimi altri, al far uscire la mia musica per labels che stimo. Banalmente la più grande esperienza è quella di riuscire a vivere facendo quello che si vuole e come si vuole; non ho mai avuto particolari obiettivi prestabiliti, ho sempre puntato a fare le cose al massimo delle mie potenzialità e a migliorarmi attraverso ogni nuova esperienza, positiva o negativa.  

Oltre ad essere una DJ/producer, sin dal 2011 lavori per un programma radiofonico su Radio2 , “Babylon”, in onda ogni sabato notte. In che modo congiungi questi due lavori che sembrano essere simili perchè trattano sempre dell’ambiente musicale e del clubbing, ma sicuramente hanno delle differenze in quanto ci sono  mansioni diverse da svolgere? Mi sembra di aver capito che sei una figura molto importante per questo programma. Qual è il tuo ruolo?  10419063_10153789428795638_8818458214522640121_n.jpg

Il mio ruolo all’interno del programma è quello di producer: edito i brani che scegliamo di mandare on air adattandoli alle nostre esigenze di minutaggio, monto la puntata e la spedisco in RAI dove poi la registreranno la regista e il conduttore. Un lavoro molto tecnico, ma che allo stesso tempo mi permette di stare sempre “sul pezzo” con le nuove uscite, non solo di musica da club; chi ha ascoltato “Babylon”, infatti, sa che è un programma molto vario a livello di generi: Hip-Hop, Uk Garage, Disco, R&B, Rock, Reggae… tutto ciò che di bello salta fuori, dall’Italia e dal tutto il mondo.

Le registrazioni e la produzione di “Babylon” avvengono i primi giorni della settimana, il che mi permette di essere libera di muovermi per i miei DJ sets durante il weekend.  

Sei una DJ donna sin dal 2007. Negli ultimi anni ne sono emerse molte altre. Qual è il tuo pensiero in merito alla console dominata da una ragazza piena di talento e stilosissima come te?  Il genere da te principalmente trattato è la techno//house.  Come mai questa scelta? Un parere “generale” in merito alla  scena Techno Italiana? 11035836_10153154731365638_6535847133319217102_n.jpg

Non mi piace fare distinzioni di genere, se un DJ è bravo lo è a prescindere dal sesso. Ed è sempre stata questa la cosa fondamentale: fare bene ciò che si fa, per quanto relativo sia il concetto di “fare bene qualcosa”. Quindi la cosa più importante per me, da ascoltatore come da DJ/producer, è quella di seguire cose che suonano bene, hanno una personalità, sono fatte con una buona attitudine, al di là che siano donne o uomini a creare.

Parlando di generi, mi piace davvero di tutto, ma al momento ciò che più mi diverte e coinvolge nel club è il mood Techno/Ghetto/House; non c’è un particolare motivo, parlerei più di una propensione naturale! In Italia abbiamo degli artisti davvero forti, mi basta citare i miei amici BS1, che sono tra i miei producers preferiti e con il loro suono Techno/Acid mi fanno impazzire. Non so se parlare di “scena”, non mi sento parte di alcuna situazione, forse anche per il fatto che non riesco a definirmi e incanalarmi facilmente in qualche cerchia ristretta a causa del mio mescolare tanti generi e influenze.

Giungendo al presente. Oggi è uscito il tuo ultimo EP ,”Part Four”, pubblicato col supporto della Booty Call Records . Ne approfitto per complimentarmi subito con te! Davvero una figata! Presenta al pubblico questo tuo nuovo lavoro.  11940414_10208701744284804_133346344_n.jpg

Grazie! Il mood è quello Techno/Ghetto/House, è un lavoro che è stato molto influenzato dalla musica degli anni ’90 a Chicago, dal sound di labels come Dance Mania e Chicago Bad Boys Records e la stessaBooty Call Records(label di Parigi), il tutto arrangiato in una chiave più contemporanea. Ho cercato di tenere i beats il più asciutto possibile, senza utilizzare troppi elementi, ma ricercando il groove giusto soprattutto nella drum.

Si tratta di un EP dedicato al club, alla musica che più mi piace proporre al momento.
Hai qualche data da annunciare a chi ti segue? Dove ti troveremo in console nelle prossime settimane?

Il 26 Marzo sarò a Loano in Liguria al “La Marinella” con i ragazzi del party “Say Yeah” di Torino, poi il 2 Aprile al “XL Club” di Alba e il 6 Aprile farò un set solo Hip-Hop per il party “Habitat” di Gallarate. E più avanti Parigi, Lecco, Olbia…

Elisa Bee Contatti:

Trovi tutto su:  www.xelisabeex.com

1609630_10153899673375638_835544144334561837_n

Photo by Luca Benedet

Ringrazio Elisa per aver scambiato due chiacchiere in merito al suo progetto ed al nuovo Ep, uscito oggi e disponibile sui digital stores.

Beatport : btprt.dj/1R30pgv
iTunes : apple.co/258GL99
Juno Download : bit.ly/1R30vVr
Spotify : spoti.fi/1nUcDMO
Deezer : bit.ly/1UmamI6

Andre1blog

 

14/03/16: Marti Stone – “BOSSY” [Wsht RMX]

Buon pomeriggio! Com’è iniziata questa nuova settimana?

Siamo giunti all’ultimo appuntamento, con la pubblicazione del terzo rmx di “Bossy” (singolo di Marti Stone), realizzato da WSHT, Dj/Producer di Roma. Di seguito troverete un’intervista esclusiva per conoscere meglio il vasto progetto di questo artista. 

Inoltre da oggi , insieme all’uscita di questo rmx, sarà disponibile l’Ep che contiene i tre rmx (Prod. Smoothies, PTN e WSHT), tutti scaricabili in Free Download sul sitohttp://www.martistone.com .

http://www.martistone.com/download

Bossy-EP-Back-600x600.png

Breve presentazione per chi ancora non ti conosce bene. Quando e in quale occasione ti sei avvicinato all’ambiente musicale? Qual è stata la scintilla che ti ha fatto proseguire con il tuo progetto? 

Ciao! Ho cominciato a fare musica fin da piccolo… cazzeggiavo, producevo cose techno, ascoltavo Daft Punk, Justice e contemporaneamente Skruigners, Cannibal Corpse, Dillinger Escape Plan, insomma un sacco di punk e metallo pesante. Io sono ex punk/metallaro divenuto producer… avevo anche una cresta di 20cm prima di rovinarmi i capelli a forza di gel. Mi piace la musica con una certa “ignoranza” (ovvero spudorata, con una violenza/potenza senza rimorsi), soprattutto quando contrasta con la musicalità nello stesso pezzo. Il momento in cui ho deciso di dedicarmi alla musica elettronica é stato quando é uscito Skrillex su Suicide Season, Cut Up! prima e Scary Monsters poi. Era quello che amavo. Una musica con la botta che ti spezza il collo, ma con il rigore e l’armonia tipica dell’elettronica.

I generi da te trattati vanno dalla Trap,Edm, Bounce alla Dubstep. Come mai sei stato influenzato maggiormente da questi generi? Quali sono gli artisti che apprezzi in questi ambiti? Qual è il tuo commento  “generale” in merito  alla scena Italiana Edm , Dubstep e Trap?  

11218711_1510220182604433_5158657933514553157_n

Come già detto, mi piace tutto ciò che é ignorante… se dopo averlo ascoltato ti senti un po tramortito, allora mi piace! Per la Bounce il mio mito è TJR, il numero uno dell’ignoranza, e nella dubstep Skrillex e un po il suo giro della OWSLA. Cose originali e possenti, come piace a me. Nella scena italiana, musicalmente parlando, ci sono esponenti validi, e sotto il profilo live stiamo recuperando terreno… non c’è proprio una cultura radicata come in altri paesi, all’estero trovi un movimento con i propri spazi per qualsiasi cosa, mentre qui forse é troppo una nicchia che viene percepita ancora una cosa da “rave di tossici” (soprattutto la trap o la dubstep)… fortunatamente si sta affermando un clubbing più orientato alla bass music che da un po’ di anni sta uscendo dalla nicchia. Spero diventi sempre più grande e che un giorno occupi tutti i sabati delle discoteche più grosse, perché francamente mi sono rotto di ascoltare serate di diggei cani/pr/organizzatori tutti col copia e incolla delle playlist Spinnin Records (un po’ di fantasia almeno!!).

Com’è nata la collaborazione con Marti Stone? Come mai l’idea di remixare “Bossy”? Un commento a caldo su Marti Stone e in particolare sul singolo che sta raggiungendo davvero “ogni dove”? 

Ho mixato e masterizzato il suo mixtape, 44 Mixtape, tutto nel mio studio, il Qwagur Studio, la base operativa di tutto il rap che punta al nuovo qui a Roma, e poi ho prodotto un pezzo trap chiamato Yuppy che vedeva insieme Marti e Akes (che é il fratello fondatore assieme a me della mia squadra, M2Label, da sempre e lo saluto!). Siccome con Marti ci piacevamo stilisticamente, mi ha chiesto di remixare Bossy. Me l’ha mandata, l’ho sentita e 24 ore dopo c’era il remix.

Cosa penso di Marti Stone?

Che spacca!

Mi piace il fatto che è una delle poche rapper di sesso femminile che rappa bene e rappa come una donna (fatto non scontato)… ho sentito tante rapper femmine che hanno una voce o un’attitudine mascolina o macho che non mi piace. Le donne sono molto più belle degli uomini, non gli serve abbassarsi al nostro livello per colpire!

Parliamo del tuo futuro artistico. Quali sono i progetti che hai in serbo per i prossimi mesi? Hai qualche anticipazione per le persone che ti seguono?

Ultimamente, dopo anni di sperimentazione, sto preparando una serie di prodotti che uniscono trap, death metal, edm e che spero facciano un bagno di sangue (metaforico ovviamente) quando partirà il drop. Sto preparando un sacco di canzoni che vorrei far uscire fra qualche mese… seguitemi sul soundcloud, perché voglio portare nell’EDM la brutalità all’ennesima potenza!

Top 10 dei brani Edm/Dubstep/Trap  di questo ultimo periodo?!

Metto un po’ di quello che ascolto adesso nel telefono, dal rap al vomito messo a tempo (ride) :

Jackal – Animal Style (Getter Remix)

Jack U ft. Justin Bieber – Where Are Ü Now

Ghastly & Brillz – Hawt

GTA – Red Lips (Skrillex Remix)

Kanye West – Pt2 feat Desiigner

The Game ft Skrillex & Bangladesh – El Chapo

Salmo – Mic Taser

Wiwek – Rebels feat Audio Bullys

Vic Mensa ft Skrillex – No Sleep

2994 – CTCar

 

Wsht Contatti:

facebook.com/wsht.official

soundcloud.com/iamwsht

instagram.com/iamwsht

Ringrazio Wsht per l’intervista, ma il grazie più grande va a voi che avete seguito con molta costanza ed interesse questi tre appuntamenti con i rmx di “Bossy”, il singolo di Marti Stone.

Miraccomando, scaricatevi l’Ep in Free Download!

http://www.martistone.com/download

Andre1blog

 

11/03/16: Mahmood – “Vi presento il mio mondo” [SANREMO GIOVANI 2016]

Buon pomeriggio a tutti regaz!

Quest’anno, come vi ho già accennato un paio di settimane fa, ho avuto l’opportunità di seguire con molta attenzione la 66^ edizione del Festival di Sanremo, twittando e commentando insieme al team di OkRadio, che ringrazio molto. Dopo aver intervistatoIrama, è giunta l’ora di farvi leggere la mia intervista ad un’altro artista talentuosissimo, che si è fatto notare grazie ad Area Sanremo 2016.

Sto parlando di MAHMOOD!  

Chi è MAHMOOD? Una piccola presentazione in merito al tuo progetto e alla nascita della tua passione per il canto. Quando ti sei avvicinato alla musica? Come mai la scelta di questo nome d’arte? 

MAHMOOD FOTO

Ciao ragazzi. Mahmood è un ragazzo che ha avuto da sempre il sogno di vivere di musica. Ho iniziato a prendere lezioni di chitarra a 12 anni per poi iscrivermi a dei corsi di tecnica canore per 5 anni. La passione per la scrittura è nata 3 anni fa circa ,quando ho capito che cantare canzoni degli altri non bastava più ,iniziando a scrivere la mia storia e i miei punti di vista.

“DIMENTICA”, è il brano con cui ti sei presentato al Festival di SANREMO 2016. Un testo forte, pieno di contenuto e soprattutto autobiografico. In quale occasione hai scritto questo singolo? Qual è il messaggio che hai voluto trasmettere al pubblico? 

12507539_1161594810519051_5296971769555663911_n.jpg

Mahmood rappresenta un po quello che è il mio mondo ( My Mood). È bastato cambiare una lettera del mio cognome per dare un significato più internazionale. Dimentica l’ho scritta in metropolitana , è un brano fortemente autobiografico che parla del mio vissuto artistico e umano. Il messaggio che mi piacerebbe trasmettere con questo brano è quello di non farsi influenzare dai giudizi esterni ma semplicemente seguire il proprio punto fisso    (nel mio caso la musica) e lottare contro tutto per raggiungerlo.

Come mai la scelta di partecipare ad AREA SANREMO 2016? Ti saresti mai aspettato di poter cantare in occasione del più importante Festival Della Musica Italiana? Che emozioni hai provato in questa magnifica esperienza? Raccontaci in che modo hai vissuto tutto ciò ed in particolar modo  com’è stato esibirsi sul palco del Teatro Ariston. 

12715689_1181334285211770_6153585477108533065_n

La scelta di partecipare ad Area Sanremo l’ho presa quest’estate dopo un anno di lavoro su arrangiamenti fatti a canzoni che componevo sulla tastiera in salotto. Avevo deciso che era arrivato il momento di iniziare a raccogliere un po’di frutti è mai mi sarei immaginato di arrivare dove sono arrivato. Sanremo è stata una bella prova in cui ho imparato e migliorato tanto di me. All’inizio non è stato semplice fare interviste dalla mattina alla sera  ma dal secondo giorno ho iniziato a prenderci la mano. La prima volta che ho messo piede sul palco dell’Ariston sembrava di cantare davanti al Papa…panico totale!. È complesso descrivere ogni emozione provata in quella settimana…è stato tutto molto gratificante.

Nonostante i  risultati per la categoria Sanremo Giovani, DIMENTICA continua a totalizzare ottimi risultati. In questi giorni hai avuto il piacere di esser stato ospite in molte radio italiane e le soddisfazioni continuano ad arrivare. Dopo questo periodo di tour promozionale, cosa ci sarà in serbo per i prossimi mesi? Un nuovo singolo, piuttosto che un disco?! Anticipa qualcosa a chi ti segue 🙂

Attualmente sto lavorando ad altri pezzi. Voglio che la prossima cosa che uscirà racchiuda il massimo di me e chissà forse ci saranno anche delle collaborazioni …Seguitemi per restare sempre aggiornati!

Ultimissima domanda, che si discosta dal resto. Quanta importanza dai allo stile e quali sono i generi musicali che ascolti nella vita quotidiana?

A dir la verità non vado tanto a come mi vesto durante il giorno , però capisco subito quando mi trovo a mio agio con quello che indosso . I generi che mi hanno accompagnati maggiormente in questi ultimi anni sono stati  l’ R&B, HIP HOP e il genere ELETTRONICO.

11101812_990712474273953_5537705178481754108_n.jpg

Ti ringrazio davvero tanto per la disponibilità Mahmood e ti porgo il mio più grande in bocca al lupo! 

Andre1blog

 

10/03/16: E’ uscita la Doner Bombers Compilation Vol.4

Pochissimi giorni fa è uscita la Doner Bombers Compilation Vol.4, disponibile sui digital store.

Vi ho già parlato di Doner Music, in quanto ho intervistato il fondatore (Big Fish) ed artisti che appartengono a questa label. Doner Music si pone come punto di riferimento per la bass music in Italia: oltre allo stesso Big Fish, nel suo roster vanta producer comeAquadrop (Mad Decent / Buygore / Ultra), Retrohandz (Dim Mak / Rimbu), Kharfi che coprono generi dalla Trap alla Moombahton, dalla Future Bass alla Bass House, dalla Jungle Terror alla UK Garage. 12717903_1132243340153378_4428883841755938624_n.jpg

Le compilation della serie Doner Bomberssono delle raccolte di inediti di produttori del roster e artisti vicini a questa etichetta. Dopo aver presentato il terzo volume su Thump (Vice America), è uscito il quarto con le voci di Elisa, Anastacia, Richie Loop, Kg Man, Raphael e Benedetta Caretta nella sua nuova veste di “Ene”. In seguito a questa pubblicazione è stato creato un evento in pantnership con This Is Edm, con cui Doner Music ha lanciato un contest per artisti,che hanno avuto l’opportunità  di inviare le loro produzioni a Doner ed ai suoi dj e le migliori tracce son state suonate live durante questo evento esclusivo, mentre quella  unrleased reputata migliore vincerà una release nella rubrica Back Door di Doner Music. 

Tracklist compilation:

1) Big Fish feat. Elisa – Vain
2) INARI feat. Ene – For Me
3) URAMESHI! – Library Crush
4) Akroama – Four Step
5) Aquadrop – Tromso
6) Nobel – Bust That
7) Vincent Vega feat. KG Man – Real Gallis
8) Kharfi, Dopesquad – Nke Na We
9) Dvmbo feat. Aquadrop – Taranta
10) Sonny Denja feat. Raphael – Hands Up
11) Richie Loop – Cabin Stabbing (prod. Retrohandz)
12) Big Fish vs Anastacia – I’m Outta Love
13) Vincenzo Salvia feat. Ene – Only Lover
14) Komarov – All About U
15) Mothell – Michelle Has Hell In Her Name

Non vi resta che ascoltare queste bombette e scaricarle!

iTuneshttps://itunes.apple.com/it/album/doner-bombers-compilation/id1085522185

Doner Music Contatti:

Facebook         :https://www.facebook.com/donermusic

SoundCloud    : https://soundcloud.com/donermusic

Twitter             : https://twitter.com/donermusic

Instagram        : https://instagram.com/donermusic

Andre1blog

 

09.03.16: Wiki Mix #09 // REECH [INTERVISTA]

Ciao a tutti regaz!

Ho conosciuto REECH (dj/producer) nel 2011 (ai tempi D-Bag),in un periodo davvero figo (un giorno vi racconterò). Pompo nelle casse vi ricorda qualcosa?! Ecco, leggetevi l’intervista per capire meglio chi ho intervistato! Ma soprattutto ascoltate e scaricate in Free Download  il nono episodio di Wiki Mix, realizzato proprio da lui, con delle mine pazzesche!

Chi è REECH? Tornando al passato, quando ti sei avvicinato all’ambiente musicale? In quale occasione?  Nasci come D_Bag trasformandoti nel progetto REECH. Il fatto di aver cambiato il tuo nome d’arte, rappresenta anche una sorta di maturazione e cambiamento all’interno del tuo progetto?

922908_10201052045054234_688946199_n.jpg

Ho iniziato a creare dei pezzi con  FL studio sin dai 14 anni perché mi annoiavo a sentire solo tracce fatte da altri, quindi da li ho cominciato a produrre. Trovandomi a mio agio nell’ambiente musicale ho cominciato a frequentare studi e djs, mentre poi verso i 18 anni la     Off Limits mi ha notato e ha cominciato a spingere il mio progetto.

La continua evoluzione e ricerca di un “qualcosa” ( cosa poi non so ) di nuovo e stimolante è sempre stata alla base di tutti i miei progetti , REECH su tutti.

Il tuo progetto, iniziato ufficialmente dal  2009, ha ottenuto  ottimi risultati. Nel 2012 hai ricevuto anche il disco d’oro, per la hit “Pompo Nelle Casse“, realizzata con i Power Francers. Com’è stato ricevere questo premio?  Tu, Katerfrancers, Pacchiani e GoldenTrash fate parte della stessa etichetta discografica, Off Limits .  Com’è nata la vostra collaborazione iniziata appunto nel 2009, portata avanti col passare degli anni, con la produzione di singoli come Disco Boy (prodotta prima di Pompo Nelle Casse), Stile, Dolce e Gabbana, Prendo il Volo e altre tracce contenute non loro primo disco? 

3497_10152330356040650_1563819344_n.jpg

Nonostante il mercato musicale sia andato a puttane più di un decennio fa , ricevere un premio del genere fa sicuramente piacere, come tutte le figate nascono spesso per gioco o per caso , anche la storia d’amore con i Power Francers non ha fatto eccezione . Produrre l’album è stata un’esperienza molto divertente , puoi immaginare con Antonio e Pacchiani in studio che bordello che c’era… (ride)

Col trascorrere degli ultimi anni, ho notato un cambiamento dal punto di vista del genere musicale da te trattato. Dall’electro sei giunto ad un genere molto più “tranquillo”, allo stesso tempo attuale e che spacca. Come mai questi cambiamenti inerenti al genere? 

Penso che fossilizzarsi su un genere/modo di pensare  sia molto limitante e ridicolo , non è questione di seguire le mode ma capire il mondo che ti sta intorno interpretarlo e farlo tuo. Tutto ciò determina un’ evoluzione.

Se per pranzo , tutti i giorni, mangi la stessa frittata dopo un po ti rompi le palle no?!

Parlando delle tue produzioni. Come nasce una tua traccia, in particolare l’idea della melodia da trattare e da sviluppare? Come si presenta un tuo dj set all’interno di un club? Quali sono le tracce che non devono assolutamente mancare? 1521514_10153682856020650_2055163498_n.jpg

Ogni traccia ha la sua storia, non ho un approccio standard. Per quanto riguarda la melodia, se ho un top liner a disposizione ci confrontiamo sulle linee melodiche altrimenti prendo samples e uso il melodyne.

About i dj sets :  girando per i club ho visto troppo show e troppa poca musica , dipende sempre cosa offri al pubblico , a me piace farmi trascinare dall’onda e decidere durante ogni set la line , se prima del live mi chiedi quale saranno le ultime due tracce che suono, non te lo saprò mai dire .

Nell’ultimo periodo ti abbiamo visto davvero molto impegnato. Tra pubblicazioni ufficiali, remix e nuovi singoli.

Partendo dal rmx della hit di Sean Paul, “Temperature“, alla pubblicazione di “ROKIN“, singolo in gara per Talent Pool Spinnin’, giungendo all’uscita del tuo ultimo singolo, DAPPY, grazie al supporto dell’etichetta  Rogues Music Group.  Come mai l’idea di remixare “Temperature” di  Sean Paul? 12717516_10156580834460650_130468971942594200_n.jpg

ROKIN è in gara per  lo Spinnin’ Records Talent Pool, ricordiamo il link per votarti e per vederti vincitore.  https://www.spinninrecords.com/talentpool/track/48937-reech-rokin/

“Shana Pal “ è da sempre il capo , per cui fare un remixone è sempre stato un mio pallino, ho trovato un beat che matchava e ci ho buttato sopra la acapella, secondo me è godibile.

DAPPY è uscito il 2 Marzo e  sta ottenendo ottimi risultati. Presentaci questo tuo nuovo singolo, dalle sonorità diverse dal solito, con un sound davvero fresco ed esclusivo. 

12799371_10156617160565650_3972642672855995138_n.png

I ragazzi della Rouges ( che sono quelli di soundcloud della tracks for days ) mi hanno contattato chiedendomi se avessi qualcosa nel loro mood , proprio in quel momento , tra i vari demos , avevo Dappy, molto soft ma pur sempre con bassoni e stacchi che tanto amo e che mi caratterizzano , quindi  ho deciso , per la felicità di tutti , di ultimarla per la loro label.

Abbiamo parlato in breve del tuo passato artistico e del presente pieno di novità, produzioni e figate varie. Parlando invece del tuo futuro, quali sono i progetti che hai in serbo nei prossimi  mesi? Hai qualche collaborazione in vista?  Ti troveremo in qualche club nelle prossime settimane?  Dai qualche anticipazione in esclusiva per i lettori di Andre1blog e per le persone che ti seguono 🙂 

Parallelamente al progetto REECH, ho appena terminato di produrre un pezzo che probabilmente uscirà a Marzo su Beatport , ma ancora non posso dire niente, altrimenti mi vengono a prendere a casa!  Inoltre stanno prendendo vita un casino di progetti con artisti che reputo molto validi, e con i quali è molto stimolante lavorare .

Ne vedrete presto i frutti , arriva la primavera!!

Ringrazio tantissimo REECH per l’intervista e per aver realizzato in esclusiva il nono episodio di Wiki Mix, disponibile in FREE DOWNLOAD sul mio canale Soundcloud(Andre1blog).

WIKIMIX-COPERTINA-09.jpg

Andre1blog

 

07/03/16: Marti Stone – “BOSSY” [PTN RMX]

Buon pomeriggio regaz!

Bentornati al secondo appuntamento speciale, in occasione dell’uscita del Rmx diBOSSY, nuova hit di Marti Stone, realizzato da Pump The Noise (PTN).

In questa occasione ho avuto modo di intervistare Giacomo Parpi, in arte Pump The Noise (PTN).

Vi ricordo che il rmx sarà disponibile nell’Ep RMX, che uscirà ufficialmente il 14 Marzo, in FREE DOWNLOAD!

ptn remix bossy.png

Chi è PTN? Com’è nato il tuo progetto e sopratutto in quale occasione ti sei avvicinato alla console?

Creai “Pump The Noise” 6 anni fa più o meno dopo aver vinto il remix contest di ZenToy ed essermi piazzato secondo in quello di Clockwork (RL Grime). Il progetto inizialmente era un frullato di electro e cattive intenzioni ma avevo ben chiaro dove volessi arrivare. Il mio primo EP in collaborazione con il duo francese “Asdek” mi diede la possibilità di portare la mia musica all’estero, un vero e proprio traguardo per un ragazzino appena maggiorenne.

Dal 2010 ad oggi, hai ottenuto davvero molte soddisfazioni. Dai contratti con importanti etichette discografiche come Spinnin’ Records, Top Billin, Mähtrasher / Traktor Records, Police Records e Crux Records fino ad arrivare al supporto da parte di artisti internazionali, tra i quali David Guetta, Richie Hawtin, Joseph Capriati, Don Rimini, Steve Aoki e molti altri. Senti di aver raggiunto tutti i traguardi che avevi in serbo in questi sei anni?PTN.

Ricevere supporto da artisti internazionali è sempre una bomba, principalmente perchè ti fa capire che la strada che stai percorrendo è quella giusta. In 6 anni mi sono tolto qualche sassolino dalla scarpa ma devo dire che il processo di maturazione di un artista è molto lungo, perciò mi aspetta ancora molta strada da percorrere.

In questi anni hai prodotto singoli, Ep e molti remix ufficiali per parecchi artisti della scena, ottenendo risultati davvero positivi! Mi riferisco in particolar modo al rmx del singolo “Shades Of Grey” di Oliver Heldens pubblicato su Spinnin’ Records, suonato e supportato da artisti del calibro di Bob Sinclar, Simon De Jano, Pink Is Punk, Benny Benassi, Spada, Djs From Mars e molti altri. Ti aspettavi questo risultato? Cos’hai in serbo per i prossimi mesi? C’è qualche novità nel tuo progetto che vuoi annunciare in anteprima per i lettori di Andre1blog? PTN (1).jpg

Oliver Heldens suonò il mio remix di“Shades Of Grey” in un boat party ad Amsterdam pochi giorni prima che il pezzo uscisse online. In quel momento capì che il remix avrebbe avuto un bel seguito e che musicalmente parlando sarebbe stato competitivo nella scena e sul mercato.

Prossimamente uscirà in premiere su Partyadvisor un nuovo singolo che si chiamerà “White Noise” che sarà seguito da uno street video in collaborazione con Riccardo Callegari e YNTS (un brand di street-wear di Milano che veste e supporta artisti della scena rap italiana come Club Dogo, Gemitaiz e Salmo, per fare qualche nome). Il pezzo è già stato suonato da Shinichi Osawa su Block.fm (la radio mainstream giapponese) e ha già ricevuto ottimi feedbacks da artisti come Don Diablo, Oliver Heldens, OOVEE e Pelussje.

Sto lavorando inoltre ad un singolo per Spinnin’ Records ma non posso dirvi di più per il momento.

Sto ascoltando il tuo Rmx di Bossy, della nostra cara amica Marti Stone. E’ una vera bomba! Com’è nata questa collaborazione? Un parere in merito a Marti, rapper indipendente che sta raggiungendo obbiettivi sempre più alti col passare del tempo? 

PTN (2).jpg

Grazie son felice che ti piaccia! Ho conosciuto Martina durante il party di lancio dei moonboot “Annapurna” da Iuter. Ci siamo stappati mille birre e abbiamo parlato di musica. E’ nata una bella sinergia, il giorno dopo ci siamo scambiati un po’ di produzioni, tra cui Bossy. A me il beat faceva volare altissimo e il vocale era tosto e scontroso. Amore a primo ascolto.

La collaborazione era dietro l’angolo, le ho subito proposto di remixarla. Son veramente felice del risultato.

Martina spacca e sono sicuro che arriverà lontano, ha le idee chiare per spaccare e mandare a casa un po’ di gente.

PTN contatti:

https://www.facebook.com/PumpTheNoise

https://twitter.com/PumpTheNoise

http://soundcloud.com/pumpthenoise

Ringrazio PTN per la disponibilità!

Andre1blog

 

29/02/16: Marti Stone – “BOSSY” [SMOOTHIES RMX]

Buon inizio settimana a tutti!

Oggi esce il primo rmx di BOSSY(nuovo singolo di Marti Stone), realizzato dagliSMOOTHIES  (a breve in Free Download sul loro canale SoundCloud).

L’EP contenente i tre RMX uscirà il 14 Marzo 2016 e sul mio blog troverete delle interviste esclusive ai produttori di queste mine. Iniziamo con quella agli Smoothies!

SMOOTHIES RMX2.png

Smoothies, duo italiano composto da Giulio ed Antonio. La loro musica è considerata come  un “frullato” di tanti generi diversi, tra la Dirty Dutch (genere che li contraddistingue), Trap, Electro House e Moombahton. Il loro primo EP, “T-Rap”, è arrivato fino al quarto posto degli album più venduti su iTunes nella categoria hip hop/rap e ha visto la partecipazione di artisti come Vacca, Vincenzo Da Via Anfossi,Jamil e Giame. Nella loro carriera artistica gli Smoothies vantano di due singoli prodotti con DJ BL3ND e una collaborazione con la star Dj Cristian MarchiWatch That Face” suonata da numerosi Djs come: VINAI, Juicy M, Nari & Milani e molti altri. Inoltre si avvalgono di due uscite molto importanti, una sulla Buygore, Label di Borgore: ‘Stereoliez & Smoothies – Get Down’ ed una sulla RIMBU, Label di Wiwek: ‘Smoothies & Cwr – TUTBM’. Come se non bastasse gli Smoothies sono stati scelti nella tappa di Jovanotti ‘Lorenzo Negli Stadi 2015’ per aprire un suo concerto a Pescara, nonché la loro città! Ma non è tutto. Restate sintonizzati su tutti i loro canali social per aggiornarvi sulle loro nuove uscite e sui vari party in programma!

Ciao ragazzi, come mai la scelta di remixare questa traccia? In che occasione ha avuto origine questa collaborazione?10676180_692877117487194_9021224576222540627_n

Marti Stone ci ha contattati per parlarci del singolo in uscita “Bossy” e ci ha chiesto se volessimo remixarlo ! Ci conoscevamo già da un po’, venendo entrambi dall’Abruzzo, ma non avevamo avuto ancora modo di collaborare.

Così abbiamo accettato subito di fare il remix e siamo davvero soddisfatti del risultato!

Marti è un’artista indipendente, che seppur senza enormi label, ha raggiunto grandi obbiettivi nella sua carriera artistica, soprattutto con l’uscita di questo nuovo singolo che rappresenta una vera e propria svolta nel suo progetto. Un vostro pensiero inerente a  Marti Stone?

Crediamo sia un artista davvero in gamba, piena di talento e di energia! Le auguriamo il meglio per il singolo e per i progetti futuri 🙂

Un ringraziamento speciale agli Smoothies.

Ed ora!? Beccatevi il loro rmx di BO$$Y!

Andre1blog 

 

22/02/16: IRAMA – “Il mio instore tour dopo Sanremo Giovani 2016”

Buon inizio settimana a tutti raga!

Dopo aver seguito e twittato in compagnia di Ok Radio la 66^ Edizione del Festival di Sanremo, non potevo evitare di intervistare uno tra gli otto artisti di Sanremo Giovani, che avrei voluto vedere come vincitore di questa edizione. 

Sto parlando di Irama

Ho avuto l’opportunità di intervistare IRAMA in seguito alla sua esperienza a Sanremo. Il 12 Febbraio è uscito il suo primo disco ufficiale contenente il suo singolo COSA RESTERA’ ed altri otto inediti.

L’album ed il singolo “COSA RESTERA’” con il quale ha partecipato alla gara ” “, ha già convinto e coinvolto grande parte del pubblico giovanile e non solo.

Domani inzia il suo INSTORE TOUR  da Bologna con live ed è prontissimo per incontrare i suoi fans e firmare le copie dell’album. 

Leggetevi l’intervista e acquistate l’album! E’ una bomba!

12439216_998066806935230_5956165463498219371_n

Chi è IRAMA? Quando hai iniziato ad appassionarti per la musica? Come mai la scelta di questo nome d’arte e ovviamente non posso non chiederti  delle tue “piume”(orecchini) che indossi ? Rappresentano degli elementi essenziali a livello estetico oppure ti riguardano proprio dal punto di vista personale? 12572999_998063010268943_5128022462729991870_n.jpg

La mia passione per la musica è nata sin da quando ero piccolo..i miei genitori mi hanno cresciuto a pane e cantautori italiani, in particolar modo Guccini e De Andrè. IRAMA è un nome che ho scelto in adolescenza avvicinandomi al mondo dell’hip-hop e significa “ritmo” in malese. Le piume invece sono un elemento che non appartiene alla mia cultura ma sono semplicemente qualcosa che mi contraddistingue sia sopra che sotto al palco, mi sentirei nudo senza!

Da ciò che ho capito, da quando coltivi questa tua passione, hai sempre preferito stare dietro la scena o meglio, hai sempre registrato e cantato ma non in pubblico. Come mai la scelta di partecipare alle selezioni di Sanremo Giovani 2016? Parlando di questa bellissima esperienza, quali sono state le emozioni che hai provato sin da quando hai superato i primi step di selezione, poi la diretta su Rai1  ed infine il calpestare e cantare sul palco dell’Ariston, di così tanta importanza per la musica italiana?  12705568_1011078232300754_2168643957528975621_n

Ho scelto di partecipare alle selezioni di Sanremo Giovani quando mi è stato detto che “Cosa resterà” era perfetta per il Festival, e così mi sono ritrovato alle prime selezioni e successivamente tra gli 8 artisti scelti dalla giuria il 27 novembre. Dalle prime selezioni, alla diretta su Rai1 a novembre, fino al Palco dell’Ariston si sono susseguite una serie di emozioni e sensazioni strane e fortissime. Cantare e portare le mie parole, il mio modo di fare musica su quel celebre palco è stato un grande onore, un’esperienza indimenticabile e di grande impatto sicuramente!

Parliamo della tua musica, del tuo singolo che sta diventando davvero una canzone in cui molti giovani si immedesimano, ma soprattutto del tuo disco che è uscito il 12 Febbraio 2016.

In quale occasione hai scritto e realizzato COSA RESTERA’? Ti aspettavi questo grandissimo risultato?  Ho scoperto che per te è importante interpretare la musica e non “spiegarla”, perchè una canzone non si descrive ma si trasmette al pubblico grazie all’interpretazione e agli stati d’animo che ognuno prova in diversi momenti. Quali sono gli elementi fondamentali, dal punto di vista dei testi e delle sonorità, che caratterizzano le tracce del tuo disco? Ci sono degli artisti che hai sempre visto come punto di riferimento per la tua carriera artistica? 12191895_943933335681911_4382586619631025840_n.jpg

Cosa resterà” è un pezzo  che è nato in un momento particolare della mia vita… mi sentivo un po’ in bilico tra la sensazione di cadere e la voglia di rialzarmi. Una canzone in cui racconto una mia verità che, appunto, come dici tu, non voglio imporre a nessuno ma mi piacerebbe che ognuno la facesse propria e ci si riconoscesse. Per quanto riguarda le sonorità del disco ti dico che le musiche sono interamente scritte da Giulio Nenna, mentre i testi sono miei… c’è stato un continuo confronto tra noi, tutto procedeva di pari passo, musiche e parole; volevamo creare un prodotto nostro, un nostro genere. Le tracce del mio disco, oltre che rispecchiare questa sinergia tra me e Giulio Nenna, le vedo come degli ibridi; ci sono ritornelli molto pop e freschi, le strofe si bilanciano tra le metafore proprie del cantautorato italiano e la crudezza del rap. Sicuramente i “modelli” di cui sono innamorato sin da bambino sono, come ti dicevo, Guccini e De Andrè.

In poco tempo, ovviamente dopo anni di lavoro ed impegno, sei riuscito a coinvolgere molte persone e si può dire che c’è stato un cambiamento nella tua vita, grazie alla tua passione che finalmente è diventata un vero e proprio lavoro. Senti che la tua vita quotidiana sia cambiata?

Tenendo sempre i piedi per terra posso dire che si, ovviamente un po’ la mia vita è cambiata. Dopo il Festival abbiamo ancora tanto da lavorare, sarà una continua emozione!

“IRAMA”, il tuo disco è uscito ed è disponibile in copia fisica e su tutti i Digital Store. Hai delle occasioni in cui incontrerai le persone che ti stanno supportando? Hai qualche data da annunciare ai tuoi fans? Ho visto che hai già partecipato a dei tuoi eventi di promozione. Come sono andate le prime date? Cos’hai provato nell’incontrare le persone che ti apprezzano e ammirano per il tuo talento? Raccontaci.

Domani, 23 Febbraio 2016, inizierò con le date degli instore dove presenterò il mio disco. A Sanremo abbiamo organizzato un piccolo InStore un po’ improvvisato ma volevamo fare una sorpresa a chi si trovava in città…è stato bello vedere le persone con il mio disco in mano!  Bologna 23 febbraio – Mondadori Megastore // Padova 24 febbraio – Mondadori Bookstore // Varese 25 febbraio – Mondadori Bookstore// Milano 26 febbraio – Mondadori Megastore // Monza 29 febbraio – Feltrinelli// Roma 2 marzo – Discoteca Laziale // Torino 3 marzo – Feltrinelli (Date in continuo aggiornamento).

12742024_1011677428907501_8179534409262916824_n

 Vorrei parlare anche del tuo futuro. Quali sono i progetti che vorresti attuare nei prossimi mesi, ovviamente dopo esserti concentrato sulla pubblicazione e gli instore del disco? Con quale artista vorresti collaborare? Quali sono i generi musicali che ascolti principalmente? Cosa pensi dell’ambiente rap italiano?

Ovviamente non vedo l’ora di fare dei live!! La scena rap italiana la seguo fin dall’adolescenza ma sono un po’ di anni che mi sono follemente innamorato di Stromae e Kendrick Lamar.

Scarica il disco di IRAMA: https://lnk.to/irama

Grazie mille IRAMA  per l’intervista e  ti pongo un grande in bocca al lupo!

Andre1blog

 

19/02/16: Marti Stone – “In attesa dell’uscita del nuovo singolo”


Insomma, non resta che aspettare la data ufficiale per l’uscita di questa HIT.

Buon Weekend Regaz!

Andre1blog

 

21/01/16: “IN SCENA CON ME”, il nuovo singolo degli Helèna!

Buon pomeriggio amici!

Vi ricordate degli Helèna?! Credo proprio di si! 

Oggi, per l’appunto pochissimi minuti fa, hanno pubblicato il loro nuovo singolo e hanno interessantissime novità da comunicarvi!

                                                                           “IN SCENA CON ME”  copertina ok.jpg

“Il duo (più che altro concettualmente un duo) di  giovani fratelli calabresi, reduci dai Bootcamp di X Factor 9 continua la sua produzione di musica indipendente, iniziata un paio di anni fa, quando per la prima volta scrissero “Twice”, singolo d’esordio emerso al grande pubblico dopo che i giudici del talent lo avevano premiato con 4 “SI”.

Diego, che sta spesso “nell’ombra” arrangia, compone e scrive quasi sempre insieme ad Ilenia (più “in vista”) . I due hanno collaborato e collaborano per la realizzazione dei videoclip insieme a Karim El Otmani e Pierfrancesco Bosco, ed anche insieme al pianista Francesco Cavaliere e al Maestro Stefania Labate che segue e affianca Ilenia da anni.”

In Scena Con Me è un brano fresco e più leggero di quelli solitamente proposti dal gruppo, dal motivo orecchiabile e dal testo  semplice e diretto, per chi si ama e vuole farlo con spontaneità.

12301769_10205247463014548_5467692990802287350_n.jpg

In gara per Sanremo Giovanilo scorso ottobre, sarà in rotazione sulle radio e presente su YouTube e iTunes, Spotify, Daily Motion e gli altri digital store. Sarà presentato inoltre nella settimana del Festival della Musica Italiana in diverse kermesse che vedranno i ragazzi esibirsi insieme a grandi artisti (per citarne alcuni, Emma Marrone eAndrea Bocelli).”

Godetevi il video e scaricate “IN SCENA CON ME”, disponibile su tutti i digital stores.

iTunes Download ► apple.co/1P1dlmd

Deezer Download ► http://bit.ly/1P1diGS

Amazon Download ► amzn.to/1Woq2sy

Andre

 

20/01/16: Wiki Mix #05 // Pierpaolo_B [INTERVISTA]

Buonasera bella gente!

E’ giunto il momento di ascoltare il QUINTO episodio di Wiki Mix, in FREE DOWNLOAD sul canale SoundCloud : Andre1blog !

L’artista che ha realizzato in esclusiva il quinto volume di Wiki Mix è Pierpaolo_B  direttamente da Split SoundSubway WebRadio.

Pierpaolo_B di Viterbo, oltre ad essere un Dj/Producer di musica Techno, Deep House ed Elettronica, è conduttore di Split Sound, programma radiofonico in onda ogni Mercoledì sera su Radio Subway. Quindi non perdetevi l’appuntamento con la nuova puntata che inizierà questa sera alle 22.30 circa!

Proprio ieri, grazie al supporto dell’etichetta Housetwo7 Records ha pubblicato il suo nuovo singolo, “SLIPWAY DETROIT“, disponibile su Beatport e su tutti gli store digitali.

Link per ascoltare la diretta:

http://www.subwaywebradio.it/  – http://www.spreaker.com/show/split-sound

Buon ascolto, ma .. prima leggetevi l’intervista!

PIERPAOLO_B 5 (1)

Caro Pierpaolo_B , ci racconti in che modo è nato il tuo progetto musicale e soprattutto in quale occasione hai iniziato ad appassionarti alla musica Techno/Deep House/Elettronica? In un tuo Dj Set quali sono le tracce e in particolar modo gli artisti che non devono assolutamente mancare? 12346508_10208567913783971_5204833663470504918_n  

Ciao andrea e grazie per avermi concesso questa intervista sul tuo blog, in occasione del quinto episodio di Wiki Mix. Allora tutto è iniziato quando avevo circa 12/13 anni. Mi sono ritrovato a suonare dentro un noto locale che era il “Clubbino”, e come tutti i dj ai primi passi, dovevo fare la gavetta. Per gavetta intendo aperture, chiusure e pre-serata. Ovviamente ai tempi la musica era molto meno sviluppata di adesso a livello tecnologico, ma comunque io facevo le mie belle aperture a ritmo di deep-house e la gente apprezzava e si divertiva come se fossero in pieno centro serata. Ovviamente adesso, con l’avanguardia musicale sempre in movimento, è difficile rispondere alla tua domanda, ma di certo un disco che mi porto sempre dietro è quello di CARIBOU – CAN’T DO WITHOUT YOU (Tale Of Us & Mano Le Tough Remix), (molto ritmico e melodico, perfetto per chiusure) ed infatti lo troverete anche nel dj set preparato in esclusiva  per WikiMix.

Negli ultimi anni, questo genere, credo sia stato anche preso in considerazione come se fosse una vera e propria “moda musicale” dalle nuove generazioni, o meglio dire una “tendenza del sabato sera” (causa abbinamento di questo tipo di musica a diversi famigerati club Italiani e non). Quali emozioni e quale entusiasmo suscita questo genere, per un vero patito, soprattutto quando viene proposto e suonato in un club? (ovviamente dalla tua ottica di Dj). Cosa ne pensi del panorama “Techno” Italiano dal punto di vista artistico? 

Hai fatto una domanda molto tecnica caro Andrea. Ci sarebbe veramente tanto da parlare su questi mille modi di pensare sulla Techno. Io inizierei con il dire che, a parer mio comunque l’epoca che stiamo vivendo non balla techno, la vera techno è tutta un altra atmosfera, che gira a più di 130bpm. Io ti dico che agli inizi, circa 11 anni fa ormai, erano molte le persone che apprezzavano la mia musica, ma ancor più quelli che la criticavano. Prima la tendenza era l’electro house, la techno? per la maggiore non sapevano neanche fosse un genere musicale. Ma da una parte sono contento perché comunque le critiche ti aiutano a crescere e a capire realmente se è questa la vita che vuoi fare, se sei pronto a prendere (passami il termine) “calci in culo”. E io tra critiche e complimenti ho capito che non posso fare a meno della musica e che forse questa è davvero la mia strada. Per quanto riguarda la scena italiana, penso che davvero possediamo alcuni tra i migliori artisti del mondo, guarda Joseph Capriati, Ilario Alicante, Marco Carola, Luigi Madonna, Marco Faraone, Luca Agnelli, Markantonio e potremmo stare qui due giorni ad elencarli tutti. Credo che a noi Italiani venga quasi naturale sfondare, anche se è vero che in questi ultimi anni, ci hanno svalorizzato molto proprio come paese, ma voglio dire che forse siamo anche noi stessi a svalorizzarci per primi. Quindi bisogna prendere d’esempio questi artisti e cercare di seguire i loro passi, per poi magari, puntare ad eguagliarli o superarli.

Oltre ad essere un Dj e Produttore, insieme al tuo team conduci ogni Mercoledì sera (dalle 22.30 circa) un programma su una Radio Web di Viterbo, “Split Sound” ( Radio Subway). E’ un progetto parallelo che sta ottenendo ottimi risultati e riscontri positivi. Ci racconti l’origine di questa tua esperienza?  

12509666_657415654396516_5044557968125171146_n.jpgSi è vero, oltre a suonare e fare musica, amo anche fare radio.

L’idea è nata durante un contest organizzato dal locale Subway, fra i dj nella mia città (un modo per confrontarsi con altri dj e un opportunità per conoscere tanta gente che tutt’ora frequento). Finito questo contest, il titolare del locale, apprezzando anche la musica che proponevo nei dj set, mi ha proposto di entrare a far parte del loro team di WebRadio (p.s: tutti scemi). Beh credimi se ti dico che siamo partiti in 3 facendo una media di circa 7/8 ascolti a diretta e dopo neanche un anno siamo diventati in 5 e proprio il 13.01.16, abbiamo fatto più di 250 ascolti in diretta. Sembra stupido, ma fare tanti ascolti con una radio che trasmette in web e non in FM, è un risultato davvero ottimo, che mi da sempre più voglia di continuare questa strada immersa tra musica e voci. Colgo quindi anche l’occasione per salutare il manager di questa banda di matti di Subway Web Radio che è Simone Chiovelli. Si abbiamo riscontrato ottimi risultati, intervistando molti artisti famosi e non, ma il risultato più bello è quello di arrivare in saletta e vedere che molte persone sono già collegate per ascoltarci prima di iniziare e che quando si parte con la diretta ci impallano il server. Quindi ringrazio tutti i nostri ascoltatori che ci supportano e ne approfitto anche per dirvi che non sveleremo nulla sulle prossime puntate, ma potrete scoprirle ascoltandoci suwww.spreaker.com/show/split-sound, www.subwayviterbo.it/radio.html o anche suwww.subwaywebradio.it tutti i mercoledì a partire dalle 22:30 fino alle 00:30.

Proprio ieri è uscito SLIPWAY DETROIT , il tuo nuovo singolo con il supporto di Housetwo7 Records, contenuto in esclusiva anche nel quinto episodio di Wiki Mix (min. 22:30). Com’è nata questa “bomba”? O meglio, come nascono in genere le tue tracce? Hai raggiunto parte del tuo obbiettivo? Qual è la tua “meta” da raggiungere che ti renderà soddisfatto al 100%?  

12991437.jpg

Esatto proprio ieri è uscito il mio primo singolo intitolato Slipway Detroit. L’idea è nata da un momento di rancore artistico e dalla voglia di dare un contributo, anche minimo sulla scena che tratto ormai da anni. Diciamo che i dischi nascono sopratutto nelle ore notturne, dove sei davvero immerso da mille pensieri, poi scatta la scintilla perciò anche se sono le 06:00 del mattino e alle 08:00 devi essere a lavoro, apri il Mac e inizi a dar vita alla tua idea, che viene poi migliorata giorno dopo giorno. Ovviamente come detto dal mio amico Andrea, troverete un pezzo del disco nell’episodio allegato a quest’intervista. La Housetwo7 Records ha apprezzato il mio lavoro e mi ha dato la possibilità di crescere insieme a loro. Uno dei miei obiettivi principali da raggiungere in un futuro, è la nota etichetta Drumcode, a parer mio prima potenza mondiale sulla scena Techno. Ma ci sarà molto da pedalare, da sudare e da studiare per arrivare alla vetta.

“Slipway Detroit” disponibile su Beatport:

https://pro.beatport.com/release/slipway-detroit/1685529

Pierpaolo_B nel 2006 – Pierpaolo_B nel 2016.

Ti senti cresciuto artisticamente parlando? Quali sono stati i cambiamenti più evidenti in questi DIECI anni di progetto musicale? Il 2016 è iniziato alla grande, cosa bolle in pentola per questo nuovo anno? Dove ti possiamo trovare prossimamente in consolle? Hai delle date o degli eventi da annunciare? 

11825674_10207747161705682_2823364489182153564_n.jpg

Si onestamente mi sento molto cresciuto artisticamente parlando, per prima cosa perché ho imparato a fare orecchie da mercante a tutti quelli che cercano di svalorizzarti e di buttarti merda addosso, perciò consiglio a tutti quelli che leggeranno questa intervista, di mettersi il paraocchi e di proseguire dritti per la propria strada. Per questo nuovo anno ci sono molti progetti in ballo, sia a livello di produzioni, sia a livello di Live Performer. Le idee sono veramente tante e anche ottime, bisognerà solo trovare la tecnica per metterle in pratica, ma ci sono già dei progetti per fare un mio  EP ed uno con tutti i produttori di Housetwo7 Records. Per quanto riguarda le serate, abbiamo in programma degli eventi con l’etichetta, e sperando in una buona notizia, insieme al mio compagno di avventure Gabriele Di Girolamo, dovremmo solcare un palco internazionale all’estero nel periodo estivo del 2016.

Volevo infine ringraziarti ancora Andrea per questa bellissima intervista che mi hai concesso e spero di poter ricambiare il favore in un futuro, vedendo crescere il tuo movimento al 100%.

Mi raccomando seguiteci il Mercoledì sera su SplitSound.

Ps: Un consiglio a tutti i lettori!
Non abbandonate mai i vostri sogni e sputate sangue per inseguirli al massimo, poi pian piano le soddisfazioni arriveranno!

Grazie mille a te per la collaborazione e in bocca al lupo per la tua carriera artistica!

FREE DOWNLOAD !!!

Andre

 

13/01/16: Wiki Mix #04 // SONNY DENJA [INTERVISTA]

13.01.16

WIKI MIX #04

SONNY DENJA

NUMERO 4

ASCOLTATE E SCARICATE IL NUOVO EPISODIO DI WIKI MIX, REALIZZATO DASONNY DENJA!

Ma prima.. Beccatevi l’intervista!

Inizio con le classiche domande di presentazione!

Chi è Sonny Denja? Quando  ti sei avvicinato all’ambiente musicale? In che modo sei riuscito a concretizzare il tuo progetto? Come mai la scelta di questo nome d’arte?

Ciao! sonny-denja-wikimix-04.jpg

Sono Sonny Denja, un ragazzo siciliano trapiantato a Milano.

La mia carriera nel mondo della musica inizia a 11 anni. Dopo aver studiato batteria, ho deciso di metter le mani sui giradischi, i Technics 1200. Ho iniziato a fare il dj per pura passione e divertimento e “suonavo” prevalentemente musica dance.  Il punto di svolta e la nasciata del progetto “Sonny Denja” è avvenuto nel 2006, anno in cui mi sono trasferito a Catania, dove ho sperimentato nuove sonorità. Mi sono avvicinato al mondo della breakbeat, della fidget e poi ho iniziato ad ascoltare le prime tracce di Diplo e dei Major Lazer.

Il nome Sonny Denja nasce per caso: SONNY è un nome ricorrente nei film di mafia italo-americani e in quel periodo ero in fissa con quel genere (Il Padrino, The Goodfellas, giusto per citarne alcuni) e DENJA è uno slang che viene molto usato nel mondo dell’hip hop e della cultura reggae.

DONER MUSIC è l’etichetta che costantemente supporta il tuo progetto musicale. In che modo sei giunto alle “porte” della DONER (etichetta del mitico Big Fish)? 

IMG_9477.jpg

Seguivo da tempo DONER MUSIC e Big Fish ed ero in contatto con alcuni artisti del roster. Max, che si occupa di management e booking, mi ha contattato per una traccia in free download per la loro Back Door (è online nel loro soundcloud! Andate e scaricatene tutti!!!). Max, dopo aver ascoltato un mio djset al Magnolia, mi ha fatto “un’offerta che non potevo rrrifiutare”, e dopo aver scambiato quattro chiacchiere anche con Fish, è iniziata la nostra collaborazione.

Durante la tua carriera artistica hai avuto l’opportunità di condividere la consolle con artisti internazionali come Steve Aoki, Crookers e molti altri. Queste sono soddisfazioni grandissime per chi come te segue questa passione, tramutata in un vero e proprio lavoro quotidiano. Racconta quali sono state le reazioni ed emozioni  che hai provato in queste magnifiche occasioni e soprattutto quali sono state le tue più grandi soddisfazioni  che ti hanno portato al proseguimento del tuo progetto. Hai progetti in serbo per questo nuovo anno? Cosa prevedi per il 2016? Con quale artista del panorama nazionale o  internazionale vorresti collaborare?  

10253851_683173185078996_859030111026966228_n.jpg

Il 2016 è iniziato alla grande! Ho già un po’ di tracce pronte che usciranno nei prossimi mesi. Vi consiglio di ascoltare attentamente tre tracce unreleased, presenti nel mixtape, delle quali vado molto fiero: la prima è Hands Up, con il featuring di Raphael, che uscirà su Doner Music. La seconda è Badman, con il featuring di Rayna, che uscirà sulla label di Tommie Sunshine, la Brooklyn Fire. La terza è Pgirl che verrà rilasciata dalla label italianaGuerilla Crew.

Lo scorso anno ho collaborato con Tommie Sunshine per un paio di tracce. Esperienza molto bella che spero si ripeterà! Tra gli artisti con cui mi piacerebbe collaborare nel 2016 c’è sicuramente Diplo, chiedo troppo?!? 😉

Come definiresti dal punto di vista musicale, un tuo Dj Set? Quali sono le tracce che non devono mai mancare ? Cosa ci si deve aspettare ad una serata con ospite SONNY DENJA? 

Durante una serata, la cosa fondamentale che deve fare un dj è far ballare e divertire la gente. Questo è quello che cerco sempre di fare. Il mio set è molto vario, anche a livello di bpm: passo da pezzi moombahton a 100 bpm fino a pezzi a 140 bpm. Le sonorità che caratterizzano i miei set sono principalemente casse distorte, suoni percussivi e richiami al mondo rap e reggae. Proprio per questo mi piace chiamare la mia musicaDENJADRUM!

Per quanto riguarda la parte di “produzione”, hai qualche artista su cui ti basi e che ti influenza maggiormente per produrre le tue tracce?

Nelle produzioni mi ispiro molto a Diplo e i Major Lazer. Seguo anche tutto ciò che viene fuori dalle produzioni di Skrillex. Un altro produttore che rappresenta un mio riferimento è sicuramente Switch.

FREE DOWNLOAD!!!

Andre

 

8/01/16: VINAI Ft. HARRISON – “SIT DOWN”

Buon Pomeriggio Regaz!

CONTINUANO A FARCI BALLARE I FRATELLI VINAI

12046837_929243570470496_4710234676810565509_n.jpg

DOPO L’ULTIMO SUCCESSO di “GET READY NOW”, E’ DISPONIBILE SU BEATPORT LA NUOVA TRACCIA, PRODOTTA  CON  IL GRANDISSIMOHARRISON (con il quale avevano già collaborato per la realizzazione  di“The Wave” nell’estate 2015).

“SIT DOWN”, PUBBLICATA SUSPINNIN’ RECORDS,  SARA’ LA NUOVA HIT DEL PANORAMA EDM INTERNAZIONALE?!

Per un’ipotetica risposta, possiamo goderci parte del loro dj set a Praga in cui viene proposto  il nuovo singolo, in grande compagnia di Harrison!

VINAI feat. HARRISON – “SIT DOWN”on Beatport:

https://pro.beatport.com/track/sit-down-extended-mix/7445723

379767_978357865559066_758684915551342614_n.jpg

VINAI:
https://www.facebook.com/vinai.official
https://twitter.com/vinaiofficial
http://instagram.com/vinaiofficial

Andre

 

21/12/15: PELUSSJE – “BOMBAY, è per noi una svolta artistica!”

Ciao amici di Andre1blog!

Vi siete ripresi dal weekend?! 

Iniziamo una nuova settimana a ritmo del nuovo singolo dei mitici PELUSSJE, famigerato duo electro Italiano del quale vi ho già parlato in molte occasioni. Sono stati i primi protagonisti del mio blog e son felice di annunciarvi che son tornati per farvi ballare con BOMBAY, traccia “fresca fresca”!

Dopo averla ascoltata in anteprima circa duecento volte, posso dirvi che è una produzione diversa dal  loro “standard” , con sonorità differenti dal solito e con un  ritmo parecchio coinvolgente anche da un punto di vista radiofonico, insomma una vera e propria  figata, prodotta in collaborazione con l’americano Eddie Lemonier. La traccia pubblicata sull’etichetta EGO, è ovviamente acquistabile su Beatport ed a breve anche su iTunes.

Non c’è bisogno che vi dica cosa dobbiate fare!  🙂

Vi posto il link per ascoltare e scaricare BOMBAY!

https://pro.beatport.com/release/bombay-feat-eddie-lemonier/1667629

“Bombay per noi rappresenta una svolta artistica importante, verso una direzione più matura e un po’ più pop (sento già arrivare gli insulti!!).  

Come sempre ci piace sperimentare nuovi suoni e questo pezzo ne è la prova, noi ne siamo innamorati!”Pelussje

12279171_10156338988670193_7941456421661193717_n.jpg

Buona settimana a tutti!

Andre

 

18/12/15: “Music To Dance Alone”- Il nuovo Ep di URAMESHI! [INTERVISTA]

Wella regaz!

Un paio di giorni fa, ho avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con un artista, direttamente dalla DONER MUSIC (etichetta discografica del grande Big Fish).

Ho il piacere di presentarvi  URAMESHI!,  dj/producer Italo-Svizzero, proveniente dallaDONER MUSIC (etichetta discografica di Big Fish). Martedì 15 Dicembre ha pubblicato il suo secondo EP, “Music To Dance Alone”,contenente  5 tracce  di genere “Sad Electronic”, un unione tra bassi e suoni elettronici rendono le sue tracce, delle bombe da NON  evitare di ascoltare! 

Quando hai iniziato a produrre? In che modo ti sei avvicinato all’ambiente musicale?  

Ho iniziato a produrre a 17 anni con un simpatico software chiamato Mixcraft e mi divertivo a scrivere i primi “pezzi” di carattere elettronico.

Hai sempre trattato questo genere  definito “fuori dagli schemi”? Come mai la scelta della “bass music” con influenze elettroniche? Al di là delle tue produzioni, qual è il genere da te più ascoltato?  

10906302_10205937236176462_5911596867101698746_n

Non considero eccessivamente fuori dagli schemi questo genere, in fondo c’é una marea di artisti che nel tempo ha dettato senza volerlo una struttura abbastanza solida. Nel momento in cui non ho più potuto continuare il lavoro con la mia band (università, ecc), e siccome il bisogno di fare musica era presente, ho trovato nell’elettronica una buona valvola di sfogo.  Ho sentito questo genere (che ha avuto il boom un paio di anni fa) come più vicino alle mie influenze precedenti, mi ci sono trovato bene quindi ho portato avanti i miei lavori in questa direzione. Oltre all’elettronica ascolto principalmente indie rock fine anni 90/prima metà 2000 e tutte le robe nuove che sono affini.

Hai un artista come “Punto di riferimento” dal quale trai consigli e influenze per la creazione delle tue tracce?

Ci sono tantissimi artisti che possono avere nel loro tipo di suono anche un solo dettaglio che mi prenda in modo particolare. Se decido di provare qualcosa nel loro stile cerco sempre di traslarlo nel “mio”. Comunque, principalmente, sono cresciuto con Dntel e i Postal Service.

Presentaci il tuo secondo Ep “Music To Dance Alone”, pubblicato sull’etichetta discografica di Big Fish (DONER MUSIC). “MUSICA PER BALLARE DA SOLO”, cosa vorresti trasmettere al tuo pubblico attraverso questo Ep? 

12308792_738305626305645_1774867073519244923_n.jpg

Music To Dance Alone è la naturale evoluzione del percorso iniziato con il precedente EP We Will Never Grow Up. Mantenendo una coerenza nelle atmosfere, ho invece cambiato direzione a livello ritmico proponendo pezzi più scanditi, perchè un giorno si possa quasi ballare sulla mia musica.

E’ un EP riflessivo e intimo da ascoltare in macchina, bici, bus e nelle passeggiate.

Dal tramonto fino a notte fonda.

Hai in serbo progetti per il nuovo anno? Qual è  il tuo obbiettivo fondamentale da raggiungere al più presto in quanto artista? Con quale artista vorresti collaborare?  

1460283_10202782569791774_2020163138_n.jpg

Voglio muovermi in diverse direzioni contemporaneamente: una con uno stampo più pop, cercare qualche feat vocale e fare un Ep di effettive canzoni. mi piace il pop e vorrei cercare di fare un prodotto più “commerciale” ma di gusto. Contemporaneamente voglio invece lavorare a un ep un po’ più per me, con molte più chitarre e dove potrei anche cantare io stesso (anche se solo qualche coro). L’obiettivo che ho é semplicemente mandare avanti questa passione. Scrivere musica per me non é una scelta, lo devo fare e basta. Visto che vorrei fare dei feat vocali mi piacerebbe da morire tentare qualche collaborazioni con cantanti della scena italiana tipo calcutta, tommaso paradiso (thegiornalisti), adele nigro (any other), anche se non credo possano essere eccessivmente interessati ad una proposta del genere.

“Music To Dance Alone” lo puoi acquistare su iTunes:            

https://itunes.apple.com/it/album/music-to-dance-alone-ep/id1063235155

URAMESHI! – SoundCloud:

URAMESHI!- YouTube:
https://www.youtube.com/watch?v=xfZYqQpvlE4

Ti ringrazio per la chiacchierata! E’ stato un piacere! In bocca al lupo per tutto!

Andre

18/11/15 : RUDEEJAY – “FROM CLUB to CLUB” [INTERVISTA]


Carissimo RUDEEJAY, iniziamo a parlare di te in quanto artista, dj e produttore Italiano. Chi è RUDEEJAY? Quando è nata la tua passione per la musica e in che modo ti sei avvicinato al “mondo della notte”?flavioefrank_rudeejay06.jpg

Rudeejay è un ragazzo di 29 anni (oppure un uomo, oramai?) che s’innamora perdutamente della musica Dance nell’estate del 1998 e si avvicina al mondo della notte nel 2000, acquistando il primo impiantino e facendo la prima gavetta nelle feste private tra amici che – tramite un semplice ma efficace passaparola – mi hanno portato ad essere chiamato come spalla di un DJ più esperto di me in un locale pubblico per quella che fu la mia prima serata da DJ in discoteca il 21 dicembre del 2002.

Ultimamente sei “Special Guest” in molti club Italiani, basta ricordare la tua scorsa estate in cui hai svolto più di sessantacinque date nei tre mesi estivi. Cosa ci si deve aspettare ad un party con RUDEEJAY come ospite (musicalmente parlando), quali caratteristiche ha un tuo Dj Set? Che genere tratti solitamente? Com’è il tuo rapporto con il pubblico?  

10696238_10152631524470659_5768706103957798972_n

Il mio DJ Set è come secondo me ogni DJ Set dovrebbe essere: il DJ deve giocare con la musica, trasmettendo il proprio amore per essa e permettendo così di far ballare con partecipazione il proprio pubblico. Metto quello che secondo me è necessario mettere una volta che ho capito chi ho davanti: dopotutto, la gente è la tua priorità se vuoi fare questo mestiere.

I bootleg e i mash-up da te creati/suonati anche durante i Live Set delle  serate, ti rendono un’artista originale ma soprattutto talentuoso. Hai ricevuto molti complimenti e  ottimi risultati attraverso queste tue creazioni. Come hai reagito al fatto che parecchi tuoi bootleg/mash-up siano stati suonati e supportati ad  altri eventi importanti, come ad esempio Laidback Luke  che ha messo la tua versione con Andry J di Kiesza “Hideaway” durante il “tomorrowland 2015”? 

Sono rimasto sorpreso sicuramente, arrivare ad ascoltarsi in un evento come il Tomorrowland attraverso un Bootleg e non una produzione ufficiale è ad oggi la mia più grande soddisfazione “discografica”: viceversa, un risultato di questo tipo dovrebbe invitarci a riflettere definitivamente su come il mercato delle produzioni sia cambiato, e della forza dei Social Network rispetto alle etichette.


Parlando sempre dell’estate 2015, il 5 Luglio hai aperto insieme ad altri artisti, il concerto di Lorenzo Jovanotti Cherubini allo “Stadio Artemio Franchi” di Firenze. Racconta al tuo pubblico, questa magnifica esperienza e in che modo hai affrontato il tutto 🙂 

11143496_10153314802280659_897913631933175794_n

Ho affrontato tutto pensando al pubblico che mi sarei trovato davanti, come sempre: per questo, ho eseguito un Set che fosse un punto d’incontro fra me e quello che secondo me poteva apprezzare un ascoltatore medio di Lorenzo.

E così, su quel palco c’ho portato la mia vita e l’ho trasformata in musica… 🙂

Quali sono state le più grandi soddisfazioni nella tua carriera artistica? Ovviamente oltre alle due precedenti citate. Quando hai capito che questa doveva essere la tua professione? Quali consigli ti senti di dare a tutte le persone che tentano di raggiungere questi obbiettivi? flavioefrank_rudeejay02.jpg

Una enorme fu nell’estate del 2008 quando realizzai la mia prima produzione discografica, Omonimo feat. Simone Jay “Wanna B Like A Man”, che venne scartata da buona parte delle etichette a cui la proposi e alla fine, quando uscì nei negozi, divenne una delle tracce protagoniste di quei mesi in Italia – finendo persino nell’allora ambitissima “Hit Mania Estate” compilation! Ho capito che questa sarebbe stata la mia professione nel 2005, appena terminata la scuola dell’obbligo e cominciata la carriera universitaria, abbandonata in un paio di mesi a seguito di una chiamata da parte di una radio locale per seguirne il palinsesto Dance. Il mio consiglio spassionato resta sempre e solo uno: lavorare duramente, tutto il giorno – tutti i giorni. I risultati, quelli veri, arrivano soltanto così!

Parlando invece delle tue produzioni, circa quattro mesi fa hai pubblicato “SUPERMASH” (Time Records), con cui hai ottenuto ottimi risultati e riscontri positivi. Come nasce una tua traccia? Solitamente hai un artista nazionale o internazionale al quale fai riferimento? Come mai la scelta dell’elettronica per questa traccia? 

t269988821-i1005617259_s400“Supermash” nasce dalla volontà di realizzare un Mash-Up che potesse uscire nei negozi di musica poiché l’arte del Mash-Up è un po’ diventato il mio biglietto da visita nel mercato da diversi anni. Non faccio riferimento a nessuno, anzi, solitamente ogni mia produzione discografica tenta di avere un suono tutto suo, ma con “Supermash” cercavo qualcosa di immediato per il mio pubblico, quello delle discoteche, e di conseguenza la scelta di puntare alla musica EDM “Bounce” è stata la più ovvia.

Hai qualche nuova data da annunciare ai tuoi fans che ti seguono da tutta Italia? Invece per quanto riguarda l’ambito di “produzione”, hai qualche anticipazione? Con quale artista italiano/internazionale vorresti collaborare (cantante//produttore) e perchè?

Ho la fortuna di lavorare ogni weekend in tutta Italia, quindi basta seguirmi ogni inizio settimana sulla mia Pagina Facebook: www.facebook.com/rudeejay per scoprire dove sarò pochi giorni dopo! Sono in arrivo tantissime nuove produzioni, collaborazioni con DJs from Mars, Da Brozz, Andry J ed altri ancora… Ma vorrei realizzare una traccia coi Disclosure, perché sono il mio gruppo preferito – e non avevo un gruppo preferito dai tempi delle medie!

Ringrazio Rudeejay per l’intervista e per la disponibilità!  

Laurent Wolf – No Stress (Rudeejay & Andry J vs. Street Housers 2K16 Mix)  // Free Download :

https://www.facebook.com/rudeejay/?fref=ts

Andre

 

9/11/15 : Manuel Rotondo e Shana Dee [Back To Techno] X Andre1blog

Buonasera raga!

Oggi giornatone! Dopo l’intervista a Lady Violet ho ricevuto un regalo, parecchio figo!

Manuel Rotondo e Shana Dee, hanno pubblicato un DjSet Techno in esclusiva per il mio blog, ovviamente  in FREE DOWNLOAD !! 12231419_10207775165959867_1420728863_n

Quindi? Che fate? Non lo ascoltate? Non lo scaricate? 

” Vi portiamo a volare con noi! ” 

Manuel Rotondo e Shana Dee – “Back To Techno” // Free Download :

Manuel Rotondo : www.facebook.com/manuel.rotondo/?fref=ts
Shana Dee : www.facebook.com/shanadeeofficial/?fref=ts

Andre

 

9/11/15 : Lady Violet Dj “Ci vediamo sotto la consolle” [INTERVISTA]


Chi è Lady Violet Dj ? Racconta com’è nata la tua passione per la consolle e come si è evoluta col passare degli anni. 8

Ciao a tutti ! Mi chiamo Ilaria e da ormai quasi dieci anni la notte vesto i panni di Lady Violet dj. Ho iniziato quando esistevano pochissime female djs, quando non erano tutti dj, quando non si suonava con le chiavette usb e quando andava di moda la musica Rock e derivati. Io nasco come dj rock-nu metal e devo tutto a Davide Mozzanica, il padre del rock a Milano, che ha iniziato a farmi suonare nei suoi club, (all’epoca Aquatica, Zoe Club e nei locali franchising Rock’n’Roll).

Come mai la scelta del nome d’arte  “Lady Violet”? 

3

Il nome Violet viene dalla mia passione per il colore viola che è l’incontro/scontro di due estremi: il rosso che è passione, l’irruenza, il fuoco e il blu, che rappresenta la parte più introspettiva e notturna, misteriosa. Il viola perciò è il colore del cambiamento, della trasformazione ed è carico di significati simbolici molto forti. Per questi Violet é sempre stato un nickname in cui mi sono sempre riconosciuta. Il resto lo ha aggiunto un caro amico, organizzatore di serate in Toscana, dove spesso andavo a suonare in quegli anni, che ha scritto su un flyer Lady Violet Dj, da quel giorno quello sarebbe stato il mio nome d’arte.

Dal 2006 al 2015, quali sono state le tue più grandi soddisfazioni che ti hanno “incentivato” nel proseguire questo tuo lavoro nato quasi per “divertimento”? 

4

E’ vero, è partito tutto un po’ per gioco e, pian piano, sono cresciuta, sono aumentati gli ingaggi, il range dei locali si è allargato e ho avuto la fortuna di viaggiare tanto e metter musica nei locali più belli d’Italia. Mi sento fortunata e onorata di poter svolgere un lavoro che amo, essere sempre a contatto con la musica e poter far divertire le persone. A degli occhi poco attenti potrebbe sembrare cosa di poco conto, ma per me è fonte di soddisfazione poter regalare qualche ora di svago dove le persone si lasciano andare, ballano, sudano, si innamorano e dimenticano i loro problemi. Credo proprio che continuerò a fare questo mestiere finché continuerò ad emozionarmi e a divertirmi come una matta. Questo è l’incentivo più forte per me.

Ovviamente parlando con te, non posso che non chiederti della tua crew, TRASHICK (composta anche da VANILLE, DUKE ed I AM ORKID) . Innanzitutto vi faccio i miei più grandi complimenti perchè col passare degli anni avete creato un PARTY unico e soprattutto originale a Milano ma non solo, viste le vostre precedenti e future trasferte in giro per l’Italia. Racconta brevemente com’è nata questa crew, in che modo dividete il vostro lavoro per organizzare i vostri party e soprattutto come avviene la scelta del tema della serata.

Un pomeriggio di fine Febbraio  2010 è arrivata la telefonata dove mi veniva chiesto di creare un progetto nuovo, ho subito coinvolto i miei due fidati compagni di avventure: Vanille (con cui suonavo già in coppia in un duo djs chiamato La Trasheriahttp://www.facebook.com/latrasheria) e Steph Orkid (http://www.facebook.com/iamorkid con cui conducevo un programma radiofonico indie Soundsick ). 1

Con l’apporto grafico di Duke, che poi sarebbe entrato a fare parte della scuderia Trashick, nasce un prodotto che è imbastito su una idea precisa: fare feste a tema innovative e riportare a galla la musica che tutti ricordiamo ma che non ascoltiamo più da anni, la musica che ci fa ridere, che ci apre file di memoria e ci fa sorridere, la musica trash senza limiti di genere ed etichette. Oggi sono passati quasi 6 anni e ci siamo evoluti parecchio, ora facciamo feste grandi: grandi come numeri di partecipanti, come locali che ci ospitano, come allestimenti, scenografie, nostri costumi e travestimenti.

12195784_10154381451164041_7180537134797921738_nSiamo in 4 ed è come avere una famiglia, ci sentiamo un po’ una band, ognuno di noi ha un lavoro diurno che aiuta la buona riuscita delle serate: io mi occupo di tutta la parte visuale foto e video, Luca Duke è un’illustratore e grafico bravissimo che è l’autore di tutti i nostri loghi e flyer, Stefano è un fonico e produttore musicale che cura remixes,mash-up, intro etc.. e si occupa anche di tutta la parte social, Valentina è una Make-up Artist e costumista ed è quella che si occupa di allestimenti e costumi. Noi 4 siamo amici prima di tutto e ci troviamo tutte le settimane per fare riunioni e cene dove buttiamo giù idee, giriamo video trailer, organizziamo il da farsi. Tra noi si crea un’atmosfera creativa molto bella: possiamo davvero mettere in pratica ogni nostra fantasia, tutto quello che avremmo voluto vivere da clienti di Club ma a cui nessuno ha mai pensato. Puntiamo a fare sempre meglio, non vogliamo copiare quello che già esiste nel panorama del nightclubbing, e vogliamo farlo sempre alla nostra maniera Trashick!

Oltre la passione per la vita notturna, dato il tuo lavoro da dj, ho scoperto che ti dedichi anche alla fotografia. Ti viene semplice congiungere questi due lavori? 5

Bella domanda Andre! La mia vita è sempre frenetica, lavoro tutti i giorni, dormo molto poco e cerco di coniugare le mie professioni al meglio. Sono una fotografa e videomaker, ho un studio fotografico a Milano e sono laureata in Comunicazione Interculturale. Il mio secondo lavoro da dj è nato e rimane un secondo lavoro proprio per quello che ti dicevo poco prima: non voglio usare la musica per mantenermi, altrimenti mi conosco, perderei all’istante il divertimento e si rovinerebbe tutto. Voglio continuare ad essere libera di scegliere le serate a cui partecipare, la musica da suonare e le persone con cui lavorare.

Negli ultimi mesi, non hai condiviso la consolle solo nei club o nelle più grandi discoteche italiane ma ho visto che hai suonato anche a Berlino. Com’è andata questa esperienza all’estero? E’ stata la prima data non in Italia? Raccontaci. 

1658336_711008882273208_550447397_o

Sto viaggiando parecchio in Italia e anche all’estero, proprio il mese scorso ho messo i dischi ad un grosso evento a Station Berlin, una location pazzesca di Berlino. E’ stato emozionante ed è andata molto bene, poi adoro quella città, ho molti ricordi legati a quel posto e appena posso ci torno volentieri, figuratevi a “suonare”!

Ultimamente sei sempre in viaggio, tra un paese e l’altro, tra un dj set e l’altro, sei stata anche ad un evento all’EXPO e soprattutto il 22 Settembre hai suonato a Milano (Silent Disco party) in occasione della MTV MUSIC WEEK (road to EMA 2015) insieme a Calamity  Jade , Manuel Rotondo  e Mark and Kremont. Come hai vissuto queste esperienze? Avresti mai immaginato di suonare ad eventi di tale importanza?  Soprattutto qual è stata la tua reazione quando ti è stato detto che avresti dovuto partecipare alla serata per Mtv? 

2E’ un momento magico e dorato della mia vita, mi stanno capitando delle occasioni molto importanti! Mi piace pensare che sia il tempo della raccolta dopo tanto seminare che faccio costantemente da anni. L’esperienza in Expo è stata interessante e ho potuto vivere questa realtà così importante per la mia città da un punto di vista diverso, dall’interno. Anche la Silent Disco per gli MTV EMA è stata una cosa pazzesca, ho vissuto una settimana di delirio puro che è culminato nel djset per strada, su un balcone di via Corsico sui Navigli.
Era la prima volta dove mi misuravo con una Silent Disco ed è stato molto divertente!

Hai qualche progetto che attuerai prossimamente? Dove possiamo trovarti a mettere i dischi nelle prossime settimane? Hai altre serate insieme alla tua crew TRASHICK?  7

I prossimi mesi saranno belli pieni di serate su Milano e anche fuori città, tra cui Trashick  il 14 Novembre e il 12 Dicembre al Circolo Magnolia, il 7/11 a Reggio Emilia, il 21 Novembre a Pistoia, il 25 Dicembre festeggeremo Natale a Torino, etc..

Ci saranno anche parecchi eventi pre-natalizi e aziendali. Andrò a mettere musica in Veneto per Ralph Lauren e per Diesel e a Capodanno sarò aPalermo con Steph Orkid ospite di una serata trash pazzesca, molto famosa in Sicilia. Non vedo l’ora!

Vi consiglio di dare un’occhiata alla mia pagina fb e a quella di Trashick, dove ci sono sempre tutti gli eventi aggiornati..

(www.facebook.com/ladyvioletdiggei // http://www.facebook.com/trashick).

“Grazie Andre per questa bella intervista, forse sono stata un po’ lunga nei racconti, spero di non avervi annoiato!”

Ci vediamo sotto la consolle!

V.

2/11/15 : MARTI STONE – “N.E.M.I.C.A.” [Prod. Damianito From TopDj]

Finito il weekend raga?!  Buon inizio settimana a tutti!

Vi ricordate di Marti Stone?  12170246_880703905381389_2134870383_n

Due giorni fa ha pubblicato una nuova hit, “N.E.M.I.C.A.“, prodotta da Damianito , Dj e Producer direttamente dal programma “TOP DJ“.

N.E.M.I.C.A. ” è una dichiarazione d’amore. È un addio alle parti di te che perdi per acquisirne altre crescendo. La scelta di non reppare ma di cantare ne è simbolo. Non importa chi sei ma chi diventi, basta che dimentichi cio’ che eri per far spazio a chi sarai. Oggi che hai più di 20 occhi aperti nei confronti del mondo e trovi sempre piu difficoltà a fidarti e a creare legami, pur volendo bene ai tuoi amici finisci sempre per scazzare perché odi l’ipocrisia dei rapporti e preferisci essere una vera nemica invece che una finta amica. E tu non sai che ti perdi, nel senso che non sai a cosa rinunci, non sai che potresti perderti, non sai cosa lascerai dietro di te…”

Per voi :

N.E.M.I.C.A” in FREE DOWNLOAD:

Buona giornata!

Andre

 

26/10/15 : Helèna – “I nuovi progetti dopo i Bootcamp di X-Factor 9” [INTERVISTA]

Buon inizio settimana a tutti!

Ho avuto il piacere di intervistare Ilenia Filippo aka Helèna, giovane ragazza Calabrese che coltiva la sua passione sin dalla giovane età. A settembre ha partecipato ai Bootcamp di X-Factor 9, emozionando e conquistando in particolar modo due dei quattro giudici, Skin Skinny e Fedez. Un’esperienza piena di “colpi di scena”, ma che ha insegnato molto alla nostra artista (accompagnata dal fratello Diego).

Non vi anticipo nulla, a voi la sua intervista 🙂

Chi è Helèna?  2

Ilenia, 21 anni, vivo a San Lucido (CS).  Studio Legge all’Università di Bologna e nel frattempo coltivo un progetto musicale con mio fratello Diego, musicista poliedrico e polistrumentista, maturando al Liceo Artistico.

 

Helèna, incomincio l’intervista chiedendoti com’è nata la tua passione per la musica e in che modo hai deciso di iniziare questo tuo progetto che include la collaborazione con tuo fratello Diego. 

12140691_1706824536213419_6501770206287098019_n

Veniamo da una famiglia di musicisti e cantautori. In particolare nostro padre Renato, che suona diversi strumenti e scrive brani folk, ci ha sempre incentivati : ho studiato canto leggero sin da piccola e le basi di piano e chitarra. Così mio fratello, che suona dall’armonica a bocca al piano, dalla fisarmonica d’orchestra alla chitarra elettrica e classica.

Parliamo di “Twice” e “La La Life” (le tue due uscite inerenti al 2013- 2014 ), raccontaci brevemente la nascita di queste due favolose tracce e quali sono state le  “tappe” per la creazione di  queste. 

Grazie per i complimenti! “Twice” è nata in un pomeriggio d’estate qualunque quasi completa del suo ritornello ed io ho spronato Diego a farne una canzone vera e propria, con la collaborazione di Francesco Cavaliere e Pierfrancesco Bosco. E cosi nasce la nostra avventura, dove Helèna era inizialmente il mio nome d’arte e poi abbiamo deciso di farne il contenitore di tutto quello che creiamo e di chi intorno a noi ci aiuta.

“La la Life” era un motivetto che ci girava in testa da un bel pò. La prima “tappa” è la decisione di portare avanti questo piuttosto che qualcos’altro. Poi la stesura di un’idea completa della struttura del brano,infine il testo,  che solitamente curo io collaborando a volte con Pierfrancesco Bosco e Stefania Labate. Diego cura invece ogni singola scelta dell’arrangiamento. I video sono realizzati dal registra Karim D. El Otmani.

Cosa vuoi trasmettere al pubblico attraverso le tue canzoni? Come mai la scelta (attuale o  meno) di trattare testi in Inglese?  

1798637_1447254635503745_932947660_nTutti ci dicono che trasmettiamo un pò di “magia” unita ad un’autentica dolcezza. Credo che infondo sia proprio questo quello che vogliamo fare. Io ho tanto dentro quando salgo sul palco. Ho imparato a controllarmi, per non essere in balia delle mie emozioni. La scelta di fare musica in inglese era per rimanere fedeli ad un genere forse più di respiro internazionale. Siamo felici di dire però che per il grande progetto che portiamo avanti, stiamo scrivendo e ri-scrivendo molti brani in italiano.

Il tuo modo di cantare e di interpretare i tuoi brani, emoziona molte persone. Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni dal 2013 ad ora? Cosa rappresenta per te la musica, in particolar modo la TUA?   

10891874_1590634487832425_2462293742887377240_nTi ringrazio. La soddisfazione in assoluto più importante è il giudizio quasi unanime di chi ci ascolta e ci scrive,raccontandoci quanto di bello gli abbiamo trasmesso. Sapere che qualcuno ha i tuoi brani nel suo iPod non ha prezzo. Poi ci sono le interviste su il Giornale, le TV e le radio che chiedono la tua o vogliono far girare la tua musica. C’è stata la finale di Next Generation Italia su Sky nel marzo/aprile 2014 e quest’estate la vittoria di una tappa del POV Music Contest, concorso nazionale per musica d’autore. E infine X-Factor. Comunque sia andata, l’abbiamo spuntata su 58mila aspiranti e la viviamo come una conferma. La musica che facciamo è un pò un modo di esprimersi al 100% , con la fantasia e la semplicità che sentiamo da sempre e che ci dicono riusciamo a realizzare.

Dopo tanti sacrifici sei arrivata nei mesi scorsi (Settembre 2015) ai Bootcamp di X-Factor 9 insieme a tuo fratello Diego. Siete stati molto apprezzati dal pubblico e dai giudici, anche se con parecchi “colpi di scena”. Com’è stata per te/voi questa esperienza? 

5Racconta al pubblico in che modo hai affrontato questo periodo e soprattutto cosa ti ha insegnato. Ovviamente non posso che non citare la magnifica Skin Skinny che ha creduto in te fin dal primo momento anche se poi verso la fine, ha preso decisioni diverse da quelle iniziali.

 

Cosa pensi di Skin? Quali emozioni ti ha trasmesso?

Non ho mai negato la nostra gioia. Già alla prima audizione. Per chi affronta gli interminabili provini di questo genere di show, essere richiamati fra i 140 che potranno farsi ascoltare dai giudici è un grandissima soddisfazione. Poi quando sei li capisci che ricevi tanto ma dando in cambio tantissimo . Il tutto è molto idealizzato e  in realtà richiede un enorme sforzo. E’ un’esperienza che ti tempra. Non puoi affrontare quel palco senza aver una solida esperienza e allo stesso tempo ti sembra di cominciare da zero e quando ne esci puoi davvero affrontare di tutto. La tensione e lo stress sono a livelli esagerati e il tutto è frutto di duro lavoro. I talent sono un punto di partenza,in tutti i sensi. Le cose  belle che ci ha detto Fedez e il grande gesto di Skin restano grandi conferme. Anche quanto di contraddittorio è avvenuto dopo, cela grandi verità che molti hanno percepito. In privato Skin mi ha detto cose bellissime, che potevo solo sognare. So che lei crede in me. E’ una donna forte e molto materna, oltre ad essere un’incredibile comunicatrice. Le devo molto.

Ora stai vivendo in una “nuova realtà”. E’ un periodo particolare per te? Hai dei progetti futuri o che a breve pubblicherai? (Anticipazioni) Hai qualche data importante da annunciare ai tuoi fans? 

10360758_1610472985848575_5380658904538255167_nE’ un periodo splendido, non avevo idea di cosa volesse dire essere riconosciuti per strada e sentire l’affetto del pubblico. Non credevamo che in tanti si sarebbero dichiarati “fan”. E vogliamo rassicurare tutti : X Factor è una vetrina..per noi lo è stata. Ci ha portato bene e stiamo lavorando per un grande palco e forse un disco. Avremo nelle prossime settimane date a Milano e Pesaro. E’ tutto bellissimo e lo dobbiamo a chi ci sostiene.

Ringrazio Helèna per la sua disponibilità. In bocca al lupo 🙂

Contatti: 

Helèna Official Fb Page : https://www.facebook.com/helenaofficialpage/info/

Helèna Official YouTube : http://www.youtube.com/user/CullenIly

Helèna Official site : http://www.helena-ileniafilippo.it/

Helèna Official Twitter : https://twitter.com/ileniafilippo

Andre

13/10/15 : Matthew S – “MTV BEST NEW GENERATION ELECTRO” (INTERVISTA)

Buon pomeriggio a tutti.

Oggi vi pubblico l’intervista di Matthew S, Dj / Producer che ha ricevuto il premio“BEST NEW GENERATION ELECTRO” agli MTV DIGITAL DAYS 2015

Buona lettura!!  6

Chi è Matthew S ?
Matthew S è un Dj, live performer e docente di Ableton, Live Performer e DJ presso L’istituto Musicale Veneto.

Come e quando è nata la passione per la consolle?

L’amore per la consolle è nata quando avevo 16 anni, una mia compagna di classe mi disse che cercavano Dj da inserire in un locale vicino casa mia, lì scattò l’amore a prima vista per la consolle.

10428088_10155200262285475_1965253829356488833_n

Quali sono stati i tuoi progetti iniziali e significativi che hanno portato agli ultimi periodi molto soddisfacenti nella tua carriera artistica? Quando hai capito che il tuo progetto stava iniziando a prendere il “piede giusto” ?

Diciamo che i primi progetti iniziali furono solo delle prove, ho sperimentato moltissimo, dalla lounge, alla deep, per poi arrivare alla musica elettronica. L’ultimo progetto “Call me by your name” in collaborazionie con Von Felthen (fashion Designer) è stato una svolta. Se ascolti l’album, puoi sentire la musica elettronica con più sfacettature, questo a molti addetti ai lavori è piaciuto. Dopo un mese dalla release dell’album ho ricevuto moltissime email e moltissime proposte di collaborazione per vari progetti musicali con artisti italiani e non. Secondo il mio punto di vista, un progetto deve essere originale per essere notato!

Nel 2015 hai prodotto il primo album in collaborazione con Von Felthen (fashion designer), dal titolo “Call Me By Your Name”. Si tratta di un mix di suoni trasversali e manipolati, in bilico tra sinuosi ritmi electro e suadenti atmosfere ambient music. Com’è nata questa collaborazione? (racconta brevemente come hai affrontato questo tipo di produzione). 

L’album “Call me by your name” è nato da un messaggio vocale da whatsapp. Stano ma vero! Emoticon smile Una mattina in studio, presi il file audio, lo campionai su Ableton e da lì nascque il primo progetto “Relax”. Un’etichetta da L.A mi scrisse, dicendomi che era molto interessata al progetto, ma voleva 40 minuti di audio, per creare un album su musicassette, “a L.A va molto di moda la musicassetta”. Dopo un paio di settimane, inviai tutte le altre prosuzioni, non anvendo mai ricevuto nessuna risposta da loro, ci siamo rimboccati le maniche e ci siamo arrangiati.

Arriviamo a Settembre 2015. Dopo esser stato nominato agli MTV DIGITAL DAYS nella categoria “Best New Generation Electro”, hai vinto il premio a questo evento di Mtv (presso la Reggia di Monza), grazie a coloro che ti hanno supportato e votato costantemente! Cosa vuoi dire a tutti i tuoi supporters? Racconta come hai vissuto questa esperienza e se grazie a ciò hai già ottenuto dei cambiamenti piuttosto che novità nel tuo progetto.  

11998809_10152938878597693_4963668458141740389_nOvviamente ringrazio tutte le persone che mi hanno supportato, dai ragazzi di This (http://thispce.com) a tutte le persone che per strada mi continuavano a fermare dicendomi “Guarda che oggi ti ho votato”Emoticon smile fino ad arrivare allo staff di SKIOmusic (https://skiomusic.com/ ) che mi ha supportato in questi ultimi mesi.

L’esperienza alla reggia di monza l’ho vissuta Benissimo! Ho conosciuto persone fantastiche, dai ragazzi di MTV, a tutta la crew che mi ha accompagnato ai Digital Days.
Nuovi progetti? Si ovvio! Anticipazioni? Per adesso posso dire che ho già iniziato a lavorare per delle releases.

Parlando di party, cosa ci si deve aspettare da una serata con ospite Matthew S? Hai delle date in programma da annunciare? 

7Con Matthew S? Musica Alternativa con un tocco eclettico. La prissima data sarà gli MTV music week, Via Corsico (zona Navigli).

Chi ti segue può notare che i tuoi , sono dei Live Set particolari. Racconta come è nata l’idea di suonare live, con strumenti come Ableton Push e il Livid Ds1 (non è da tutti, diciamolo ahahah). 

L’idea di suonare live è nata qualche anno fa quando durante un corso di aggiornamento di Ableton mi presentarono il nuovo controller “Ableton push”, con questo, puoi fare qualsiasi cosa, non si ha limiti alla fantasia! In accoppiata con Ableton Push comprai il controller della Livid, il Ds1. Posso solo dire che ogni giorno che li uso insieme scopro sempre cose nuove, come potrai vedere nel mio canale Youtube.

MATTHEW S nel 2006 – MATTHEW S nel 2015 ti senti cresciuto artisticamente parlando? Hai sempre trattato il genere electro sin dall’inizio? Come mai la scelta di questo genere musicale? Hai delle influenze da parte di qualche produttore italiano/internazionale? 

1962602_10153908247265475_470045882_nArtisticamente parlando si! Sicuramente adesso tutte le mie produzioni, i miei set, sono molto più maturi rispetto a qualche anno fa! Il Genere “Electro” l’ho sempre trattato, in questi ultimi anni però ci sono stati dei lavori più sulla ricerca di suoni elettronici e più eleclettici.
“La scelta di focalizzarmi sulla musica elettronica è data dal poter accostare qualsiasi genere musicale ad essa.”
Da quando ho iniziato a seguire questo genere sono stati molti gli artisti che mi hanno influenzato. Quelli che mi hanno davvero illuminato sono, però, Modeselektor, Royksopp,Kraftwerk fino ad arrivare a Ta-Ku e Flying Lotus. La loro musica mi ha ispirato moltissimo.

Contatti:

Fb Official Page : https://www.facebook.com/OFFICIALMATTHEWS?fref=ts

YouTube : https://www.youtube.com/user/MrMatthewESS

SoundCloud : https://soundcloud.com/matthew_s_official

http://matthewess.com/

Ringrazio Matthew S per la sua disponibilità e in bocca al lupo!

Andre

 

29/09/15 : BIG FISH – “Divertitevi e non siate fan del successo” (INTERVISTA)

Buon pomeriggio!

Oggi vi posto una breve intervista che ho fatto ad un dj/producer molto importante nella scena!

Dopo aver collaborato con artisti come Emis Killa, Nesli, Fabri Fibra, Caparezza e molti altri, il primo Settembre ha pubblicato il suo nuovo Ep “Midnight Express” (che comprende due tracce bomba) sotto l’etichetta discografica di Diplo (“Mad Decent”).
A VOI, LA MIA INTERVISTA a BIG FISH!

Presentaci il tuo nuovo Ep “Midnight Express” (che comprende due tracce), che hai pubblicato una decina di giorni fa, sotto l’etichetta discografica “Mad Decent” di Diplo. Com’è nata questa collaborazione con “Mad Decent”? 

11218226_10153319742743113_4781251481527814038_n

Ciao, é nato tutto in maniera molto naturale. Ho fatto due pezzi un po’ diversi da quello che c’è in giro in questo momento e loro da bravi trendsetter se ne sono innamorati.

Torniamo indietro nel tempo (2004) . Come mai la scelta di creare una tua Label (DONER MUSIC)?  

http://www.donermusic.it/

Uscivo dal periodo dei Sottotono e avevo finito il mio primo disco da solista “Robe Grosse”. Mi serviva un etichetta e stanco di tutte le major mi sono aperto Doner.

Big Fish nel 1994 – Big Fish nel 2015. Tanti cambiamenti e tante novità dal punto di vista delle tue produzioni, si può notare anche una piccola svolta nel genere, attraverso questo nuovo Ep. E’ solo ‘ un’impressione o è realmente così? 

302816_10151227435063113_792457191_n

Beh, è palese il cambio di genere! Alle fine ho scelto di fare la musica che mi piace, non curandomi di quello che pensa la gente. Purtroppo i produttori in Italia hanno paura di osare… è così bello farlo!

Quali sono state le tue più grandi soddisfazioni in campo musicale? Cosa NON rifaresti nella tua carriera da Dj/ Producer?  Dopo l’uscita di “Midnight Express” hai in programma altri progetti o collaborazioni da attuare e sviluppare?  

Sono fiero di tutte le cose che ho fatto. Forse non rimarrei legato alla scena musicale Italiana, come ho fatto per tanto tempo. Io continuo a fare pezzi, mi diverto e spero che piacciano. Non ho programmato nulla di cui ti posso parlare al momento

Un party con ospite : BIG FISH, che tipo di serata dovrei aspettarmi musicalmente parlando? Come si presenta una serata con te come ospite nel locale?

Una serata di bass music eterogenea . Diciamo che metterei bass music a 360 gradi, dalla uk grime alla trap/twerk alla garage.

Quali sono i consigli che vuoi dare a coloro che sono agli inizi di questa professione?

Divertitevi e non siate fan del successo, cercate di essere fan della musica!

Scarica e ascolta “Midnight Express” :

Ringrazio Big Fish per la sua collaborazione e disponibilità!

Andre

 

7/09/15 : “Paradise”, il nuovo singolo di LUCA GUERRIERI (INTERVISTA)

Ciao a tutti raga, ho avuto l’occasione di fare due chiacchere con LUCA GUERRIERI, Dj / Producer che dalla Toscana sta facendo ballare molte regioni Italiane e non solo.

11083928_10153126904404035_2768524985806542531_n

Non vi anticipo nulla, leggetevi la sua intervista, ascoltatevi e scaricatevi il suo nuovo singolo “PARADISE” fresco fresco, disponibile in esclusiva su Beatport.

Chi è Luca Giacomelli aka Luca Guerrieri? 11060282_10153315291479035_1769442846717544490_n

Luca Giacomelli è un ragioniere di una piccola cittadina che si affaccia sul mare della toscana. Il mio progetto è iniziato tutto per scherzo e dopo qualche anno ho dovuto abbandonare il lavoro che facevo di giorno per dedicarmi a pieno sulla professione notturna.Dopo qualche anno che suonavo in giro per i club locali, ho iniziato a sentire l’esigenza di inserire nel dj set qualcosa di diverso da quello che riuscivo a trovare nei negozi di dischi e da li a poco mi sono comprato un computer ed ho fatto un corso per imparare ad usare “cubase”.  In seguito sono arrivati i primi bootleg e poi le prime idee originali, tra cui Introspect, Last Chance, Sunshine, Fly Away e molte altre, fino ad arrivare ad Harmony.

Com’è nata la hit “Harmony”? 

Harmony è nata alla fine dell’estate 2014, un periodo molto duro per me..un sacco di problemi familiari che poi purtroppo si sono risolti con la scomparsa di una delle persone più importanti della mia vita. Dopo questa batosta in un giorno di Settembre a casa sul mio divano con il mio laptop ho scritto Harmony, ed ho capito da subito che sarebbe stato un disco che mi avrebbe cambiato la vita.

Parliamo della collaborazione con Federico Scavo per la realizzazione di “Strump”. Com’è nata?  

11870729_10153495272734035_4079139240788831265_nCon Fede collaboriamo ormai da 10 anni, ed ogni settimana ci troviamo per buttare giù idee. Un giorno arriva in studio e mi fischietta il motivo di Strump dicendo, “vorrei fare un disco che fa cosi” e poco dopo eravamo li con il trombettista ad incidere la melodia.

Com’è nato il contratto con l’etichetta discografica “d:vision”?  

11892117_10153542541619035_984718838951757270_n

Con loro collaboravo anche prima di Harmony, e quando Pete Tong l’ha suonato, iniziarono ad arrivarmi offerte da tutte le parti, non ho avuto dubbi ed ho scelto la D:vision.

Quale sono state le soddisfazioni piu’ grandi durante la tua carriera artistica?

Le soddisfazioni più grandi sono state quelle di poter dividere la consolle con quelli che erano i miei miti, uno su tutti Frankie Knuckles.

Luca Guerrieri sei anni fa: ti senti cresciuto artisticamente parlando? Ci sono progetti per il futuro? Puoi anticipare qualcosa ai nostri amici che ti seguono? Hai qualche data in programma? 

Penso di si, ma non devi domandarlo a me 🙂 per il futuro ci sono tantissimi progetti, tra quelli più impellenti un remix per un grande artista del momento. Sto aspettando in queste ore notizie più precise, ma ci dovremmo essere. Insieme al mio management stiamo buttando giù delle date per l’autunno, e oltre a delle riconferme come il Circus di Brescia, ci saranno anche nuove realtà soprattutto al Sud.

“Entro in un locale, leggo che come special guest c’è LUCA GUERRIERI”, cosa dovrei aspettarmi da questa serata? 

11873645_10153529595224035_7805948757607093821_n

Ogni serata che faccio è un storia a se. Cerco sempre di far divertire chi ho davanti naturalmente senza snaturare troppo il mio dj set, ma l’obiettivo primario rimane quello di passare una piacevole serata insieme.

Che consiglio ti senti di dare a tutti quei ragazzi che come te, vogliono realizzarsi in questo campo?

Lavoro, lavoro, lavoro e “pochi discorsi”. Il tempo che si impiega a stare su Facebook a scrivere di quello o di quell’altro o a spiegare che il mondo è ingiusto e che lavorano sempre i soliti o che se suoni commerciale sei sfigato ed invece se suoni house sei cool (chi avrà poi le scettro del potere per decidere cosa è cool e cosa no..), per favore questo tempo passatelo a lavorare per la vostra professione! cercare di stupire con il prodotto e non con i post, questa cosa prima o poi finirà, ma la musica non finirà mai.

Presentaci io tuo nuovo singolo “PARADISE”, in uscita oggi su tutti i digital stores.11986597_10153563050779035_5014890025951081330_n

Paradise mi ricorda i periodi di quando avevo poco più che la patente ed andavo a ballare in giro per la Toscana alle serate più alternative. Ho cercato di riprodurre una melodia epica molto accattivante sopra ad un groove house e una bass line molto acid. Spero che vi piaccia.

Scarica PARADISE in esclusiva suBeatport :

https://pro.beatport.com/track/paradise-original-mix/6963632

Contatti : Luca Guerrieri Official Fb Page : https://www.facebook.com/djlucaguerrieri?fref=ts

Official Twitter : https://twitter.com/LucaGuerrieri

Official SoundCloud : https://soundcloud.com/luca-guerrieri

Official YouTube : https://www.youtube.com/user/LucaGuerrieriDJ

Official site : http://www.lucaguerrieri.com

Grazie Luca Guerrieri per l’intervista!

Andre

28/07/15 : “44 MIXTAPE” – MARTI STONE (INTERVISTA)

Buongiorno amici!

Ho avuto il piacere di intervistare MARTI STONE (Martina Nasuti), rapper di Lanciano (CH) ma che con il suo carisma e talento ha raggiunto molti club italiani oltre ad essere stata contattata dal mitico PIOTTA con cui ha firmato il contratto nella sua etichetta discografica “La Grande Onda”. Dopo aver pubblicato il disco “Sulla Bocca Di Tutti” (nel 2013), circa un mese fa ha condiviso con tutti i suoi fans il suo ultimo lavoro, “44 MIXTAPE“.

A voi l’intervista 🙂

Iniziamo l’intervista, con la classica domanda. In che modo è nata Marti Stone in quanto artista? Come ti sei avvicinata al rap? Qual era il tuo obbiettivo iniziale?

11224432_703414533121250_7085761898581122644_nAvevo 12 anni e un gran bisogno di costruirmi un alter ego per affrontare alcune dinamiche con più sicurezza, ero molto vivace e curiosa, ascoltavo rap americano da due anni e lo vedevo come un mezzo perfetto per esternare ciò che avevo dentro in quel momento. Penso che tutto sia stato alimentato dalla mia passione per la scrittura e le lingue straniere.

Nel 2013 hai avuto l’opportunità di inserire alcuni tuoi brani nella compilation Urban di Hitmania, curata da “PIOTTA” (Tommaso Zanello) e inoltre hai firmato un contratto con la sua casa discografica. Raccontaci questa esperienza che ti ha portato alla pubblicazione di ” SULLA BOCCA DI TUTTI” (#SBDT), disponibile su iTunes e Spotify. 

marti_stone_coverNel 2013, dopo 2 EP autoprodotti pubblicati col mio progetto precedente ‘Stoned Monkeys’ (Marti Stone + Daco) sono stata contattata da Tommaso tramite una persona in comune, dopo esserci conosciuti di persona abbiamo iniziato a lavorare a SBDT con Manu PHL dalla sua scuderia e Daco dalla mia. L’ho scritto tutto da zero e l’abbiamo chiuso in 8 mesi lavorando tra Firenze, Roma e Lanciano.

Parlando dei temi che tratti nei tuoi testi, come nasce una canzone di MARTI STONE? Quali sono le tematiche da te più seguite? In che modo le sviluppi? Per quanto riguarda le basi, ho notato che collabori con DJ TESS (dal 2014), com’è nata questa collaborazione?  

44 mixtape

Scrivo per sfogo e per raccontare la mia vita, che negli ultimi anni è stata solo continui spostamenti e rivoluzioni.. com’è giusto che sia alla mia etá. Mi piacciono le metriche irregolari e gli inglesismi, tant’è che una studentessa della Columbia University di New York ha dedicato un capitolo della sua tesi di laurea al mio multilinguismo e alla particolarità dei miei schemi metrici. (Sarà presto disponibile per tutti online)
Per quanto riguarda Tess, ero tornata a vivere in Abruzzo dopo 3 anni di assenza e non sapevo più niente della scena, l’ho contattata su facebook dopo aver visto un suo video. In poco tempo siamo finite a condividere stesso palco e stessa consolle.. Tess non è la mia producer, ma ha curato la selezione e il mixato del 44 Mixtape.

Pensi che il così denominato “rap al femminile” in Italia si stia evolvendo? Hai avuto difficoltà ad inserirti nella scena rap, dove è sempre prevalsa la presenza di uomini ?

Stiamo facendo passi avanti, ci sono sempre più ragazze che rappano e rispetto a prima il livello si è leggermente alzato. I commenti provocatori ci sono sempre stati ma non hanno mai rappresentato un problema per me, soprattutto dopo aver preso il microfono in mano, nessuno ha da ridire.. Piuttosto da imparare.

Quanto conta per Marti Stone lo stile? Cosa pensi del “mondo della notte” di noi giovani? 

10307388_564793470316691_5015861382064865221_n

 Lo stile conta perché comunica la tua personalità. Quando non lo fa significa che non è stile, ma moda e che probabilmente anche la tua personalità dipende dalla moda del momento. Nonostante questo mi affascinano molto le varie correnti di stile legate ai generi musicali e di conseguenza a luoghi e periodi di riferimento, io in questo caso sono sempre stata un ibrido, prendendo ciò che mi piaceva di più da ogni cultura cercando di “matchare “al meglio.

Il 30 Giugno 2015 è uscito il tuo nuovo lavoro, disponibile in FREE DOWNLOAD su www.martistone.com , presentaci “44 MIXTAPE” (mixed by DJ TESS). 

Marti Stone & DJ Tess - 44 Mixtape

 Periodo di scazzo post album, molto (troppo) party e hosting alla serate Blackbox, amici di una vita che ti voltano le spalle, tipe che intasano Whatsapp, abuso, amore&disprezzo per la vita… Avevo bisogno di registrare in totale libertà facendo scelte artistiche discutibili. Godetevelo!

” .. Non ci vado al talent, io non ho niente a che fare con quattro sfigati, che per fare un disco hanno cinque ghostwriter “ ( da “SCANDALO” – 44 Mixtape).Domanda riduttiva , data questa citazione, cosa pensi dei talent? Hai mai pensato di partecipare a qualche talent?

Nulla contro i talent, anzi.. Credo che siano una grande opportunità per chi li affronta con mentalità professionale. Dall’altro lato invece del tutto deleteri per ragazzini col sogno di svoltare dall’oggi al domani senza un briciolo di gavetta alle spalle. È per loro quella rima, io mi sto facendo da me senza qualcuno che mi scrive i testi e mi dice cosa devo fare. Partecipare a un talent? Dipende da quale, ma perché no!?

MARTI STONE NEL 2011 – MARTI STONE NEL 2015 : Quali sono stati i cambiamenti in questi anni? Ti senti cresciuta artisticamente parlando? Hai già in programma qualche nuovo progetto per il futuro piuttosto che qualche collaborazione?

In questi anni ho cambiato 3 cittá, con un obiettivo preciso ma senza meta. Sono cresciuta sicuramente, ho perso molte caratteristiche belle ma credo di averne acquisite altrettante.. È cambiato il modo in cui mi approccio alla musica, dopo ogni progetto mi metto subito a provare qualcosa di nuovo, la produzione non si ferma mai.. A breve usciranno alcuni miei feat in nuovi dischi in uscita, sia rap che rock/indie.. Per il mio prossimo disco ufficiale toccherà aspettare il 2016.. Nel frattempo vedrete 🙂

Ringrazio MARTI STONE per la disponibilità 🙂

CONTATTI:

http://www.martistone.com

Facebook Page : https://www.facebook.com/martistone

Instagram : MartiStone

YouTube : https://www.youtube.com/channel/UCqPA1j8pdfDAAclhi0fAf_Q

Andre

 

 

23/07/15 : Cyanide – “MILK” [OFFICIAL VIDEO] // FREE DOWNLOAD

Buon pomeriggio a tutti !!

VI RICORDATE DI CYANIDE ?!  MILK

PERFETTO, OGGI E’ USCITO IL SUO PRIMO LAVORO [VIDEO] UFFICIALE : “MILK”

Non vi anticipo nulla, guardatevi il video e condividete la bomba!! 

A breve “MILK” in FREE DOWNLOAD su SoundCloud!

Andre

 

21/07/15 : A.D.I.D.A.S. – IL NUOVO EP di ROSSELLA BLINDED (intervista)

Ciao a tutti raga!

Ho avuto il piacere di intervistare ROSSELLA BLINDED, Dj e produttrice italiana che ha pubblicato il suo secondo EP : “A.D.I.D.A.S.” , lo scorso 13 Luglio su una etichetta indipendente di Los Angeles, la All The Hype Records.

Non vi anticipo nulla, buona lettura! 

In breve, chi è Rossella Blinded? (In che modo ti sei avvicinata alla musica?)

10931401_384463608382390_8778719877596649642_nMi sono avvicinata alla musica fin da piccola, in casa mia se ne ascoltava veramente tanta, mio padre è un grande appassionato e collezionista di dischi ma, solo una dozzina di anni fa mi sono avvicinata al mondo del clubbing e del genere elettronico. Quando ho iniziato suonavo principalmente elettronica e hip-hop, ero un’amante dello scratch, passavo tutto il giorno ad allenarmi ai piatti e solo da 4/5 anni ho iniziato a suonare bass music, facevo parte di un collettivo con cui sperimentavamo generi dalla dubstep alla trap, alla drum n bass, ora suono tutto ciò che è bass, genere che produco anche da un due annetti circa. La musica è anche ciò che mi accompagna durante il giorno, amo generi come il trip-hop, la chil, il rock e il solopiano.

Ho scoperto che oltre a dedicare molto tempo per l’attività da Dj e produttrice, riesci a conciliare anche un secondo lavoro, insegnante di inglese. Come vivi il fatto di eseguire questi due tipi di lavoro molto diversi? Riesci ad contemperare entrambe le professioni? 

11046199_404961959665888_3775009338768133967_n

Si per me è molto semplice, sono due lavori diversi ma comunque in 24 ore do spazio sia alla musica, sia alle lezioni che comunque faccio solo qualche giorno a settimana. Diciamo che poi il fare lezioni mi permette di staccare per un po’ la testa dalle produzioni, preparare i mix e scegliere i pezzi per i set, e viceversa così poi da riprendere il lavoro a mente fresca.

Parlando del tuo passato, com’è stato condividere i palchi con artisti come Nero, Datsik, Zeds Dead, Netsky, Far Too Loud e molti altri? 

1896758_342764099219008_3794877143780894617_n

Sono state esperienze veramente che mi porterò sempre dietro, soprattutto per il contatto con il pubblico che è la cosa che amo di più in questo lavoro e penso i ricordi migliori che io abbia. La mia preferita devo dire che è stata la serata con Datsik, avevo suonato fin dall’apertura del locale con tantissime persone di fronte ed è stata tra le accoglienze più calorose che abbia mai ricevuto.

ROSSELLA BLINDED nel 2011 – ROSSELLA BLINDED nel 2015, ti senti cresciuta artisticamente parlando? Quali sono state le esperienze che ti hanno permesso di emergere e inserirti nella vasta scena musicale italiana? 

Sento di essere cresciuta veramente tanto come dj, ma ancora penso di dover far strada come produttrice, specie per il fatto che ora vorrei sperimentare generi diversi da quelli che produco come la future bass. Ma soprattutto penso di essere molto cresciuta come persona, di sicuro il calore che ricevo dalle persone che vengono a sentirmi mi hanno permesso di continuare a credere in me stessa e avere una forza dentro, di farmi sentire libera di sperimentare generi che in Italia, quasi nessuno ascolta e promuove o anche quando passo periodi a ricevere solo porte in faccia. Le esperienze che mi hanno aiutato ad emergere sono state diverse ma citerei il Nameless Festival l’anno scorso che mi ha permesso di farmi conoscere ad un vasto pubblico e soprattutto ad iniziare a fare serate in diverse parti d’Italia, dalla Sicilia al Veneto. Così come suonare al Magnolia di Milano e aver avuto la possibilità di aprire importanti artisti internazionali.

Parlando del genere che suoni e produci. Come mai la scelta della Trap/ Dubstep/ Electro? Qual è l’artista che ti influenza maggiormente nelle tue produzioni?  

1517509_253484448146974_1195028329_n

Devo essere sincera, dipende molto dal periodo e da quello che ascolto. Ho sempre ascoltato valanghe di hip hop, dall’old school fino a quello più recente e amo la scena americana, per questo ho collaborato con un rapper statunitense come Ryshon Jones e adesso stiamo lavorando al nuovo singolo. Così come in questo periodo in cui sto ascoltando artisti come Hudson Mohawke, Flume, Daktyl, Alison Wonderland e Troyboi ho voglia di sperimentare qualcosa di diverso seguendo questo filone.

Dopo l’uscita del tuo primo EP “Massive” (prodotto dall’etichetta californiana All TheHype Records) e che ha raggiunto la TOP 40 Beatport , pochi giorni fa hai pubblicato il secondo EP “A.D.I.D.A.S.” (All Day I Dream About Success). Presentaci e parlaci di questo tuo nuovo lavoro? Com’è nata la collaborazione con DJ YODHA? 

11011735_447964492032301_8509930261938220767_n

A.D.I.D.A.S. è un ep di due tracce fondamentalmente trap, in cui ho voluto sperimentare scelte diverse rispetto al primo ep o al singolo precedente “Beg My Par” come giocare con i sample e con il campionamento di strumenti classici e aggiungere la mia voce in ogni traccia. E’ da tanto che produco e collaboro con Yodha, che è uno dei miei più cari amici, abbiamo anche già collaborato in Massiv e volevamo ancora fare una traccia insieme.

Il nome invece è l’acronimo di All Day I Dream About Success, che si riferisce metaforicamente al fatto che si aspira a realizzarsi ma nel mio caso che prima o poi la bass music in Italia abbia una maggiore visibilità e riscontro.

Se dovessi presentare una tua serata, come definiresti un party con Special Guest : ROSSELLA BLINDED?  

E’ una domanda molto difficile, dipende dalla situazione, ma principalmente direi che sono party molto energici in cui non manca il momento per saltare e in cui spero di dare un intrattenimento musicale spaziando su generi diversi cercando di stupire chi ho di fronte.

Hai altri progetti in vista? Qualche artista con il quale vorresti collaborare? Altre date dei tuoi live set?

Si ora sto terminando il nuovo singolo con Ryshon Jones, sono molto contenta di lavorare con lui anche in questa traccia, e ho diverse date in vista, la prossima sarà a Catania, poi suonerò anche in Sardegna, mia terra d’origine, mi fa sempre un grande effetto suonare lì.

Grazie mille per l’intervista e per la disponibilità!

A.D.I.D.A.S. (All Day I Dream About Success) EP:

Contatti :

Rossella Blinded Official Fb Page :   https://www.facebook.com/rossella.blinded/likes

Twitter : https://twitter.com/RossellaBlinded

SoundCloud :  https://soundcloud.com/rossellablinded

Official YouTube :   https://www.youtube.com/user/RossellaBlinded

Instagram : RossellaBlinded

Andre

 

 

17/07/15 : Fizzy – Ice – DRINK SHOT / DROP SHIT (FREE DOWNLOAD)

Buonasera raga, in attesa di molte interviste che nelle prossime settimane verranno postate nel blog, vi volevo far ascoltare questa mina, pubblicata poco fa da un mio amico, Walter aka Fizzy – Ice , Dj e producer di Milano!

1382799_10151843538874193_1862065326_n

La traccia è in Free Download e questo è un motivo in più per scaricarla e condividerla! 

Fizzy Ice – DRINK SHOT / DROP SHIT – 

Contatti : 

Fizzy Ice Official Fb Page : https://www.facebook.com/fizzyice?fref=ts

Soundcloud:   www.soundcloud.com/fizzy-ice

Youtube: www.youtube.com/noisysoundsontape

Beatport: https://pro.beatport.com/artist/fizzy-ice/464904

Instagram: www.instagram.com/pheexie_hize

Twitter: www.twitter.com/F122Y1C3

Buona serata!

Andre

 

8/07/15 : CYANIDE – “MILK” [PROMO] – FUORI il 23 LUGLIO 2015

Buongiorno raga, oggi festeggiamo insieme l’anniversario del mio blog, con l’uscita del Video Promo di un mio amicone. 

Ora vi posto un video promo.  Non è un promo qualunque.

E’ l’anticipazione di quello che sarà il primo Video Ufficiale di CYANIDE, che uscirà ufficialmente il 23 LUGLIO 2015.

11695946_663087887168304_7827841726590865949_n

In breve, chi è CYANIDE?

Ho avuto il piacere di conoscere Mario aka Cyanide (Dj e Producer), durante una serata a Busto Arsizio. Dopo aver collaborato in altri piccoli progetti (shooting, interviste..), piuttosto che esserci supportati a vicenda nei così denominati “PERIODI NO”, pochi giorni fa mi è giunto il notizione dell’uscita del suo primo video, MILK“.  

599647_10202464981895671_76632754_n

Cyanide, dalla provincia di Varese, ha “gasato” molti locali e organizzato “party bomba” con il suo genere Dubstep e Trap.

1932229_10203011658684086_1371882886_nDopo aver lavorato e prodotto a lungo in studio, è arrivato il SUO MOMENTO.

Ecco a voi il Video Promo . Il 23 LUGLIO, TUTTI COLLEGATI PER L’USCITA UFFICIALE.

“MILK” – Cyanide [PROMO] :

Cyanide Official Fb Page: https://www.facebook.com/CyanideOfficial?fref=ts

Cyanide – Sound Cloud : https://soundcloud.com/cyanidepage

Cyanide – YouTube : https://www.youtube.com/channel/UCKierBiOWWUmKTFN4c-p1EQ

Andre

 

3/07/15 : SHANA DEE – “Tra Deep e Techouse”

Buon pomeriggio amici!

Si torna a “parlare” di musica –

Tornando indietro.. Se vi dico :     SHANA DEE ?!

11118045_1659842287560493_8468005135745926520_n

Circa un anno fa, vi pubblicai la sua intervista. 

Oggi ci ascoltiamo insieme ciò che pompa durante i suoi live set.

Sesta classificata nella prima edizione di TOP DJ (programma di SkyUno ideato da Pierpaolo Peroni e presentato da Albertino Stefano Fontana e Lele Sacchi).  

10953386_1612538208957568_5508102585629013963_n

Shana dopo aver partecipato aquesto programma, a soli 19 anni, continua a suonare il genere da lei preferito (Deep e Techouse)  nei  più grandi eventi/party Italiani e non solo. 

 

– Prossime date :

11 luglio 2015 : c/o Gayvillage (RM)

15 luglio 2015 : c/o GreenLight (Tor San Lorenzo RM)

26 luglio 2015 : c/o  TeaLight PoolParty (Tolosa/Francia)

 

“SHANA DEE –  DJ LIVE SET”

 

Shana Dee DJ (VIDEOPORTRAIT) : 

Shana Dee Official Fb : https://www.facebook.com/shanadeeofficial?fref=ts

Shana Dee Official Mixcloud : https://www.mixcloud.com/shanafaggio/

( Intervista a Shana Dee : https://andre1blog.wordpress.com/2014/10/04/41014-shana-dee-dopo-top-dj/ )

Andre

 

21/01/15 : LA VOCE DEL MERIDIONE – “IL PANCIO”

Buonasera amici!
Un mesetto fa ho scoperto dell’esistenza di questo mito!
 
E circa due settimane fa , abbiamo scambiato due chiacchere con il piu’ cliccato del momento!
Credo che lo conosciate ormai tutti ..
E’ UN VERO  FENOMENO (FROM CALABRIA) !!!
 
                                                                                     IL PANCIO!
 
 
A voi l’intervista 🙂
 
 

DA COSA NASCE L’IDEA DI QUESTO TUO PROGETTO WEB?

Così a caso con gli amici per fare gli scemi, abbiamo fatto la parodia della canzone “NU jorno buono” di rocco hunt tramutandola in “nu jorno e merda” visto la situazione dell’edilizia.
L’abbiamo finita a febbraio poi pensa che ci siam dimenticati di averla fatta e alla fine è uscita a fine aprile
10mila condivisioni in 1 giorno e oltre 1 milione di visualizzazioni (all’epoca non avevo nemmeno la pagina solo profilo)
Da lì apro la pagina è via è andato tutto in salita inspiegabile la potenza della rete.10351810_591325724314263_2558814787639637918_n

 
 
 

QUALI SONO STATI I MOMENTI IN CUI HAI CAPITO CHE ‘IL PANCIO’ STAVA DIVENTANDO SEMPRE PIÛ POPOLARE TALE DA ‘GIRARE’ NEL WEB IN TUTTA ITALIA (da sud a nord)? COME HAI REAGITO A TUTTO CIÓ?

Non ci credo ancora la prima data che ho fatto è stata scioccante e non la dimenticherò mai a Sellia Marina ero a 1000 kilometri da casa pensavo ci fossero 100-200 persone massimo a vedermi, erano in 7mila: mi Son sentito male dall’emozione.

 

SEI DIVENTATO UN FENOMENO WEB, CAPACE DI DIVERTIRE LE PERSONE TUTTI I GIORNI TRATTANDO ANCHE TEMI CHE RIGUARDANO OVVIAMENTE LA QUOTIDIANITÁ E LA SOCIETÁ D’OGGI. COSA RISPONDI AD EVENTUALI ‘ATTACCHI’ o CRITICHE CHE TI VENGONO FATTE DA TUTTI i “PRESI MALE”?

Ma penso di non essere un fenomeno del web ma un barista che per hobby fa video e 10514756_794287733936921_7355430730351205023_ninterpreta il parere di quella maggioranza silenziosa che vive facebook con un giusto distacco e con tanta voglia di vederlo come qualcosa per divertirsi non per essere ridicoli.

 
 
 
 

È CAMBIATA LA TUA ‘REPUTAZIONE” (se così si può dire) NEL PAESE IN CUI VIVI? ORA VIENI VISTO CON “OCCHI DIVERSI’ DAI TUOI “CÚMPARI” (ahahah) ?

Beh gli amici si contano sulla punta delle dita e per loro sono l’andre di sempre ma credo pure per gli altri.
Dove vivo non è cambiato nulla lavoro come prima grazie a dio perche in questo momento è già difficile avercelo un lavoro.

 

SULLA TUA PAGINA FACEBOOK SONO MOLTISSIME LE PERSONE CHE TI SEGUONO, COSA TI SENTI DI DIRE A TUTTI LORO? HAI QUALCHE NOVITÁ CHE INSERIRAI NEL TUO PROGETTO DA SVELARCI IN ANTEPRIMA?

Ma che gli devo dire spero vi divertiate mannaia la puttana! Anche perché ridere sulla mia pagina è una delle poche che in Italia ancora non si paga.
Novità non si dicono porta sfiga comunque non c’è ne .1625616_420215888129349_842939483132913989_n

 
 
 

AVRAI UNA DATA A ZURIGO. IN COSA CONSISTE UN PARTY IN COMPAGNIA DEL PANCIO?
HAI ALTRE DATE DA ANNUNCIARE E SOPRATTUTTO, ARRIVERAI A TROVARCI ANCHE AL NORD ITALIA?

Compa non mi parlare in 3 persona di me che mi vergogno.
10659236_371946229622982_8209959152510560956_nUna serata con me è per scialarci cantare le mie canzoni ridere e fare festa assieme.
Si, sarò in Svizzera a  Zurigo , poi Palmi, Napoli,Brindisi, Torino insomma tranquilli che arriviamo anche al nord 🙂

 
Grazie Pancio per l’intervista 🙂
 
E .. MANNAIA LA PUTTANA, SPARATEVI  QUESTA SUA REEDIT DI “BAILANDO” , “CAGANDO” !
 
 
 
 
 
 
Il Pancio Official Facebook Page:
 
 
Andre
Nickie

 

 

14/01/15 : Power Francers – Tornano con il nuovo singolo “SABATO SERA”

BUON POMERIGGIO RAGA !!!

Oggi iniziamo subito con un paio di domande semplici semplici! 🙂

_Chi di voi non pensa al sabato sera?

_Chi non organizza al meglio il proprio sabato sera?

_Chi tra voi al Lunedì mattina non ha già in programma quale sarà il party del sabato notte?

_Chi è colui/colei che “TUTTA SETTIMANA ASPETTA SOLO AL SABATO” ?

( Aggiornateci ahahahah)

Avete presente i Power Francers?

Chi?! “Quelli di Pompo nelle casse , Mamma , Issima , Stile , Lei che lo vuole , Dolce e Gabbana…?”.

SI AMICI , STIAMO PARLANDO PROPRIO DI QUEI TRE FENOMENI !!

I POWER FRANCERS DOPO “PRENDO IL VOLO”, “DOLCE E GABBANA” E “SCHIACCIO PLAY” , SON TORNATI PIU’ CARICHI E GASATI DI PRIMA PER FARCI BALLARE SULLE NOTE DI “SABATO SERA“. SABATO SERA

UNA TRACCIA CHE RACCONTA IL SABATO NOTTE (regolare) DI TUTTA LA NOSTRA GENERAZIONE DI PARTY HARDER!

IL NUOVO SINGOLO (con video) è uscito proprio ieri e pare che stia già sfondando.

“SABATO SERA” è SCARICABILE SU TUTTI I DIGITAL STORES e ovviamente il video lo trovate  su Youtube.

CHE FATE?! STATE ANCORA PENSANDO A COSA RISPONDERE ALLE DOMANDE? (ahahahah)

10930179_10152602477418365_6674001322711693046_n

Scarica e guarda il nuovo video della HIT targata POWER FRANCERS !!

iTunes : https://itunes.apple.com/album/sabato-sera-single/id953938867

Power Francers – “SABATO SERA”

https://www.youtube.com/watch?v=cC96vAdM0GQ

                                               

“Sabato sera, che poi finisce in galera”

Power Francers Facebook Page : https://www.facebook.com/powerfrancers?fref=ts

Katerfrancers Facebook Page    :  https://www.facebook.com/KATERFRANCERS?fref=ts

http://www.powerfrancers.it

http://www.katerfrancers.it

Andre

Nickie

 

 

1/12/14 – LOOP LOONA : “DALLE MIE PARTI”

Buongiorno e buon inizio di settimana amici!!!

Pochi giorni fa, abbiamo intervistato LOOP LOONA, una rapper di origini Calabresi con molto  da trasmettere.

Ph.: Carlo De Gori

Da dove nasce la passione per il rap? (a che età, con quale scopo hai iniziato..)
Ho iniziato a interessarmi alla cultura Hip Hop quando frequentavo le scuole medie, durante quegli anni sono stata alla prima jam Hip Hop giù dalle mie parti ed è stato amore a prima vista. Da lì a un paio di anni ho registrato i miei primi pezzi, per passione e per il divertimento di farlo.

Ph.: Carlo De Gori

Nel 2012 hai partecipato alla prima edizione di Mtv Spit. Unica donna in gara e hai avuto modo di esprimerti di fronte ad un vasto pubblico. Come hai ritenuto quell’esperienza?
È stata un’esperienza positiva perché mi ha fatto conoscere tante persone interessanti e un mondo a me totalmente sconosciuto. Ero molto tesa, chiaramente ho fatto molto meno di quello che sapevo fare davanti a un pubblico, ma credo sia normale, era la prima volta che stavo di fronte a una telecamera.

Cos’hai da sempre voluto trasmettere con i tuoi brani? In base a quale criterio scegli i temi da approfondire e raccontare nelle tue canzoni?
Non mi pongo questa domanda, le cose nascono da sole, istintivamente, non scelgo i temi da approfondire. Fatto sta che alla fine (a detta degli altri) ho degli argomenti, come la donna e l’energia femminile, le mie origini e la mia terra, per esempio. Parlo anche e solo di rap in alcuni casi, come del resto tutti i rapper.

Ph.: Carlo De Gori

Ascoltandoti, la prima considerazione è che in tutti i tuoi brani emerge il tuo modo di rappare ‘senza filtri’. Cosa vuoi comunicare generalmente alla gente?
Non ho filtri proprio perché non mi pongo il problema di comunicare questa o quell’altra cosa, parlo di me e della gente come me. Certamente spero di essere un esempio di forza e carattere per molte persone, per molte donne.

Da pochi giorni é uscito il tuo nuovo video del singolo “DALLE MIE PARTI”, estratto dal tuo album “Senza Fine”, una traccia che contiene un argomento molto delicato, quello della ‘ndrangheta! Come mai la scelta di affrontare questo tema?
Non è stata una scelta, le parole sono venute da sé. Il brano parla di una faccia della Calabria, quella più dura, quella più violenta. Di sicuro la Calabria non è solo questo. Io non sono e non voglio fare la paladina della lotta alla criminalità organizzata, mi limito a descrivere qualcosa che conosco, poi sta all’ascoltatore valutare.

10454278_1442181369392499_1521871488127400866_oLOOP LOONA nel 2014: svelaci quali e se ci sono stati cambiamenti nella tua carriera artistica.
Ho realizzato il mio primo disco ufficiale, SENZA FINE, che per me è un inizio, una prima pietra. Sono convinta che per costruire un grattacielo si debba partire dalla base, crearsi delle fondamenta solide, ed è questo che sto cercando di fare.

Cosa pensi della scena rap italiana? Con chi vorresti collaborare?
Ci sono un po’ di rapper che mi piacciono, con alcuni di questi magari ci vorrei collaborare in futuro. In generale preferisco lo stile del sud, per flow e testi, ma non è una regola.

Hai date di live in programma da annunciare ai tuoi fans?
Sono stata un po’ ferma per motivi personali, da gennaio ricomincerò a suonare. Intanto però l’11 Dicembre a Roma, al Lian Club ci sarà la presentazione del disco.

Ph.: Carlo De Gori

LOOP LOONA – “DALLE MIE PARTI”

Grazie mille per l’intervista. E’ stato un grandissimo piacere 🙂

Andre

Nickie

22/11/14 – PU666Y : “SUONEREMO CON YELLOW CLAW!”

Buon pomeriggio amici!

Oggi vi facciamo conoscere due grandi produttori che hanno unito l’influenza Trap con quella Harstyle , sfornando parecchie bombe!

Si raga, stiamo parlando proprio di loro.. PU666Y !!!

Ciao raga, quando e da dove nasce l’idea di iniziare questo vostro progetto?

Nasce innanzitutto da una bella amicizia, poi dal fatto che molto spesso ci siamo trovati ad apprezzare le stesse tracce e condividere gli stessi link su facebook, quindi direi che è stata una naturale evoluzione delle cose, stessi gusti, stesso background musicale e stessa voglia di spaccare tutto.10302509_512798538848820_5599702719077707135_n

Motivate la scelta del nome PU666Y!

La parola è ispirata da Cobra Krames, ma il fatto che sia diventato il nome del progetto è venuto completamente a caso, avevo scritto quella parola non ricordo in che occasione e GT mi ha detto: “wow figata, è il nome del nostro futuro progetto vero?” e io “uhm..sì”

Avete pubblicato molte tracce, supportate da varie etichette o pagine che hanno apprezzato molto le vostre produzioni, ma tra le piú ballate nelle dancefloor, c’è il rmx BLA3 e la collaborazione con gli STEREOLIEZ! Vi sareste mai aspettati questi risultati, direi ottimi?pu666y

Beh BLA3 è stato così tanto suonato da chiunque che sicuramente ci ha fatto conoscere a un sacco di gente, e ne siamo contenti perché racchiude un po’ tutta la nostra essenza… mentre le tracce con gli Stereoliez ci hanno fatti uscire un po’ dai ranghi facendoci sperimentare un sacco. E quello che gira ora non è niente rispetto a quello che sentirete, spero prestissimo.
Come mai la scelta di produrre tracce trap e hardcore? si parla di una ‘fusione’ tra i due generi?

Si, molto spesso capita di ascoltare una traccia che parte Trap e finisce Hardstyle (o hardcore che dir si voglia) molto probabilmente perché sia i suoni che la velocità dei generi è molto simile, e poi diciamoci la verità, dopo una traccia a velocità dimezzata gasa di brutto raddoppiare con una bella cassa gabber 🙂

Il 6 Novembre avete pubblicato una versione strafiga di EINS ZWEI (in FREE DOWNLOAD).
Siete pronti a gasare nei locali?

Quella canzone già gasava sia in locali che in mixtape vari da mesi, per i più attenti non è stata una sorpresa 🙂10406798_604373229691350_2567454064839587472_n

FD: https://soundcloud.com/pu666y/pu666y-eins-zwei-1k-likes-free-gift

Ho letto pochi giorni fa che il 13 Dicembre suonerete a Milano, accanto a Yellow Claw! Qual’è stata la vostra reazione quando avete rievuto la notizia!?

Questa: http://www.reactiongifs.com/r/xwoa.gif

(aahahahahah)
Altre date in programma?

Questo giovedì al Circolo Magnolia con Aquadrop, Uabos e Lvnar, 13 dicembre con Yellow Claw e diverse altre chicche che non ci sentiamo pronti a rivelare 🙂

https://www.facebook.com/profile.php?id=1504564436482795&ref=ts&fref=ts

https://www.facebook.com/profile.php?id=613414805435443&ref=ts&fref=ts

Grazie mille amici!

PU666Y Facebook Page : https://www.facebook.com/Pu666y?ref=ts&fref=ts

PU666Y Sound Cloud : https://soundcloud.com/pu666y

Andre

Nickie

 

 

7/11/14: Pelussje – “AH-ITE” Ep (Nest HQ) // FREE DOWNLOAD

Buon pomeriggio raga!

Vi ricordate i PELUSSJE?

Ph.: Marco Zano

Spero di si 🙂

Il 3 novembre hanno pubblicato un nuovissimo Ep in FREE DOWNLOAD su NEST HQ (OWSLA di Skrillex).

“AH-ITE”, comprende tre tracce “fresche fresche”!!8941_10154859876330193_3188722781181305451_n

“Dopo tanta sperimentazione, questo è finalmente il nostro suono, lo sentiamo profondamente nostro e abbiamo un milione di idee per svilupparlo.

Siamo molto orgogliosi perchè sta piacendo moltissimo e ricevendo i feedbacks di molti grandi del settore, ci spinge di piu’ a dare il 1000% “

Pelussje

1016570_10154748263150193_3037696545838763230_n

FREE DOWNLOAD :

https://soundcloud.com/nesthq/pelussje-macaulay-23-nest041

Pelussje Official Facebook Page : https://www.facebook.com/pelussje?fref=ts

Sound Cloud : https://soundcloud.com/pelussje

Andre

 

 

MANU LJ : L’ESTATE NON E’ ANCORA FINITA

BUONASERA AMICI!

E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI FARVI CONOSCERE UN’ AMICA, UN’  ARTISTA …

MANU LJ !! 408217_10151364885028418_1740660128_n

Quando e come nasce la tua passione per il canto?

Ph.: Davide Spano

La passione per il canto nasce più o meno a meno di un anno di età. Dicono che nella carrozzina mi muovevo come una pazza quando sentivo suonare la radio. Molto piccola ho provato il brivido del palco e vinto diversi concorsi. A 14 anni ho fondato la mia storica band funky/jazz e nel 2004 ho pensato bene di fare sul serio e chiudermi in studio come un topo a comporre. Chissà se ho fatto bene…

MANU LJ nel 2014. Dall’inizio della tua carriera ad oggi, quali sono state fino ad ora le piú grandi soddisfazioni in campo musicale? Ci son stati dei cambiamenti anche in merito al genere?

La musica mi ha dato poche vere soddisfazioni ma tantissime risposte. La prima è che non si arriva mai da nessuna parte e che bisogna godersi la vita che si è scelto di fare. Sto iniziando solo adesso a divertirmi. Ho vissuto il fare musica come una ossessione fino a pochi anni fa. Le più grandi soddisfazioni? Aver capito che sono davvero brava a scrivere melodie e che colossi del calibro di Nek mi scrivano periodicamente per darmi la carica ad andare avanti. Poi quando sento qualcuno che canta le mie canzoni impazzisco ancora oggi.430438_10150589682508418_368704016_n

Nel 2012, hai pubblicato “WHAT A LOVE”, una HIT dedicata all’ Italia, con la quale hai conquistato l’attenzione da parte di molti! Te lo saresti mai aspettato un successo simile?

Sapevo che Italia avrebbe smosso le acque. E’ un pezzo ironico. O meglio, chi ascolta distratto non capisce subito che si tratta di una presa in giro nei confronti di un paese che ci sta togliendo il futuro. Poi però guardi il video e leggi tra le righe (e soprattutto dalla coreografia volutamente goffa) la verità. Italia sta ancora adesso muovendo i suoi passi. Ho ricevuto mail da tutto il mondo di persone che ascoltando la mia canzone si sentono un po’ a casa. Questa è la terza soddisfazione.

 

Qual è l’artista nel panorama italiano con il quale vorresti collaborare?429709_10150597673463418_247059161_nNon amo particolarmente il panorama italiano. Sicuramente mi ispirano nomi celebri del mio passato come Raf, Elisa o il grande Zucchero. Ad oggi opterei per Fedez (personaggio che mi dà sensazioni contrastanti a seconda del brano), Neffa, Planet Funk o Subsonica.Come mai la scelta di scrivere e cantare testi non in italiano?Non lo so. In un’altra vita probabilmente ero una inglese. Amo il suono che produce la parola in inglese, soprattutto americano. Non ti nascondo però che sto scrivendo molti brani in italiano e ho chiesto aiuto a collaboratori di eccezione come Il Nucleo o Le Strisce (questi ultimi autori di molti brani di Cesare Cremonini).Hai mai pensato nel passato di partecipare a qualche Talent televisivo?E’ una vita che cerco di tenermi fuori dai talent. Non ho mai provato. Ho un altro concetto di musica. Se dovesse capitarmi di essere invitata però, accetterei senz’altro. Diciamo che allora darei la precedenza a concorsi come Sanremo. O, perché no, un X-Factor ma negli USA!522127_10151420621213418_129927793_nOggi esce ‘BONDI BEACH, la tua seconda collaborazione con Besford con la partecipazione speciale di Troy Bell. Come son nate queste collaborazioni? Raccontaci! 🙂 Besford si trovava a Sydney per lavoro e un bel giorno mi ha chiamato per dirmi che un grande del basketball mondiale che allora giocava in Italia aveva accettato di entrare nel progetto. Non ti nascondo che subito ho pensato ad uno scherzo. Besford è il tipo. Invece era tutto vero. DA quel giorno per un anno intero non ho fatto altro che gestire il calendario degli impegni di questo fuoriclasse americano (super mega impegnato) per fare in modo di creare assieme il pezzo. Lui mi mandava whatsapp vocali per farmi ascoltare le melodie mentre si allenava. Un grande. Una sera l’ho trascinato in un bellissimo studio di Modena e gli ho detto che era il momento. Si è divertito come un matto. E pensare che in campo non ride nemmeno sotto tortura! Quanto a Besford, beh… non potevo trovare collega migliore.Besford – BONDI BEACH (feat. Manu LJ & Troy Bell) :Grazie Manu per il tempo che ci hai dedicato MANU LJ Official Facebook Page : https://www.facebook.com/manuljofficial?fref=ts

Official Site : http://www.manulj.com/

1011062_10203830654281288_2391027391439046646_n

 

 

4/10/14 : INTERVISTA – “Un’altra SHANA DEE”

Buon pomeriggio amici!!

E’ ORA DI UNA NOSTRA NUOVA INTERVISTA!

Direttamente da TOP DJ , SHANA DEE!!

– Ciao Shana , da cosa nasce la tua passione per la consolle? A che età hai iniziato questo tuo progetto musicale?

Ciao a tutti ragazzi! La mia passione per la musica è nata con me, sin da piccola. Poi crescendo ho capito che poteva diventare anche un lavoro ed uno stile di vita. Ho cominciato nel 2010, facendo un corso per dj, cominciando rigorosamente con giradischi poi sono passata al digitale, ed ancora oggi suono con usb o cd (se capita un locale con giradischi, porto anche qualche disco). Assolutamente non uso controller, sono del parere che non faccia per me, avendo un computer davanti dove stare a smanettare ore ed ore, perdi la simbiosi con il pubblico e quindi il contatto diretto con loro non mi incuriosisce imparare ad usarlo insomma…

Ph.: Cristiano Leuzzi

-Raccontaci la tua Esperienza a Top Dj (come mai l’idea di partecipare). Hai mai partecipato ad altri contest (per dj) passati?

Top Dj è stata un esperienza fantastica, andai a fare il casting quasi per gioco e poi invece mi presero Ho conosciuto persone fantastiche e mi sono divertita molto! Si ho partecipato in passato ad altri contest Nel 2011, nella discoteca PlanetRoma (Ex Alpheus) dove lavoro ancora oggi come dj Resident. Ho vinto appunto questo contest, e quindi vinsi un contratto di esclusiva con loro per quanto riguarda la stagione invernale, ed estiva a “GayVillage”.

-Qual’è il genere musicale che suoni nei club e che ti rappresenta al meglio? Dopo l’esperienza a TOP DJ, ti senti un’ altra SHANA DEE, artisticamente parlando? Qual’è stata la più grande soddisfazione dopo aver partecipato al programma? 

Dopo Top Dj posso dire di aver trovato realmente il mio genere musicale, che mi rappresenta. Quindi ora sono fermamente convinta di continuare la mia carriera sul genere underground, quindi i miei djset sono caratterizzati dalla Tech-House, Minimal, Techno.10378941_4334253891411_6814151969152013545_n

La più grande soddisfazione è stata sicuramente ricevere tanti tanti tanti complimenti e poi tutto l’incoraggiamento di persone valide che mi hanno e mi stanno motivando per proseguire al meglio la mia carriera. Mi sento sicuramente un altra Shana Dee, mi sento pronta per crescere artisticamente, giorno dopo giorno.


-Hai dei progetti in vista per i quali lavorerai? 
Hai intenzione di lavorare anche nell’ ambito della produzione?

Ora sto cominciando un corso di Ableton E quindi sì, vi dico che, massimo un anno, vi romperò le scatole anche nell’ambito della produzione Mi trovo molto bene, e credo che usciranno poi dei bei dischi e delle belle collaborazioni.

-Essendo una Dj donna, quanto ‘peso’ dai allo stile?

Quanto peso do al mio stile..? Mah, io cerco sempre di dare un certo “stile” al mio set, e non bado molto all’out-fit, anche se mi piace vestire bene, mi piace vestire sportiva, molto colorata, in un modo tutto mio Ovviamente cerco sempre di adattarmi all’evento…

Ph.: Cristiano Leuzzi

-Hai delle date in programma per le prossime settimane da annunciare ai tuoi fans? 🙂 

Per ora non ho un calendario ben definito,ci stiamo lavorando ma da ottobre ci saranno tante nuove date in tutta itaia Quindi per chi ha seguito TopDj, ascoltato i miei DjSet su RadioDeejay e i miei DjSet on-line, posso dire: di seguire tutte le news sulla mia Pagina di Fb Shana Dee, e se vi va di lasciare un LIKE Sulla mi pagina potranno trovare anche il mio Blog, tutto nuovo! Vi ringrazio per lo spazio che mi avete dedicato, una saluto a tutti i miei fan e a tutte le persone che mi conoscono per la prima volta dopo questa mini intervista! Vi aspetto in qualche mia serata! CIAO!!!

10671349_1563581723853217_6493726876090159274_n

“Ecco il LINK dove potrete ascoltare il mio nuovo DjSet andato in onda nella prestigiosa Radio Internazionale Glazersound il 27/09/14″.

Grazie mille Shana per l’intervista e per le anticipazioni che ci hai svelato 🙂

Shana Dee Official Facebook Page : https://www.facebook.com/shanadeeofficial?fref=ts

Andre

Nickie

 

 

30/09/14 : Fuori il primo album di ALVINO – “All Began With A Castle”

BUONASERA AMICI!

Dopo aver partecipato alla prima edizione di “TOP DJ” e dopo aver fatto gasare parecchi club italiani da anni..

Finalmente da oggi è disponibile su tutti i digital store l’album di debutto di ALVINO :

“All Began With A Castle”

1924366_552268234905624_95738325429465822_n

Album di musica elettronica, contenente 12 brani da ballare!

Cosa stai aspettando!? Acquistalo su iTunes :

https://itunes.apple.com/it/album/all-began-with-a-castle/id922464072

Youtube – Album Teaser :

Per rimanere aggiornati sulle novità di Alvino :

ALVINO Official Facebook Page : https://www.facebook.com/alvinomusic?ref=stream

ALVINO Sound Cloud                 : https://soundcloud.com/alvinomusic

Andre

Nickie

29/09/14 : Youssef Giga | MOLLAMI

Buon pomeriggio!

Vi ricordate il soggetto della scorsa intervista ?

YOUSSEF GIGA?

Perfetto, ricordate benissimo!  1520804_438762062931880_1777022302536926614_n

Proprio ieri (per tutti i presi bene) ha pubblicato “MOLLAMI”, un suo nuovo lavoro prodotto Lussorio Piras (anticipato nella scorsa intervista).

Date un’ occhio va! 🙂

Youssef Giga | MOLLAMI

http://www.youtube.com/watch?v=pZFnyUlETcM

Andre

Nickie

 

 

 

8/09/14 : YOUSSEF GIGA – INTERVISTA

Buonasera amici!

Con questa nuova intervista vogliamo farvi conoscere un nostro amico!

 YOUSSEF GIGA! 

Non è un coreografo/ ballerino qualunque, perchè ha davvero delle grandi doti artistiche e non per altro ha collaborato con parecchi artisti della scena in diversi video musicali, in programmi televisivi piuttosto che come attore in noti film!

(per informarvi a fondo ,fatevi un giro sulla sua Official Facebook Page : https://www.facebook.com/YouGiga/info)

10599131_429334603874626_5625108640796075608_n

Procediamo con l’intervista 🙂

Bella YOUSSEF , come nasce la tua passione per la danza?

Mi sono avvicinato al mondo della danza da piccolino, un po’ per curiosità, un po’ per imitare i più grandi e soprattutto per l’amore verso la musica. Ho creduto profondamente nella mia passione e non ho mai smesso di metterla al primo posto della mia vita.

Ph.: Michael Dotti

-Quali sono state le prime soddisfazioni?

Le prime grandi soddisfazioni le ho potute provare ballando durante i live di alcuni “big” della scena musicale italiana ed internazionale come LMFAO, J-Ax, Club Dogo, Fabri Fibra, Marracash, Dj Motiv8 (Black Eyed Peas), Er Piotta, Tormento, Nesli, Emis Killa, Ensi, Two Fingerz.

-Da chi sei stato scoperto (non avendo mai partecipato a dei talent’s)?

E’ stato Il popolo del web a scoprirmi e ancora oggi è a loro che devo i miei più riconoscenti ringraziamenti per il costante ed intenso supporto.

Ph.: Michael Dotti

-Leggendo la tua bio, mi rendo conto che hai lavorato con molti artisti della scena musicale e televisiva, qual è stata la proposta di collaborazione più inaspettata?

Proprio l’anno scorso è arrivata quella che io considero la proposta più inaspettata che mi sia capitata, ovvero quella di collaborare con MTV Francia in veste di coreografo e ballerino per uno spot del canale francese. E’ stata una splendida esperienza.

Ph.: Michael Dotti

-Ultimamente hai collaborato con la Tim. Ora tutti possono vedere Giga in giro per le vie del paese! Com’è nata questa collaborazione?

Sono stato contattato dal loro staff questa primavera per lo shooting della nuova campagna pubblicitaria ..Ed ora mi ritrovo sui cartelloni pubblicitari in giro per l’Italia.

Ph.: Micheal Dotti

-Puoi svelarci qualche progetto futuro?

All’inizio di giugno è uscita la mia prima canzone “La mia bottiglia fa” interamente creata e ideata da me insieme al mio amico e produttore Lussorio Piras. Si tratta di un progetto, nato un po’ per gioco, per il quale ci siamo impegnati a 360° e che coniuga la nostra grande passione per la musica e per la danza. A breve l’uscita del nostro nuovo pezzo che si chiamerà “MOLLAMI” al quale stiamo lavorando intensamente.

Grazie per l’intervista GIGA!

Youssef GIGA:  www.youssefgiga.com

Andre

Nickie

 

 

 

INTERVISTA PELUSSJE : CIO’ CHE NON SAPETE DI LORO